Apri il menu principale

Fluorenilmetilossicarbonil cloruro

composto chimico
Fluorenilmetilossicarbonil cloruro
Fmoc-2D-skeletal.png
Nome IUPAC
9H-fluoren-9-ilmetill cloroformiato
Nomi alternativi
9-fluorenilmetil cloroformiato,

9-fluorenilmetossicarbonil cloruro,ù

Fmoc-cloruro, Fmoc-Cl
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareC15H11ClO2
Massa molecolare (u)258,70 g/mol
Numero CAS28920-43-6
Numero EINECS249-313-6
PubChem34367
SMILES
C1=CC=C2C(=C1)C(C3=CC=CC=C32)COC(=O)Cl
Proprietà chimico-fisiche
Temperatura di fusione62-64 °C
Indicazioni di sicurezza
Consigli PP280-P305 + P351 + P338-P310

Il Fluorenil metilossicarbonil cloruro (FMOC-Cl) è un estere cloroformiato, utilizzato per introdurre il gruppo protettivo FMOC come carbammato.

Indice

PreparazioneModifica

Può essere preparato per reazione tra il 9-fluorenilmetanolo con fosgene:[1]

 

ReattivitàModifica

Il carbammato FMOC viene utilizzato come gruppo protettivo per le ammine. Viene introdotto dallo FMOC-Cl come per esempio:[2]

 

L'altro metodo utilizzato prende la reazione con il 9-fluorenil metil succinimidil carbonato (FMOC-OSu), ottenibile dallo FMOC-Cl per reazione con il sale di dicicloesilammonio della N-idrossi succinimmide.[3]

Viene rimosso per trattamento con basi, come la piperidina, il cui meccanismo di cleavage è il seguente:

La protezione con FMOC ha trovato impiego nella sintesi peptidica in fase solida e per la sua rimozione con una soluzione di piperidina non disturba il linker acido labile tra il peptide e la resina.[4]

Essendo il gruppo fluorenile altamente fluorescente, alcuni composti UV-inattivi possono essere fatti reagire per dare derivati con lo Fmoc, adatti per l'analisi HPLC in fase inversa. Usi analitici del FMOC-Cl che non utilizzano la cromatografia possono essere limitati dal fatto che l'eccesso FMOC-Cl deve essere rimosso prima di un'analisi di fluorescenza, altrimenti saturerebbe il segnale.

Protezione delle ammine come Fluorenil metilossi carbonile (Fmoc)Modifica

 
ammina Fmoc-protetta

Questo elenco riassume i principali metodi di introduzione e rimozione:

Metodi di introduzioneModifica

Metodi di rimozioneModifica

NoteModifica

  1. ^ a b Louis A. Carpino e Grace Y. Han, 9-Fluorenylmethoxycarbonyl amino-protecting group, in The Journal of Organic Chemistry, vol. 37, nº 22, 1º novembre 1972, pp. 3404–3409, DOI:10.1021/jo00795a005. URL consultato il 30 gennaio 2017.
  2. ^ Yamada, Kazuhiko; Hashizume, Daisuke; Shimizu, Tadashi; Ohki, Shinobu; Yokoyama, Shigeyuki, A solid-state 17O NMR, X-ray, and quantum chemical study of N-α-Fmoc-protected amino acids, in Journal of Molecular Structure, vol. 888, nº 187, 2008, DOI:10.1016/j.molstruc.2007.11.059.
  3. ^ Alenka Paquet, Introduction of 9-fluorenylmethyloxycarbonyl, trichloroethoxycarbonyl, and benzyloxycarbonyl amine protecting groups into O-unprotected hydroxyamino acids using succinimidyl carbonates, in Canadian Journal of Chemistry, vol. 60, nº 8, 15 aprile 1982, pp. 976–980, DOI:10.1139/v82-146. URL consultato il 30 gennaio 2017.
  4. ^ J. Jones, Amino Acid and Peptide Synthesis, 2ª edizione, Oxford University Press, 2002.
  5. ^ Wuts, P; Green, T (2006); "Greene's Protective Groups in Organic Synthesis"; DOI: 10.1002/9780470053485.
  6. ^ Farrera-Sinfreu, Josep; Royo, Miriam; Albericio, Fernando, Undesired removal of the Fmoc group by the free ε-amino function of a lysine residue, in Tetrahedron Letters, vol. 43, 2002, pp. 7813–7815, DOI:10.1016/S0040-4039(02)01605-2.
  Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia