Apri il menu principale

FC Lantana Tallinn

(Reindirizzamento da Football Club Lantana Tallinn)
FC Lantana Tallinn
Calcio Football pictogram.svg
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px Blue HEX-243785 HEX-008ED1 White.svg Azzurro, blu
Dati societari
Città Tallinn
Nazione Estonia Estonia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Estonia.svg EJL
Fondazione 1994
Scioglimento1999
Stadio Viimsi Staadion
(2 000 posti)
Palmarès
Titoli nazionali 2 Campionati estoni
Trofei nazionali 1 Supercoppa di Estonia
Dati aggiornati al 30 dicembre 2018
Si invita a seguire il modello di voce

Il FC Lantana Tallinn, meglio noto come Lantana Tallinn, fu una società calcistica estone con sede nella città di Tallinn. Attiva dal 1994 al 1999, ha vinto per due volte il campionato estone e per una volta la Supercoppa di Estonia[1].

StoriaModifica

La società nacque nel 1994 nel momento in cui la famiglia Belov rilevò la società Nikol Tallinn. La società venne subito iscritta in Meistriliiga, la massima serie del campionato estone di calcio. Dopo aver concluso la prima stagione al secondo posto, vinse il campionato estone per due stagioni consecutive: sia nel 1995-1996 che nel 1996-1997 concluse al primo posto sia la prima fase sia la fase finale per il titolo[2][3]. Concluse al terzo posto finale le due stagioni consecutive, finché al termine della stagione 1999, dopo un sesto posto finale, la società venne sciolta[4]. Nei cinque anni di attività il Lantana raggiunse la finale della coppa d'Estonia in tre occasioni senza riuscire a vincerla[5]. Vinse una Supercoppa di Estonia nel 1998, sconfiggendo in finale il Sadam Tallinn.

Grazie ai successi in campionato e in coppa nazionale, il Lantana partecipò ai preliminari delle tre competizioni UEFA: Champions League, Coppa delle Coppe e Coppa UEFA. Nelle cinque stagioni venne eliminato sempre al primo turno di qualificazione, eccetto che nell'edizione 1996-1997 della Coppa UEFA quando raggiunse il secondo turno preliminare: nel primo turno eliminò gli islandesi dell'ÍBV Vestmannaeyjar grazie al successo per 2-1 in casa e al pareggio a reti bianche in trasferta, mentre nel secondo turno venne eliminato dagli svizzeri dell'Aarau con una sconfitta per 4-0 in trasferta, parzialmente recuperata con la vittoria casalinga per 2-0.

CronistoriaModifica

Cronistoria del FC Lantana Tallinn
  • 1994 - Fondazione del FC Lantana/Marlekor Tallinn.
  • 1994-1995 - 2º in Meistriliiga.
Finale di Coppa d'Estonia.
  • 1995 - Cambio di denominazione in FC Lantana Tallinn.
  • 1995-1996 - Campione d'Estonia. (1º titolo)
Semifinale di Coppa d'Estonia.
Turno preliminare di Coppa delle Coppe.
Finale di Coppa d'Estonia.
Finale di Supercoppa d'Estonia.
Secondo turno preliminare di Coppa UEFA.
Quarti di finale di Coppa dei Campioni della CSI 1997.
Finale di Coppa d'Estonia.
Vince la Supercoppa d'Estonia. (1º titolo)
Primo turno preliminare di UEFA Champions League
Quarti di finale di Coppa d'Estonia.
Turno preliminare di Coppa delle Coppe.
Turno di qualificazione di Coppa UEFA.
Scioglimento della società.

PalmarèsModifica

Competizioni nazionaliModifica

1995-1996, 1996-1997
1997

Altri piazzamentiModifica

Secondo posto: 1994-1995
Terzo posto: 1997-1998, 1998
Finalista: 1994-1995, 1996-1997, 1997-1998
Semifinalista: 1995-1996
Finalista: 1996

Statistiche e recordModifica

Partecipazione ai campionatiModifica

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Meistriliiga 6 1994-1995 1999 6

NoteModifica

  1. ^ (EE) Premium liiga tutvustus, su jalgpall.ee. URL consultato il 30 dicembre 2018.
  2. ^ (EN) Estonia 1995/96, su rsssf.com, 6 agosto 1999. URL consultato il 30 dicembre 2018.
  3. ^ (EN) Estonia 1996/97, su rsssf.com, 6 agosto 1999. URL consultato il 30 dicembre 2018.
  4. ^ (EN) Estonia 2000, su rsssf.com, 15 marzo 2002. URL consultato il 30 dicembre 2018.
  5. ^ (EN) Estonia Cup Finals, su rsssf.com, 1º giugno 2018. URL consultato il 30 dicembre 2018.

Collegamenti esterniModifica