Football Club Internazionale Milano 2004-2005

FC Internazionale Milano
Stagione 2004-2005
AllenatoreItalia Roberto Mancini
All. in secondaItalia Fernando Orsi
PresidenteItalia Giacinto Facchetti
Serie A3º (in Champions League)
Coppa ItaliaVincitore
Champions LeagueQuarti di finale
Maggiori presenzeCampionato: J. Zanetti (35)[1][2]
Totale: J. Zanetti (51)
Miglior marcatoreCampionato: Adriano (16)[1][2]
Totale: Adriano (28)
StadioGiuseppe Meazza
Abbonati44 944[3]
Maggior numero di spettatori78 471 vs Juventus
(28 novembre 2004)[3]
Minor numero di spettatori48 479 vs Atalanta
(2 febbraio 2005)[3]
Media spettatori57 259[3]¹
¹
considera le partite giocate in casa in campionato.
Dati aggiornati al 15 giugno 2005

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti il Football Club Internazionale Milano nelle competizioni ufficiali della stagione 2004-2005.

StagioneModifica

Nell'estate 2004 la società affidò la propria conduzione tecnica a Roberto Mancini[4][5], protagonista di un positivo biennio alla guida della Lazio.[6] L'organico registrò numerosi arrivi con Favalli, Mihajlović, Zé Maria e Burdisso aggiuntisi alla retroguardia[7]; a centrocampo furono acquistati Cambiasso, Verón e Davids.[8] In attacco Kallon fu rimpiazzato da Choutos[9], unitamente al ritorno di Ventola[10]: l'abbondanza del reparto offensivo precluse al greco il debutto, con una fugace apparizione in Champions League per la punta italiana.[11] Riguardo i movimenti in uscita da segnalare la cessione di Fabio Cannavaro alla Juventus[12], col portiere Carini giunto in nerazzurro quale contropartita dell'affare.[13]

Sul versante europeo l'Inter sconfisse il Basilea nei turni preliminari, accadimento cui si legò la vicenda del tifoso elvetico Rudolf Bantle[14]: smarritosi fuori dallo stadio, trascorse oltre un decennio vivendo come clochard nel quartiere Baggio per fare ritorno in Svizzera solamente nell'autunno 2015.[15] Avversarie della fase a gironi — ciascuna delle quali vincitrice del rispettivo titolo nazionale — furono Anderlecht, Valencia e Werder Brema[16]: espugnando con ampio margine il terreno degli andalusi, peraltro detentori della Coppa UEFA[17], la Beneamata centrò la qualificazione con 14 punti sui 18 disponibili e senza sconfitte al passivo.[18] Il percorso in coppa riscattò un campionato caratterizzato da numerosi pareggi[19], statistica che rese incolmabile il divario dal vertice sin dalle prime battute[20][21]: impattando consecutivamente per 7 turni[22][23], dalla 7ª alla 13ª giornata[24], i meneghini replicarono la striscia instaurata dal Mantova nel torneo 1966-67.[25]

 
Il nuovo tecnico Mancini, vincitore della Coppa Italia al primo anno sulla panchina nerazzurra.

In attesa della knock-out phase di Champions League[26], la squadra riprese a concorrere per la terza piazza in campionato[27]: degna di nota in tal senso una storica vittoria contro la Sampdoria[28], rimontata dal punteggio di 0-2 a 3-2 nell'arco di 6'.[29] Durante la stagione i nerazzurri giunsero ad inanellare un filotto di 38 risultati utili consecutivi[30][31], per un totale complessivo di 40 gare senza battute d'arresto assommando ai numeri dell'annata corrente l'imbattibilità aperta il 9 maggio 2004.[32][33] A frantumare la serie fu la stracittadina del 27 febbraio 2005[34], risoltasi in favore di un Milan che estromise poi i rivali nei quarti di finale della manifestazione europea[35]: a tale derby gli uomini di Mancini erano pervenuti superando, negli ottavi di finale, i campioni in carica del Porto.[36]

Battuta per 2-0 all'andata[37], la formazione perse sub iudice nel ritorno a causa del lancio di petardi compiuto dalla tifoseria[38]: il fatto sfociò nel ferimento del portiere rossonero Dida[39], circostanza punita dalla UEFA con la chiusura dell'impianto ai sostenitori per 4 gare del massimo torneo continentale.[40][41] L'àncora di salvezza della stagione divenne quindi il terzo posto in classifica[42], traguardo cui concorse l'affermazione esterna — con rete di Cruz[43] nel derby d'Italia[44]: con 14 punti di ritardo dalla Juventus e 7 dai rossoneri[45], la compagine milanese ebbe accesso ai preliminari di Champions.[46] Ad entrare negli annali furono i 18 pareggi in 38 incontri[47][48], cifra-record per il campionato italiano e in seguito eguagliata dall'Empoli nel 2014-15.

Mancini riportò comunque i lombardi alla vittoria aggiudicandosi la Coppa Italia, assente in bacheca dal 1982[19]: l'Inter raggiunse l'atto conclusivo eliminando nell'ordine Bologna, Atalanta e Cagliari.[49] L'ultimo ostacolo fu rappresentato dalla Roma, sconfitta in entrambe le gare[19]: impostasi in casa dei capitolini con doppietta di Adriano[50], la Beneamata trionfò quindi a domicilio con rete su punizione di Mihajlović.[51] Per il club si trattò del ritorno ad un trofeo dopo 7 anni[52][53], dai tempi della Coppa UEFA vinta con Simoni nel 1998.[54]

Maglie e sponsorModifica

Lo sponsor tecnico per la stagione 2004-2005 fu la Nike, mentre lo sponsor ufficiale fu la Pirelli.[55]

1ª divisa
2ª divisa
3ª divisa

Organigramma societarioModifica

[56]

Area Direttiva

Area marketing

  • Direttore marketing: Walter Bussolera
  • Direttore commerciale: Barbara Ricci

Area organizzativa

  • Segretario generale: Luciano Cucchia
  • Team manager: Guido Susini

Area comunicazione

  • Responsabile area comunicazione: Gino Franchetti
  • Capo ufficio stampa: Sandro Sabatini
  • Ufficio Stampa: Giuseppe Sapienza
  • Direttore editoriale: Susanna Wermelinger

Area tecnica

Area sanitaria

  • Medico prima squadra: Franco Combi
  • Fisioterapista: Sergio Viganò
  • Massofisioterapisti: Massimo Della Casa e Marco Della Casa

RosaModifica

N. Ruolo Giocatore
1   P Francesco Toldo
2   D Iván Córdoba
3   D Nicolás Burdisso
4   D Javier Zanetti (capitano)
5   C Emre Belözoğlu
6   C Cristiano Zanetti
7   C Andy van der Meyde
8   C Edgar Davids
9   A Julio Ricardo Cruz
10   A Adriano
11   D Siniša Mihajlović
12   P Alberto Fontana
13   D Zé Maria
14   C Juan Sebastián Verón
15   P Fabián Carini
16   D Giuseppe Favalli
18   C Kily González
N. Ruolo Giocatore
19   C Esteban Cambiasso
20   A Álvaro Recoba
21   C Giōrgos Karagkounīs
23   D Marco Materazzi
24   D Carlos Alberto Gamarra
25   C Dejan Stanković
26   D Giovanni Pasquale[57]
27   P Mathieu Moreau
28   C Mario Rebecchi[57]
30   A Obafemi Martins
32   A Christian Vieri
38   D Paolo Hernán Dellafiore
71   P Alex Cordaz[57]
77   D Francesco Coco
78   A Nicola Ventola[58]
99   A Lampros Choutos[57]
-   C Ianis Zicu[57]

Aggregati dalla PrimaveraModifica

N. Ruolo Giocatore
35   P Moreno Impagnatiello
36   P Luca Bonfiglio
37   P Paolo Tornaghi
39   D Simone Fautario
40   D Nicolas Giani
41   D Flavio Visconti
42   C Daniel Semenzato
43   C Saidi Adeshokan
44   C Omar Laribi
45   A Francesco Bilardo
N. Ruolo Giocatore
46   A Yrius Roberto Carboni
47   C Dino Marino
48   A Riccardo Meggiorini[57]
49   D Marco Andreolli
50   A Matteo Momenté
51   D Fabrizio Biava
55   C Daniel Maa Boumsong
58   C Tijani Belaid
87   P Giacomo Bindi

CalciomercatoModifica

Sessione estiva (dall'1/7 al 31/8)Modifica

Acquisti[59]
R. Nome da Modalità
P Mathieu Moreau Spezia fine prestito
P Fabián Carini Juventus definitivo (10 milioni €)
D Giuseppe Favalli Lazio parametro zero
D Siniša Mihajlović Lazio parametro zero
D Nicolás Burdisso Boca Juniors definitivo (4 milioni €)
C Juan Sebastián Verón Chelsea prestito gratuito
C Esteban Cambiasso Real Madrid svincolato
C Edgar Davids Barcellona parametro zero
C Zé Maria Perugia definitivo (1,4 milioni €)
A Lampros Choutos Olympiakos svincolato
Cessioni[59]
R. Nome a Modalità
P Mathieu Moreau Ternana prestito
D Jérémie Bréchet Real Sociedad definitivo (4 milioni €)
D Daniele Adani Brescia svincolato
D Thomas Helveg Norwich City svincolato
D Fabio Cannavaro Juventus definitivo (10 milioni €)
D Okan Buruk Beşiktaş definitivo
C Matías Almeyda Brescia svincolato
A Mohamed Kallon Monaco definitivo (5 milioni €)
A Nicola Ventola Crystal Palace prestito

Sessione invernale (dal 2/1 all'1/2)Modifica

Acquisti[59]
R. Nome da Modalità
P Júlio César Flamengo definitivo
Cessioni[59]
R. Nome da Modalità
P Júlio César Chievo prestito
P Alex Cordaz Spezia prestito
D Giovanni Pasquale Siena prestito
C Mario Rebecchi svincolato
C Ianis Zicu Parma prestito
A Riccardo Meggiorini Spezia prestito
A Lampros Choutos Atalanta prestito

RisultatiModifica

Serie AModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Serie A 2004-2005.

Girone di andataModifica

Verona
11 settembre 2004, ore 18:00 CEST
1ª giornata
Chievo2 – 2
referto
InterStadio Marcantonio Bentegodi (32.500 spett.)
Arbitro:  Paparesta (Bari)

Milano
18 settembre 2004, ore 20:30 CEST
2ª giornata
Inter1 – 1
referto
PalermoStadio Giuseppe Meazza (68.190 spett.)
Arbitro:  Bertini (Arezzo)

Bergamo
22 settembre 2004, ore 20:30 CEST
3ª giornata
Atalanta2 – 3
referto
InterStadio Atleti Azzurri d'Italia (22.000 spett.)
Arbitro:  Paparesta (Bari)

Milano
26 settembre 2004, ore 15:00 CEST
4ª giornata
Inter2 – 2
referto
ParmaStadio Giuseppe Meazza (60.000 spett.)
Arbitro:  Morganti (Ascoli Piceno)

Roma
3 ottobre 2004, ore 20:30 CEST
5ª giornata
Roma3 – 3
referto
InterStadio Olimpico (60.000 spett.)
Arbitro:  Bertini (Arezzo)

Milano
17 ottobre 2004, ore 15:00 CEST
6ª giornata
Inter3 – 1
referto
UdineseStadio Giuseppe Meazza (60.000 spett.)
Arbitro:  Paparesta (Bari)

Milano
24 ottobre 2004, ore 20:30 CEST
7ª giornata
Milan0 – 0
referto
InterStadio Giuseppe Meazza (79.775 spett.)
Arbitro:  Rosetti (Torino)

Lecce
27 ottobre 2004, ore 20:30 CEST
8ª giornata
Lecce2 – 2
referto
InterStadio Via del Mare (25.000 spett.)
Arbitro:  Rodomonti (Teramo)

Milano
30 ottobre 2004, ore 20:30 CEST
9ª giornata
Inter1 – 1
referto
LazioStadio Giuseppe Meazza (50.000 spett.)
Arbitro:  Trefoloni (Siena)

Firenze
7 novembre 2004, ore 15:00 CET
10ª giornata
Fiorentina1 – 1
referto
InterStadio Artemio Franchi (42.000 spett.)
Arbitro:  De Santis (Tivoli)

Milano
10 novembre 2004, ore 20:30 CET
11ª giornata
Inter2 – 2
referto
BolognaStadio Giuseppe Meazza (48.692 spett.)
Arbitro:  Rosetti (Torino)

Cagliari
14 novembre 2004, ore 15:00 CET
12ª giornata
Cagliari3 – 3
referto
InterStadio Sant'Elia (22.000 spett.)
Arbitro:  Pieri (Lucca)

Milano
28 novembre 2004, ore 20:30 CET
13ª giornata
Inter2 – 2
referto
JuventusStadio Giuseppe Meazza (78.471 spett.)
Arbitro:  Rodomonti (Teramo)

Milano
4 dicembre 2004, ore 20:30 CET
14ª giornata
Inter5 – 0
referto
MessinaStadio Giuseppe Meazza (55.509 spett.)
Arbitro:  Collina (Viareggio)

Siena
12 dicembre 2004, ore 15:00 CET
15ª giornata
Siena2 – 2
referto
InterStadio Artemio Franchi - Montepaschi Arena (12.000 spett.)
Arbitro:  Farina (Novi Ligure)

Milano
19 dicembre 2004, ore 15:00 CET
16ª giornata
Inter1 – 0
referto
BresciaStadio Giuseppe Meazza (50.000 spett.)
Arbitro:  Collina (Viareggio)

Livorno
6 gennaio 2005, ore 15:00 CET
17ª giornata
Livorno0 – 2
referto
InterStadio Armando Picchi (20.000 spett.)
Arbitro:  Rosetti (Torino)

Milano
9 gennaio 2005, ore 15:00 CET
18ª giornata
Inter3 – 2
referto
SampdoriaStadio Giuseppe Meazza (55.000 spett.)
Arbitro:  Bertini (Arezzo)

Reggio Calabria
15 gennaio 2005, ore 20:30 CET
19ª giornata
Reggina0 – 0
referto
InterStadio Oreste Granillo (22.000 spett.)
Arbitro:  Rosetti (Torino)

Girone di ritornoModifica

Milano
22 gennaio 2005, ore 20:30 CET
20ª giornata
Inter1 – 1
referto
ChievoStadio Giuseppe Meazza (51.395 spett.)
Arbitro:  Paparesta (Bari)

Palermo
30 gennaio 2005, ore 20:30 CET
21ª giornata
Palermo0 – 2
referto
InterStadio Renzo Barbera (34.047 spett.)
Arbitro:  Trefoloni (Siena)

Milano
2 febbraio 2005, ore 20:30 CET
22ª giornata
Inter1 – 0
referto
AtalantaStadio Giuseppe Meazza (48.479 spett.)
Arbitro:  Racalbuto (Gallarate)

Parma
6 febbraio 2005, ore 15:00 CET
23ª giornata
Parma2 – 2
referto
InterStadio Ennio Tardini (19.472 spett.)
Arbitro:  Collina (Viareggio)

Milano
12 febbraio 2005, ore 20:30 CET
24ª giornata
Inter2 – 0
referto
RomaStadio Giuseppe Meazza (61.116 spett.)
Arbitro:  Trefoloni (Siena)

Udine
19 febbraio 2005, ore 20:30 CET
25ª giornata
Udinese1 – 1
referto
InterStadio Friuli (19.000 spett.)
Arbitro:  Paparesta (Bari)

Milano
27 febbraio 2005, ore 20:30 CET
26ª giornata
Inter0 – 1
referto
MilanStadio Giuseppe Meazza (78.347 spett.)
Arbitro:  De Santis (Tivoli)

Milano
6 marzo 2005, ore 15:00 CET
27ª giornata
Inter2 – 1
referto
LecceStadio Giuseppe Meazza (50.000 spett.)
Arbitro:  Rodomonti (Teramo)

Milano
12 marzo 2005, ore 20:30 CET
28ª giornata
Lazio1 – 1
referto
InterStadio Giuseppe Meazza (50.673 spett.)
Arbitro:  Trefoloni (Siena)

Milano
20 marzo 2005, ore 15:00 CET
29ª giornata
Inter3 – 2
referto
FiorentinaStadio Giuseppe Meazza (55.000 spett.)
Arbitro:  Bertini (Arezzo)

Bologna
9 aprile 2005, ore 18:00 CEST
30ª giornata[60]
Bologna0 – 1
referto
InterStadio Renato Dall'Ara (23.000 spett.)
Arbitro:  Farina (Novi Ligure)

Milano
17 aprile 2005, ore 15:00 CEST
31ª giornata
Inter2 – 0
referto
CagliariStadio Giuseppe Meazza (20.000 spett.)
Arbitro:  Saccani (Mantova)

Torino
20 aprile 2005, ore 20:30 CEST
32ª giornata
Juventus0 – 1
referto
InterStadio delle Alpi (35.000 spett.)
Arbitro:  De Santis (Tivoli)

Messina
24 aprile 2005, ore 15:00 CEST
33ª giornata
Messina2 – 1
referto
InterStadio San Filippo (33.000 spett.)
Arbitro:  Farina (Novi Ligure)

Milano
1º maggio 2005, ore 15:00 CEST
34ª giornata
Inter2 – 0
referto
SienaStadio Giuseppe Meazza (45.000 spett.)
Arbitro:  Dondarini (Finale Emilia)

Brescia
8 maggio 2005, ore 15:00 CEST
35ª giornata
Brescia0 – 3
referto
InterStadio Mario Rigamonti (24.000 spett.)
Arbitro:  Paparesta (Bari)

Milano
15 maggio 2005, ore 15:00 CEST
36ª giornata
Inter1 – 0
referto
LivornoStadio Giuseppe Meazza (52.646 spett.)
Arbitro:  Brighi (Cesena)

Genova
22 maggio 2005, ore 15:00 CEST
37ª giornata
Sampdoria0 – 1
referto
InterStadio Luigi Ferraris (30.000 spett.)
Arbitro:  Racalbuto (Gallarate)

Milano
29 maggio 2005, ore 15:00 CEST
38ª giornata
Inter0 – 0
referto
RegginaStadio Giuseppe Meazza (41.000 spett.)
Arbitro:  Ayroldi (Molfetta)

Coppa ItaliaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia 2004-2005.

Ottavi di finaleModifica

Milano
21 novembre 2004, ore 21:00 CET
Andata
Inter3 – 1BolognaStadio Giuseppe Meazza
Arbitro:  Cassarà (Palermo)

Bologna
12 gennaio 2005, ore 17:30 CET
Ritorno
Bologna1 – 3InterStadio Dall'Ara
Arbitro:  Gabriele (Frosinone)

Quarti di finaleModifica

Bergamo
27 gennaio 2005, ore 21:00 CET
Andata
Atalanta0 – 1InterStadio Atleti Azzurri d'Italia
Arbitro:  Palanca (Roma)

Milano
16 febbraio 2005, ore 17:30 CET
Ritorno
Inter3 – 0AtalantaStadio Giuseppe Meazza
Arbitro:  Rizzoli (Bologna)

SemifinaliModifica

Cagliari
12 maggio 2005, ore 21:00 CEST
Andata
Cagliari1 – 1InterStadio Sant'Elia
Arbitro:  Bertini (Arezzo)

Milano
18 maggio 2005, ore 17:30 CEST
Ritorno
Inter3 – 1CagliariStadio Giuseppe Meazza
Arbitro:  Pieri (Genova)

FinaliModifica

Roma
12 giugno 2005, ore 21:30 CET
Andata
Roma0 – 2InterStadio Olimpico (73.437 spett.)
Arbitro:  Collina (Viareggio)

Milano
15 giugno 2005, ore 20:45 CET
Ritorno
Inter1 – 0RomaStadio Giuseppe Meazza (72.034 spett.)
Arbitro:  Trefoloni (Siena)

UEFA Champions LeagueModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: UEFA Champions League 2004-2005.

Terzo turno preliminareModifica

Basilea
11 agosto 2004, ore 20:45 CET
Andata
Basilea1 – 1
referto
InterSt. Jakob-Park (29.500 spett.)
Arbitro:   Poll

Milano
24 agosto 2004, ore 21:00 CEST
Ritorno
Inter4 – 1
referto
BasileaStadio Giuseppe Meazza (50.402 spett.)
Arbitro:   Frisk

Fase a gironiModifica

Milano
14 settembre 2004, ore 20:45 CET
1ª Giornata
Inter2 – 0
referto
Werder BremaStadio Giuseppe Meazza (35.000 spett.)
Arbitro:   Micheľ

Anderlecht
29 settembre 2004, ore 20:45 CET
2ª Giornata
Anderlecht1 – 3
referto
InterConstant Vanden Stock Stadium (22.000 spett.)
Arbitro:   Vassaras

Valencia
20 ottobre 2004, ore 20:45 CEST
3ª Giornata
Valencia1 – 5
referto
InterEstadio de Mestalla (48.000 spett.)
Arbitro:   Meier

Milano
2 novembre 2004, ore 20:45 CEST
4ª Giornata
Inter0 – 0
referto
ValenciaStadio Giuseppe Meazza (35.000 spett.)
Arbitro:   Ivanov

Brema
24 novembre 2004, ore 20:45 CET
5ª Giornata
Werder Brema1 – 1
referto
InterWeserstadion (36.728 spett.)
Arbitro:   Veissière

Milano
7 dicembre 2004, ore 20:45 CET
6ª Giornata
Inter3 – 0
referto
AnderlechtStadio Giuseppe Meazza (30.000 spett.)
Arbitro:   Riley

Ottavi di finaleModifica

Porto
23 febbraio 2005, ore 20:45 CET
Andata
Porto1 – 1
referto
InterEstádio do Dragão (38.180 spett.)
Arbitro:   Poll

Milano
15 marzo 2005, ore 20:45 CET
Ritorno
Inter3 – 1
referto
PortoStadio Giuseppe Meazza (65.750 spett.)
Arbitro:   Hauge

Quarti di finaleModifica

Milano
6 aprile 2005, ore 20:45 CEST
Andata
Milan2 – 0
referto
InterStadio Giuseppe Meazza (78.958[61] spett.)
Arbitro:   Sars

Milano
12 aprile 2005, ore 20:45 CEST
Ritorno
Inter0 – 3[62]
referto
MilanStadio Giuseppe Meazza (82.734[63] spett.)
Arbitro:   Merk

StatisticheModifica

Statistiche aggiornate al 15 giugno 2005.

Statistiche di squadraModifica

Competizione Punti In casa In trasferta Totale DR
G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs
  Serie A 72 19 11 7 1 34 16 19 7 11 1 31 21 38 18 18 2 65 37 28
  Coppa Italia - 4 4 0 0 10 2 4 3 1 0 7 2 8 7 1 0 17 4 13
  Champions League 14 6 4 1 1 12 5[64] 6 2 3 1 11 7 12 6 4 2 23 12 11
Totale - 29 19 8 2 56 23[64] 29 12 15 2 49 30 58 31 23 4 105 53[64] 52

Andamento in campionatoModifica

Giornata 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38
Luogo T C T C T C T T C T C T C C T C T C T C T C T C T C C T C T C T T C T C T C
Risultato N N V N N V N N N N N N N V N V V V N N V V N V N P V N V V V V P V V V V N
Posizione 8 13 7 6 9 6 5 6 5 6 7 7 7 6 5 4 4 4 4 4 3 3 4 3 3 4 4 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3

Legenda:
Luogo: C = Casa; T = Trasferta. Risultato: V = Vittoria; N = Pareggio; P = Sconfitta.

Statistiche dei giocatoriModifica

Sono in corsivo i calciatori che hanno lasciato la società a stagione in corso.[1][2]

Giocatore Serie A Coppa Italia Champions League Totale
                               
Adriano, Adriano 301620320091001422821
Andreolli, M. M. Andreolli 1000000000001000
Belaid, T. T. Belaid 1000000000001000
Belözoğlu, E. E. Belözoğlu 190402100600027140
Biava, F. F. Biava 0000100000001000
Burdisso, N. N. Burdisso 80104000300015010
Cambiasso, E. E. Cambiasso 3027030001101044280
Carini, F. F. Carini 4-3004-21010009-510
Coco, F. F. Coco 3000300000006000
Córdoba, I. I. Córdoba 323100401010040463150
Cruz, J. J. Cruz 185006200821032910
Davids, E. E. Davids 140204000501023030
Dellafiore, P. P. Dellafiore 0000000010001000
Favalli, G. G. Favalli 260602000903037090
Fontana, A. A. Fontana 5-6002-2002-1009-900
Gamarra, C. C. Gamarra 3000300000006000
González, K. K. González 140005010201021020
Karagkounīs, G. G. Karagkounīs 120005000300020000
Marino, D. D. Marino 2000100000003000
Martins, O. O. Martins 31110066109510462220
Materazzi, M. M. Materazzi 260615010901040081
Meggiorini, R. R. Meggiorini 1000000000001000
Mihajlović, S. S. Mihajlović 204406110401030560
Pasquale, G. G. Pasquale 4000000020006000
Recoba, A. A. Recoba 133204200511022630
Stanković, D. D. Stanković 31381601010310476101
Toldo, F. F. Toldo 30-282120009-110041-3921
van der Meyde, A. A. van der Meyde 180405000610029140
Verón, J. J. Verón 2437050001002039390
Vieri, C. C. Vieri 27133033006100361730
Zanetti, C. C. Zanetti 2309030107020330120
Zanetti, J. J. Zanetti 3501050001100051010
Zé Maria, Zé Maria 221107000700036110

NoteModifica

  1. ^ a b c Panini, Presenze, pp. 364-365.
  2. ^ a b c Grassia, Lotito, Statistiche, p. 238.
  3. ^ a b c d (EN) Statistiche Spettatori Serie A 2004-2005, su stadiapostcards.com.
  4. ^ Zaccheroni verso la Fiorentina, tutto pronto per Mancini all'Inter, su repubblica.it, 14 giugno 2004.
  5. ^ Gianni Piva, Facchetti annuncia Mancini ma ora c'è il problema Lazio, su repubblica.it, 16 giugno 2004.
  6. ^ Mancini è il nuovo tecnico dell'Inter, su inter.it, 7 luglio 2004.
  7. ^ Gianni Piva, Mancini: "Cara Inter, adesso ci divertiamo", su repubblica.it, 9 luglio 2004.
  8. ^ L'Inter ingaggia Davids, contratto fino al 2007, su repubblica.it, 11 luglio 2004.
  9. ^ Filippo Di Chiara, Kallon dice sì al Monaco per 4 anni, in La Gazzetta dello Sport, 21 luglio 2004.
  10. ^ Manlio Gasparotto, Che Primavera in una notte d'estate, in La Gazzetta dello Sport, 29 luglio 2004.
  11. ^ Giancarlo Laurenzi, L'Inter torna grande con l'Adriano show, in La Stampa, 25 agosto 2004, p. 32.
  12. ^ Carlo Laudisa, Cannavaro, e la Juve ha i muscoli, in La Gazzetta dello Sport, 27 agosto 2004.
  13. ^ Paolo Forcolin, Olivera c'è. Cannavaro pure, in La Gazzetta dello Sport, 29 agosto 2004.
  14. ^ Davide Cantoni, "Lo smemorato di San Siro" torna a casa: si era perso 11 anni fa durante una partita a Milano, su milano.repubblica.it, 2 novembre 2015.
  15. ^ Giulio Di Feo, Andò in bagno a San Siro e poi si perse: 11 anni dopo il tifoso torna in Svizzera, su gazzetta.it, 3 novembre 2015.
  16. ^ Roberto Beccantini, Vieri sbaglia anche i rigori, l'Inter ringrazia Adriano, in La Stampa, 15 settembre 2004, p. 35.
  17. ^ Francesco Fontana, Valencia-Inter 1-5, 21/10/2004 - Il capolavoro europeo del Mancio, su fcinternews.it, 1º febbraio 2014.
  18. ^ 4 cose sulla prima Inter di Mancini, su ilpost.it, 15 novembre 2014.
  19. ^ a b c Grassia, Lotito, Dopo Zaccheroni, Moratti rinuncia a Capello e arriva al "Mancio", p. 189.
  20. ^ Marco Ernesto Ansaldo, Inter: Vieri-zavorra, Martins allontana l'incubo, in La Stampa, 27 settembre 2004, p. 41.
  21. ^ Marco Ernesto Ansaldo, Adriano sbaraglia l'Udinese, Vieri si sblocca, in La Stampa, 18 ottobre 2004, p. 41.
  22. ^ Gianni Piva, LECCE - INTER, in la Repubblica, 28 ottobre 2004, p. 59.
  23. ^ Giancarlo Laurenzi, Inter, questa volta il pari è una festa, in La Stampa, 15 novembre 2004, p. 39.
  24. ^ Mirko Graziano, Mancini respira, Moratti grida, in La Gazzetta dello Sport, 29 novembre 2004.
  25. ^ Giancarlo Laurenzi, Adriano inventa una tripletta e l'Inter dilaga in dieci uomini, in La Stampa, 5 dicembre 2004, p. 32.
  26. ^ Nino Sormani, Inter, Cruz e Martins: per una sera è festa, in La Stampa, 8 dicembre 2004, p. 34.
  27. ^ Fabio Bianchi, L'Inter sta prendendo velocità, in La Gazzetta dello Sport, 7 gennaio 2005.
  28. ^ Luigi Garlando, All'Inter vengono i 5 minuti, in La Gazzetta dello Sport, 10 gennaio 2005.
  29. ^ Indimenticabili, Inter-Sampdoria da 0-2 a 3-2: la rimonta più pazza è nerazzurra, su video.gazzetta.it, 28 gennaio 2016.
  30. ^ Nicola Cecere, L'Inter con Oba Oba buca la nebbia, in La Gazzetta dello Sport, 13 gennaio 2005.
  31. ^ Stefano Mancini, Notte magica di Vieri, l'Inter si scopre terza, in La Stampa, 31 gennaio 2005, p. 41.
  32. ^ Nicola Cecere e Fabio Bianchi, Mihajlovic, due fori imperiali, in La Gazzetta dello Sport, 13 febbraio 2005.
  33. ^ Valerio Clari, Inter, stavolta rimonta il Porto, su gazzetta.it, 23 febbraio 2005.
  34. ^ Gaetano De Stefano, Kakà, e il Milan vola, su gazzetta.it, 27 febbraio 2005.
  35. ^ Grassia, Lotito, Grandi delusioni e grandi beffe, p. 190.
  36. ^ Roberto Beccantini, Adriano, l'Imperatore d'Europa, in La Stampa, 16 marzo 2005, p. 33.
  37. ^ Gaetano De Stefano, Stam-Sheva, il Milan scappa, su gazzetta.it, 6 aprile 2005.
  38. ^ Lancio di fumogeni, euroderby sospeso, su repubblica.it, 12 aprile 2005.
  39. ^ Antonio Di Rosa, S. Siro, l'inciviltà e la vergogna, su gazzetta.it, 13 aprile 2005.
  40. ^ Uefa, stangata per l'Inter, su repubblica.it, 15 aprile 2005.
  41. ^ Marco Mensurati, San Siro mezzo vuoto dopo la follia, in la Repubblica, 18 aprile 2005, p. 45.
  42. ^ Luigi Garlando, Incubo nerazzurro: e se poi il Milan ci invita alla festa scudetto ?, in La Gazzetta dello Sport, 20 aprile 2005.
  43. ^   FC Internazionale - Gol di Cruz. vs Juventus (20 aprile 2005), su YouTube, 29 giugno 2010.
  44. ^ Riccardo Pratesi, Inter, sgambetto alla Signora, su gazzetta.it, 20 aprile 2005.
  45. ^ Nino Sormani, Martins bum-bum e la sorpresa Vieri riaccendono l'Inter, in La Stampa, 9 maggio 2005, p. 27.
  46. ^ L'Inter batte il Livorno ed è suo il terzo posto, su repubblica.it, 15 maggio 2005.
  47. ^ Andrea Elefante, Inter, undici i pareggi di Mazzarri: poi decollerà come Mancini ?, su gazzetta.it, 3 marzo 2014.
  48. ^ Riccardo Fusato, 11 pareggi per Mazzarri. Nel 2005 Mancini fece peggio, su fcinter1908.it, 3 marzo 2014.
  49. ^ Fabio Vergnano, Vieri (doppietta) riporta l'Inter in prima fila, in La Stampa, 19 maggio 2005, p. 35.
  50. ^ Fabio Vergnano, Adriano spegne la Roma, in La Stampa, 13 giugno 2005, p. 22.
  51. ^ Lorenzo Roca, VIDEO / 15-6-2005: il siluro di Mihajlovic regala la Coppa Italia contro la Roma, su fcinter1908.it.
  52. ^ Riccardo Pratesi, L'Inter vince la Coppa Italia, su gazzetta.it, 15 giugno 2005.
  53. ^ Candido Cannavò, L'amante Massimo di Lady Inter, in La Gazzetta dello Sport, 19 giugno 2005.
  54. ^ Mirko Graziano, «Inter, ci manca solo un leader», in La Gazzetta dello Sport, 22 giugno 2005.
  55. ^ Presentate le nuove divise Nike 2004-05, su inter.it, 18 luglio 2004.
  56. ^ STAFF TECNICO 2004/2005, in inter.it. URL consultato il 17 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 26 novembre 2005).
  57. ^ a b c d e f Ceduto durante la sessione invernale del calciomercato.
  58. ^ Ceduto durante la sessione estiva del calciomercato.
  59. ^ a b c d Acquisti e cessioni dell'Inter 2004/05, su storiainter.com. URL consultato il 18 novembre 2011 (archiviato dall'url originale il 27 novembre 2011).
  60. ^ Il 30º turno di campionato, in programma il 2 e 3 aprile 2005, fu rinviato di una settimana in segno di lutto per la morte di Papa Giovanni Paolo II; cfr. A e B slittano di una settimana, su gazzetta.it, 2 aprile 2005.
  61. ^ Milan-Inter 2-0, su gazzetta.it, 6 aprile 2005.
  62. ^ Risultato assegnato a tavolino; partita sospesa al 71' (sul punteggio di 0-1) per lancio di petardi in campo da parte della tifoseria interista. Cfr. note 38-39.
  63. ^ Inter-Milan 0-3 tav, su gazzetta.it, 12 aprile 2005.
  64. ^ a b c Di cui 3 per decisione della giustizia sportiva.

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio