Apri il menu principale
Folco di Neuilly predica per la crociata, De la Conquête de Constantinople di Goffredo di Villehardouin, manoscritto Laud Misc. 587 della Biblioteca Bodleiana

Folco di Neuilly (... – 2 maggio 1202) è stato un religioso francese, predicatore della quarta crociata.

Secondo Jacques de Vitry, ebbe una giovinezza turbolenta, ma visse una conversione improvvisa Nel 1191 divenne parroco a Neuilly-sur-Marne, nella diocesi di Parigi; ricevette la sua formazione teologica da Pietro Cantore a Notre-Dame di Parigi.

Presto si manifestò come predicatore, denunciando l'usura, criticando l'arroganza della nobiltà e aiutando le prostitute a redimersi; acquisì grande notorietà per la sua pietà, ma soprattutto per la sua eloquenza, che era tale da far pensare a molti che fosse ispirato dallo Spirito Santo. Predicò a Parigi e successivamente in Normandia, a Lisieux e Caen, poi in Borgogna, in Piccardia, nelle Fiandre. Gli veniva accreditato il potere di fare miracoli e da ogni parte gli venivano portati malati, che lui curata con l'imposizione delle mani e dal segno della croce.

Nel 1198 fondò l'abbazia cistercense di Saint-Antoine-des-Champs a Parigi.

Il 15 agosto 1198 papa Innocenzo III, a pochi mesi dalla sua elezione al soglio pontificio, emanava un'enciclica con la quale incitava i cattolici alla riconquista di Gerusalemme. La reazione degli stati europei non fu proprio entusiasta. I tedeschi erano in polemica con il papa, Francia ed Inghilterra combattevano una delle loro guerre e le città marinare perché avevano i loro interessi in Oriente. Ciononostante, principalmente in seguito alle fervide prediche di Folco di Neuilly, la crociata venne posta in essere: in occasione di un torneo tenuto ad Écry-sur-Seine ed organizzato dal conte Teobaldo III di Champagne nel novembre 1199, Folco intervenne e con la sua eloquenza fece giurare ai presenti che avrebbero preso la croce [in realtà si tratta di una partecipazione fortemente dubbia].

I suoi contemporanei lo accusarono di essersi appropriato di una parte del denaro raccolto per la crociata. Folco morì prima che la crociata venisse deviata a Costantinopoli.

Indice

BibliografiaModifica

  • C. Grasso, Folco di Neuilly sacerdos et predicator crucis, in "Nuova Rivista Storica", Anno 2010 - Volume XCIV - Fascicolo III, p. 741-764.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN49615370 · GND (DE102468516 · CERL cnp00290085 · WorldCat Identities (EN49615370