Formato (fotografia)

in fotografia, indica la dimensione e il rapporto d'aspetto dell'immagine

Il formato fotografico definisce la dimensione ed il relativo rapporto d'aspetto della pellicola o sensore. La classificazione per formato si basa sulla dimensione del fotogramma.

Comparazione formati

Con l'avvento della tecnologia digitale vi è stata la necessità di adottare nuovi formati.

Storia e caratteristicheModifica

L'evoluzione della fotografia, dalla sua nascita, ha visto l'utilizzo di molteplici formati fotografici.

Inizialmente sono stati adottati una moltitudine di formati; il motivo principale per cui all'inizio c'erano così tanti formati negativi era che le stampe venivano fatte per contatto, senza l'uso di un ingranditore. Il formato della pellicola sarebbe quindi stata esattamente lo stesso della dimensione della stampa: se c'era necessità di stampe di grandi dimensioni, era necessario utilizzare una grande pellicola.

Successivamente si sono visti affermare e standardizzare solo alcuni di questi formati.

Fotografia analogicaModifica

Il porta rotolo a cartuccia consente di utilizzare la pellicola in rotolo con fotocamere progettate per utilizzare lastre di vetro. Venivano avvolti con l'emulsione rivolta verso l'esterno, piuttosto che verso l'interno come nella pellicola progettata per le fotocamere native a pellicola. I tipi da 106 a 114 erano per i portarotoli Eastman-Walker, mentre i tipi da 50 a 54 erano per i portarotoli Graflex.

Prima della seconda guerra mondiale, ogni produttore utilizzava il proprio sistema di numerazione per le varie dimensioni delle pellicole in bobina. La lunghezza della bobina viene misurata tra le facce interne delle flange; diverse pellicole con lo stesso formato erano disponibili su bobine diverse per adattarsi a fotocamere diverse.

Formati più comuni
Denominazione pellicola[1] Altezza pellicola (mm) Dimensione immagine (mm) Numero di immagini Note
110 16 13 × 17 12/20 Cartuccia in plastica a due bobine. Pellicola monoperforata con carta di protezione numerata sul dorso - formato universale lanciato da Kodak nei primi anni '70, ha contribuito a rendere popolari le microcamere, ma nei due decenni successivi ha perso progressivamente mercato con l'affermarsi delle compatte automatiche a pellicola 135.
APS/IX240 24 17 × 30 15/25/40 Cartuccia in plastica ad una sola bobina. Pellicola monoperforata predisposta per registrazione ottico/magnetica di dati ed image-cropping direttamente in ripresa - formato universale lanciato a metà anni '90 dal consorzio Advanced Photo System, ha avuto modesta diffusione e scarsa durata commerciale, a causa del sopravvenuto boom della fotografia digitale.
126 35 26 × 26 12 or 20 Cartuccia in plastica a due bobine. Pellicola monoperforata con carta di protezione numerata sul dorso - formato universale lanciato da Kodak nei primi anni '60 col logo Instamatic e divenuto presto molto popolare nel campo delle fotocamere low-end, nei decenni successivi il successo è andato scemando per la concorrenza dapprima del formato 110 e poi delle nuove compatte a pellicola 135.
135 35 24 × 36 (1.0 x 1.5 in.) 12–36 Cartuccia metallica ad una sola bobina. Pellicola pluriperforata - formato universale lanciato negli anni '20 dalla Leica, è stato fino ai tempi odierni, (assieme al formato 120), il formato più diffuso e longevo, conosciuto anche come 35 mm, piccolo formato o anche pieno formato - Alcune fotocamere, dette "mezzoformato", erano costruite per ricavare fotogrammi verticali 24x18, consentendo il raddoppio dell'autonomia della pellicola.
127 46 40 x 40 (also 40 x 30 or 60 8-16 Pellicola avvolta su rocchetto metallico, non perforata, con carta protettiva recante la numerazione fotogrammi per due differenti formati "nativi", denominati 4 x 4 e 4 x 6 (misure convenzionali in cm). Nel corso degli anni sono apparse fotocamere in grado di impressionare ulteriori formati di fotogramma: 4 x 3 e 4 x 4,5. Come per gli altri formati su rullo (120 e 220), il numero di fotogrammi ottenibili dipende dall'estensione del fotogramma rispetto alla lunghezza fissa della pellicola
120 62 45 × 60 16 or 15 Pellicola avvolta su rocchetto in plastica (inizialmente in legno e metallo). Pellicola non perforata con carta protettiva sul dorso - formato universale conosciuto come 6x6 o medio formato, tipico delle fotocamere professionali TLR (ad es. Rolleiflex) o SLR (ad es. Hasselblad) - a seconda della macchina usata, è in grado di fornire fotogrammi 6×4,5 (55 mm × 41 mm); 6×6 (55 mm × 55 mm); 6×7 (55 mm × 65 mm); 6×8; 6×9; e i panoramici 6×12 e 6×17. Il numero di fotogrammi ottenibili dipende dalla lunghezza dello stesso rispetto alla lunghezza fissa della pellicola).
60 × 60 12
60 × 70 10
60 × 90 8
220 62 45 × 60 32 or 31 Pellicola avvolta su rocchetto in plastica, non perforata dotata solo di un nastro leader protettivo. L'eliminazione della carta protettiva su tutta la lunghezza del film, ha consentito di avvolgere sullo stesso rocchetto del formato 120 una lunghezza doppia di pellicola e di inserirla nelle stesse fotocamere, ottenendo un raddoppio dell'autonomia rispetto a tutti i formati di fotogramma ottenibili dal 120.
60 × 60 24
60 × 70 20
60 × 90 16
a fogli 2 ¼ x 3 ¼ to 20 x 24 in. 1 Singolo foglio di pellicola, dentellato nell'angolo per l'identificazione, per fotografia grande formato.
a disco 10 × 8 mm 15 Pellicola piana di forma circolare, contenuta in una custodia tipo floppy disk, fu lanciata da Kodak nel 1982, ma posta fuori produzione 17 anni dopo, a causa dello scarso successo riscosso sia presso gli utenti che presso i laboratori di trattamento. Veniva usata in apposite fotocamere compatte, di ridotto spessore.
Cinematografica 8 mm, 16 mm, 35 mm and 70 mm Doppia perforazione
Minox 9,5 8x11 50 Cassetta in plastica a due bobine, pellicola non perforata - formato raro, usato da microcamere high-end: Minox e Yashica Atoron.

Fotografia digitaleModifica

Nella fotografia digitale, il formato del sensore d'immagine determina anche l'angolo di campo di un determinato obiettivo. La dimensione del sensore può essere anche espressa in pollici.

Sui sensori più piccoli dell'area di immagine 24×36 mm delle fotocamere full frame, un obiettivo di una data lunghezza focale progettato per un sistema 35 mm offre un campo visivo più stretto, un fenomeno chiamato fattore di crop.

NoteModifica

  1. ^ Jacobson, pp. 200-201.

BibliografiaModifica

  • (EN) Ralph E.Jacobson, The Focal Manual of Photography: Photographic and Digital Imaging, 9ª ed., Boston, Focal Press, 2000, ISBN 978-0-240-51574-8.

Voci correlateModifica

  Portale Fotografia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fotografia