Apri il menu principale

Fondation Grand-Paradis

Fondation Grand-Paradis
(FR) Fondation Grand-Paradis
(IT) Fondazione Gran Paradiso
Tipono-profit
Fondazione1998
Scopoculturale, ambientale
Sede centraleItalia Villaggio Minatori
11012 Cogne (AO)
PresidenteDavid Follien
Lingue ufficialiitaliano, francese
Sito web

Fondation Grand-Paradis, in italiano Fondazione Gran Paradiso, è una fondazione senza scopo di lucro istituita nel 1998 per coordinare e gestire strutture, progetti e attività relativi all'Espace Grand Paradis, il territorio valdostano del Parco nazionale del Gran Paradiso che comprende la Val di Cogne, la Valsavarenche e la Val di Rhêmes e più in generale il territorio gestito dalla Comunità Montana Grand Paradis.

Fondation Grand-Paradis ha la propria sede nel Villaggio minatori, un tempo parte del complesso minerario di Cogne e oggi recuperato come centro polivalente. Il sito è ancora caratterizzato da elementi di archeologia industriale[1].

La Fondazione si finanzia annualmente con i contributi dei soci che, insieme al complesso di beni, rapporti giuridici e altri proventi, costituiscono il suo patrimonio.

StoriaModifica

Fin dagli anni novanta la Regione Valle d'Aosta, collaborando con altri enti locali quali la Comunità Montana Grand Paradis e l'Ente Parco, si è mossa per recuperare sul territorio regionale alcune strutture da adibire a centri visitatori; la Fondazione nasce all'interno di questo progetto, definito Grand-Paradis Accueil, per promuovere il turismo culturale e ambientale nell'area valdostana del Parco nazionale del Gran Paradiso e per ottimizzare la gestione delle risorse messe in campo dagli enti presenti sul territorio.[2][3]

La Giunta regionale ha approvato in data 10 dicembre 1997 il disegno di legge regionale istitutivo della Fondazione, affidandole una dotazione finanziaria iniziale di 150 milioni di lire. Fondation Grand-Paradis viene istituita ufficialmente con L. R. n. 14 del 14 aprile 1998. La legge viene modificata dalla L. R. n. 34 del 16 novembre 1999 e in seguito sostituita dalla L. R. n. 14, del 10 agosto 2004, attuale legge regionale di riferimento per la Fondazione. L'onere finanziario previsto dalla legge regionale del 2004 è stato fissato in 250.000 euro annui a partire dal 2005, modificabile in base alle disponibilità di bilancio.[4]

SitiModifica

Negli anni duemila sono stati aperti gli spazi del Villaggio Minatori e nuovi centri visite all'interno del Parco. Oggi la Fondation Grand-Paradis gestisce i centri visitatori valdostani del Parco nazionale Gran Paradiso, rispettivamente al Villaggio Minatori di Cogne, a Dégioz in Valsavarenche e in località Chanavey a Rhêmes-Notre-Dame e il Giardino alpino Paradisia in Valnontey[5], oltre ai due castelli di Introd e di Châtel-Argent, alla Maison-musée Jean-Paul II e ai due ecomusei o maisons du patrimoine Gérard-Dayné e Bruil e gli spazi espositivi e per conferenze di Cogne (Maison de la Grivola) e Rhêmes-Saint-Georges (Maison Pellissier).

ListaModifica

La Fondation Grand-Paradis gestisce i seguenti siti:

IniziativeModifica

Tra le varie iniziative promosse da Fondation Grand-Paradis ci sono mostre fotografiche, una rete di hotspot Wi-Fi gratuiti nei sette comuni dell'Espace Grand Paradis, il concorso letterario Lupus in fabula[6], il concorso cinematografico Gran Paradiso International Nature Film Festival - Trofeo Stambecco d'Oro[7], vari progetti per la mobilità sostenibile[8] e la promozione dei prodotti e dell'imprenditoria locale, laboratori didattici e visite guidate alla scoperta del parco, esperienze di realtà aumentata sui sentieri del Parco nazionale grazie ad un sistema di guide georeferenziate e fruibili da smartphone[9][10]. Nel corso del 2012 ha festeggiato i 90 anni del Parco nazionale del Gran Paradiso.

SociModifica

I soci della Fondazione sono quell'insieme di enti culturalmente e territorialmente presenti nel versante valdostano del Parco: la Regione Valle d'Aosta, la Comunità Montana Grand Paradis, l'Ente Parco del Parco nazionale Gran Paradiso, i comuni di Aymavilles, Cogne, Introd, Rhêmes-Saint-Georges, Rhêmes-Notre-Dame, Valsavarenche e Villeneuve. Oltre a questi soggetti la legge regionale del 2004 ha indicato previa riconferma il Museo minerario regionale e l'Associazione professionale Guide del Parco nazionale Gran Paradiso.[4]

OrganiModifica

Gli organi della Fondation Grand-Paradis sono: il presidente, il consiglio di amministrazione, il comitato esecutivo, il collegio dei revisori dei conti.[4]

Attuale presidente della Fondazione è David Follien. Luisa Vuillermoz è la direttrice.

NoteModifica

  1. ^ La sede è concessa in comodato d'uso dalla Regione.
  2. ^ Negli stessi anni, per adeguarsi alla Legge Quadro sulle Aree Protette n. 394 del 6 dicembre 1991, vengono modificate le discipline dei singoli parchi e stipulate intese tra lo stato e le regioni, tra cui quelle tra lo Stato, la Regione Piemonte e la Regione Valle d'Aosta per quel che riguarda il Parco nazionale Gran Paradiso. Cfr. Nicola Tartaglione
  3. ^ Nicola Tartaglione, Fondazione Grand-Paradis Accueil, in Environnement, nº 5, 1998.
  4. ^ a b c Legge regionale 10 agosto 2004, n. 14.
  5. ^ Parco Nazionale del Gran Paradiso: Centri visita in Valle d'Aosta sul sito della Regione Valle d'Aosta
  6. ^ Lupus in fabula[collegamento interrotto]
  7. ^ Sito dell'International Nature Film Festival
  8. ^ In linea con l'adesione di Cogne all'Associazione Perle delle Alpi. Il progetto Giroparchi in particolare coinvolge anche il territorio del parco naturale del Mont Avic.
  9. ^ Géoguide Grand Paradis
  10. ^ Progetti sul sito di Fondation Grand-Paradis.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica