Apri il menu principale
Formazione Hell Creek
Hell Creek.jpg
Un'immagine dei calanchi nei pressi di Fort Peck Reservoir
RangoFormazione geologica
Caratteristiche litologiche
LitologiaClasti, arenarie, siltiti, calcari
EtàCretaceo superiore
FossiliDinosauri, Mammiferi, Pesci, Rettili, Anfibi
Ambiente di formazionepiana alluvionale
Rapporti stratigrafici
Formazione sovrastanteFormazione Fox Hills
Formazione sottostanteFormazione Fort Union
Localizzazione unità
Sezione tipoMontana
Affioramento tipicoMontana Montana, Stati Uniti

La Formazione Hell Creek è una formazione geologica che comprende il Montana, Wyoming, Dakota del Nord, Dakota del Sud, negli Stati Uniti, risalente al Cretaceo superiore, e alcuni strati del Paleocene. Nel Montana in particolare, la Formazione Hell Creek si sovrappone con la Formazione Fox Hills. La famosa "Colonna di Pompeo" situata al Pillar Pompeys National Monument è una piccola sezione isolata della Formazione Hell Creek.

La formazione comprende formazioni di argille, peliti e depositi di arenaria formatisi, durante un periodo di tempo che va dal Maastrichtiano al Daniano (vale a dire dalla fine del periodo Cretaceo all'inizio del Paleogene), da un'attività fluviale che depositava tutto ciò che incontrava sul suo cammino in una specie di delta torboso, esattamente di fronte al mare interno occidentale. A quel tempo, il clima era mite, e la presenza di coccodrilli suggerisce la presenza di un clima subtropicale, con freddi annuali poco prolungati. Il famoso limite di iridio, che separa il Cretaceo dal Cenozoico, si presenta come un assestamento discontinuo, marcato ma sottile, che si può, occasionalmente, ritrovare vicino al confine con la sovrastante Formazione Fort Union.

La maggior parte dei fossili ritrovati nella Formazione Hell Creek, si trova al Museum of the Rockies, a Bozeman, Montana. Gli esemplari esposti, sono il risultato di un progetto indetto dallo stesso museo, unito agli sforzi congiunti del Montana State University, della University of California, Berkeley, l'University of North Dakota e la University of North Carolina, che ha avuto inizio nel 1998.

GeologiaModifica

 
Mappa della Formazione Hell Creek e della Formazione Lance, nell'est del Nord America

Nel Montana la Formazione Hell Creek sovrasta la Formazione Fox Hills e sta alla base della formazione Fort Union, e il confine con quest'ultimo si verifica in prossimità del limite Cretaceo-Terziario, che definisce la fine del periodo Cretaceo avvenuta circa 65 milioni di anni fa.[1] La caratteristica fauna dell'Hell Creek, è stata ritrovata solo un paio di metri al di sotto di tale limite.[2]

Il confine K-T è generalmente situato vicino al contatto tra la parte superiore dell'Hell Creek e la parte inferiore della Formazione Fort Union, anche se in alcuni settori (come ad esempio, nel Dakota del Nord), il confine è ben all'interno della sezione Ludlow, con ben 3 metri sopra il confine della Hell Creek, in alcune aree.[2] D'altro canto, in alcune piccole regioni di Montana, la Formazione Hell Creek contiene il confine K-T, e si estende leggermente nel Paleogene.[3]

Il sito Tanis, nel Nord Dakota, contiene prove di ciò che si propone essere una registrazione degli effetti dell'impatto del meteorite Chicxulub. Secondo la ricostruzione proposta da DePalma et al. (2019), dopo una prima ondata di tipo tsunami, generata nel mare interno occidentale dall'onda sismica riflessa dalla terra a seguito della caduta del meteorite nello Yucatan circa 65 milioni di anni fa (onda che riversò a riva migliaia di creature marine), a circa 10-20 minuti seguì, dal cielo, una pioggia di sferule di tectite - vetro incandescente a temperature altissime con velocità superiori anche ai 300 chilometri all’ora, generati dall’impatto dell’asteroide.[4][5][6] E - particolarità della Formazione di Hell Creek - tracce di queste sferule di tectite sono state trovate proprio accanto ai resti degli animali: prima volta che un ritrovamento ha entrambi questi elementi. Mark Richards (professore emerito di Scienze terrestri e planetarie a Berkeley) ha così spiegato quanto avvenuto in quei pochi minuti: “Le onde sismiche cominciarono a manifestarsi entro nove o dieci minuti dall’impatto, così hanno avuto la possibilità di scuotere l’acqua prima che tutte le sferule piovessero dal cielo; queste, arrivando, hanno creato crateri sulla superficie, come imbuti (si vedono gli strati deformati in quello che era fango soffice)”. Una seconda onda ha poi seguito la prima e coperto tutto quanto con detriti, preservandolo per 65 milioni di anni.[7]

PaleobiotaModifica

 
Ipotetiche ricostruzioni artistiche dei componenti più comuni della fauna della Formazione Hell Creek

La Formazione Hell Creek era un habitat frequentato da una vasta gamma di animali, il cui gruppo più abbondante sono i dinosauri, ed è grazie a ciò che questa formazione è un sito di fossili di fama mondiale. La presenza di sedimenti marini ha permesso il riconoscimento di alcuni organismi marini, e vertebrati tra cui pesci e mammiferi. Gli scavi hanno portato alla luce, anche, innumerevoli resti di invertebrati (comprese ammoniti), piante, rettili (tra cui la lucertola Obamadon), rettili marini (tra cui mosasauri, plesiosauri e tartarughe marine) e anfibi. La fauna predominante era composta da diversi gruppi di dinosauri, tra i più famosi e comuni all'interno della formazioni vi sono: i famosi Tyrannosaurus e Triceratops, alcuni ornithomimidi come Ornithomimus, due specie di oviraptorosari di cui la più completa è l' Anzû, una varietà di piccoli teropodi, alcuni generi di pachycepahalosauridi, alcuni crocodilomorfi e svariati squamati. La formazione è nota anche per il ritrovamento di uno scheletro di adrosauro praticamente completo, recuperato nel 2000 e ampiamente pubblicizzato in un documentario della National Geographic, andato in onda nel dicembre del 2007. Tra gli altri fossili ritrovati si possono annoverare: alcuni uccelli, mammiferi e rari ritrovamenti di pterosauro. Sono stati ritrovati anche diversi denti di squalo, suggerendo che allora come oggi alcune specie di squalo frequentassero i delta dei fiumi, sopportando l'acqua fredda dei fiumi. La fauna lanciana della Formazione è pressoché identica a quella della formazione Hell Creek con poche varianti nella fauna.

Flora sedimentariaModifica

 
Le piante dominanti che caratterizzavano la Formazione Hell Creek, erano le piante da fiore e le conifere

La Formazione Hell Creek comprende formazioni di argille, peliti e depositi di arenaria formatisi, durante un periodo di tempo che va dal Maastrichtiano al Daniano (vale a dire dalla fine del periodo Cretaceo all'inizio del Paleogene), da un'attività fluviale che depositava tutto ciò che incontrava sul suo cammino in una specie di delta torboso, esattamente di fronte al mare interno occidentale. L'habitat di Hell Creek, (a noi nota tramite alcuni fossili rinvenuti a Fort Peck, nel Montana), è stata più volte ricostruita, nei programmi televisivi e nei documentari, come un'area boschiva all'interno di una pianura alluvionale. Il clima era di tipo subtropicale (ciò è avvalorato dalla presenza di alcuni generi di coccodrillo, presenti nella formazione), in grado quindi di sostenere una grande varietà di piante che comprendevano piante angiosperme, alberi di conifere come il cipresso calvo, felci e ginkgo. L'ambiente era inoltre saturo di ruscelli, che si formavano in una sorta di pianura costiera lungo il bordo del mare interno occidentale. Durante l'anno non c'era una vera e propria stagione fredda, ma piuttosto una stagione umida in cui erano più frequenti le precipitazioni.

Insieme, la Formazione Hell Creek, la Formazione Lance e la Formazione Scollard rappresentano diverse sezioni della sponda occidentale del mare interno occidentale, un mare poco profondo che divideva il Nord America in due continenti più piccoli: uno occidentale e uno orientale, durante il Cretaceo. Le terre emerse, erano rappresentate da una piana alluvionale, habitat di varie specie animali, tra cui i dinosauri. Una vasta pianura costiera si estendeva verso ovest, fino alle neonate Montagne Rocciose. Essendo costituita prevalentemente da depositi di arenaria e fango, i paleontologi hanno ipotizzato che l'habitat doveva essere rappresentato da una pianura alluvionale, con zone paludose, vari estuari di fiumi e pianure costiere.[8][9][10] L'entroterra invece presentava un clima caldo e umido, ottimo per la crescita di vegetazione che comprendeva piante da fiore, conifere, palme nane, felci, canopie, piante da sottobosco, alberi di frassino, leccio e arbusti. L'abbondanza di foglie fossili, che si trovano a decine in vari siti, indicano che la zona era in gran parte ricoperta da foreste.[8]

Fauna e Flora della Formazione Hell CreekModifica

DinosauriModifica

Uno studio sulla paleo-popolazione della Formazione Hell Creek, ha preso nota di tutti i fossile delle varie famiglie di dinosauri presenti nella formazione e ne a stimato le percentuali. Ecco la più recente stima delle proporzioni delle otto famiglie dei dinosauri più comuni della formazione, sulla base di studi condotti da paleontologi come Fastovsky e Sheehan (1998).

  • Ceratopsidae 61%
  • Hadrosauridae 23%
  • Ornithomimidae 5%
  • Tyrannosaridae 4%
  • Hypsilophodontidae 3%
  • Dromaeosauridae 2% (rappresentato prevalentemente da denti)
  • Pachycephalosauridae 1%
  • Troodontidae 1% (rappresentato solo da denti)
 
Grafico a torta sulla paleo-popolazione dei dinosauri presenti nella Formazione Hell Creek.

Sulla base di tali dati, i paleontologi hanno diviso la formazione in tre distinte sezioni: fette inferiori, medio e superiori. Le sezioni superiore e inferiore sono state al centro del rapporto della PLoS One, e all'interno di ciascuna di queste porzioni sono stati ritrovati i resti di Triceratops, Edmontosaurus e Tyrannosaurus. Tra tutti, il Triceratops era il dinosauro più comune in tutte le sezioni analizzate, insieme a Tyrannosaurus leggermente più comune dell'adrosauro Edmontosaurus. In una delle sezioni superiori, ad esempio, il censimento ha contato: ventidue Triceratops, cinque Tyrannosaurus e cinque Edmontosaurus.

Dinosauri come Thescelosaurus, Ornithomimus, Pachycephalosaurus e Ankylosaurus sono anch'essi stati ritrovati nelle sezioni superiori, ma in misura assai minore, essendo i loro fossili relativamente più rari. Piccoli dinosauri predatori, come il Troodon, è conosciuto all'interno della formazione solo per alcuni denti.

Le collezioni di dinosauri realizzati negli ultimi dieci anni durante il progetto di recupero dei fossili, ha rivelato nuove informazioni sui dinosauri ritrovati all'interno della formazione. A livelli di percentuale, si riconosce una percentuale molto più elevata di Tyrannosaurus, dalle precedenti indagini. Tyrannosaurus equivale Edmontosaurus in U3 e in L3, comprendendo una maggiore percentuale di grandi dinosauri, divenendo il secondo taxon più abbondante dopo Triceratops, seguito da Edmontosaurus. Questo è sorprendentemente coerente in (1) i due maggiori giacimenti di ritardo (MOR loc. HC-530 e HC-312) nella pietra arenaria Apex e Jen-rex di sabbia in cui le singole ossa sono state contate e (2) in due terzi della formazione riflette in L3 e U3 record di soli scheletri di dinosauri.

Il Triceratops è il dinosauro di gran lunga più comune al 40% (n = 72), il Tyrannosaurus è secondo a 24% (n = 44), l' Edmontosaurus è terzo a 20% (n = 36), seguito dal Thescelosaurus all'8% (n = 15),l' Ornithomimus al 5% (n = 9) e il Pachycephalosaurus e l' Ankylosaurus entrambi rappresentati all'1% (n = 2).

TeropodiModifica

 
All'interno della formazione, è stato rinvenuto un fossile non ancora descritto di un piccolo teropode, affine al genere asiatico Mononykus.

Tracce e fossili di teropodi, all'interno della Hell Creek sono molto comuni e si trovano soprattutto nella Dakota del Sud.[11] Uno dei teropodi più misteriosi ritrovati all'interno della formazione, è un fossile non ancora descritto di alvarezsauride, ritrovato in Montana, strettamente legato al genere asiatico Mononykus, (vedi foto in alto a sinistra).[12] Sono inoltre state trovate diverse piste di impronte di teropode, una delle quali scoperta nel 2007, dal paleontologo britannico Phil Manning. Questa pista, comprende impronte lunghe fino a 72 cm, più corte rispetto a quelle rinvenute nella pista descritta da Lockley e Hunt. È probabile che la pista sia stata lasciata da un Tyrannosaurus, essendo esso il carnivoro più grande della formazione Hell Creek. Tra i teropodi di piccola tagli si possono annoverare due generi di oviraptorosauri, conosciuti per pochi resti fossili, e uno degli ultimi dromeosauridi del Cretaceo: il velociraptorino Acheroraptor.

TirannosauridiModifica
Tirannosauridi ritrovati nella Formazione Hell Creek
Genere Specie Sinonimi Stati Posizione stratigrafica Materiale fossile Note Immagini

Tyrannosaurus

T. rex

Strati inferiori e superiori della Formazione Hell Creek.

Un tirannosauro, noto da diversi esemplari, tra cui un esemplare giovane soprannominato "Jane" (probabilmente un Nanotyrannus). Ritrovato anche a Denver e nelle formazioni di Javelina, Lance, Ferris, Livingston, McRae, Nord Horn, Scollard, Willow Creek e Lomas Coloradas.

 

OrnitomimidiModifica

Resti di ornitomimidi sono estremamente rari all'interno della Formazione Hell Creek, infatti si conoscono solo 15 esemplari appartenenti ad ornitomimosauri.

Ornitomimidi ritrovati nella Formazione Hell Creek
Genere Specie Stato Posizione stratigraphica Materiale Note Immagine

"Orcomimus"

sconosciuta

Uno scheletro parziale.

Un ornitomimide. Nomen dubium

Struthiomimus[11]

S. sedens[16]

  • Montana
  • AMNH 975, l'artiglio di un piede
  • UCMP 154569, uno scheletro parziale

Un grande ornitomimide, simile in dimensioni al Gallimimus. Ritrovato anche nella Formazione Lance.[16]

 

Ornithomimide indeterminato

Indeterminate

  • Montana
  • Dakota del Sud
  • Dakota del Nord

Esemplari frammentari

Fossili di ornithomimide, in gran parte non descritti originariamente classificati come Ornithomimus velox, ma in seguito considerato come indeterminato.[17]

OviraptorosauriModifica

Nel 1997, il paleontologo Mike Triebold, mentre era alla ricerca di fossili all'interno della Formazione Hell Creek, nella Contea di Harding, Dakota del Sud scoprì una lunga serie di impronte fossili, le più grandi delle quali erano lunghe ben 60 cm (2 ft), riconducibili ad un oviraptorosauride di grandi dimensioni non ancora descritto.[18]

Oviraptorosauri ritrovati nella Formazione Hell Creek
Genere Specie Stati Posizione stratigrafica Materiale fossile Note Immagini

Anzu[13][19]

A. wyliei[19]

12 esemplari ben conservati

Strati inferiori e superiori della Formazione Hell Creek.

Si tratta del più grande oviraptorosauro conosciuto ritrovato in Nord America, e il più grande al mondo dopo l'asiatico Gigantoraptor.[19]

 

"Leptorhynchos"

"L." elegans

  • Montana

Un genere estinto di oviraptorosauro Caenagnathidae.

 

EumaniraptoriModifica

Storicamente, all'interno della formazione sono stati ritrovati moltissimi denti, spesso attribuiti a diversi taxa di dromeosauridi e troodontidi, tuttavia ossa del resto del corpo non sono mai state ritrovate, se non in formazioni più antiche, pertanto tali denti sono stati assegnati a vari generi come Dromaeosaurus, Saurornitholestes e Troodon. Tuttavia, in uno studio del 2013, Evans et al. ha concluso che esistono poche prove per più di un singolo taxon di dromaeosauride, Acheroraptor, negli assemblaggi della Formazione Hell Creek e Lance, il che renderebbe questi taxa invalidi per questa formazione. Ciò è stato smentito in uno studio del 2015, DePalma et al., quando quest'ultimo descrisse il nuovo genere Dakotaraptor, una grande dromaeosauride.[20] Sebbene si debba notare come menzionato in precedenza, i denti fossili di vari troodontidi e coelurosauri sono comuni in tutta la formazione Hell Creek; gli esempi più noti includono rispettivamente Paronychodon, Pectinodon e Richardoestesia.

Eumaniraptori ritrovati nella Formazione Hell Creek
Genere Specie Stati Posizione stratigrafica Materiale fossile Note Immagini

Acheroraptor[20]

A. temertyorum [20]

  • Montana[20]
  • Dakota del Nord?
  • Dakota del Sud?

Strati inferiori e superiori della Formazione Hell Creek.

Un cranio parziale e vari denti.[20]

Un dromeosauride velociraptorino, i cui denti sono stati per lungo tempo attributi ad altri dinosauri affini.[20]

 

Avisaurus[13]

A. archibaldi[13]

  • Montana[13]
  • Dakota del Nord
  • Dakota del Sud

Strati medi della Formazione Hell Creek

Una specie di Avisaurus.

Un uccello avisauride.

Cimolopteryx[13]

C. maxima[13]

Uccello conosciuto esclusivamente per i coracoidi (un osso della spalla presente in uccelli ed altri vertebrati).

Un uccello caradriiforme

 

Brodavis[21]

B. baileyi[21]

Un metatarso isolato.[21]

Un esperornitiforme.[21]

Potamornis[21]

P.skutchi [22]

Un osso quadrato, che è unico in morfologia, per certi aspetti, ma condivide molte apomorfie con la famiglia degli Hesperornithidae, molto simile al genere Hesperornis

Un uccello hesperornithiforme.[21]

Dakotaraptor D.steini
  • Dakota del Sud
Un Dromaeosauridae alto 2 metri.

"Uccello esperornitiforme non descritto A"[23]

Indeterminata

Tarsometatarso

Un primitivo uccello esperornitiforme.[23] Oltre ai fossili provenienti dalla Formazione Hell Creek, i paleontologi Longrich e Tokaryk (2011), anno assegnato, a questo "genere" il campione RSM P 2.315,1 della formazione canadese Frenchman;[23] in seguito Martin, Kurochkin e Tokaryk (2012) spostarono il campione canadese all'interno della specie Brodavis americanus.[21]

"Uccello ornituro non descritto B"[23]

Indeterminata[24]

Coracoide parziale

Un ornituro, forse, simile a Cimolopteryx[23][24]

"Uccello ornituro non descritto C"[23]

Indeterminata

Coracoide parziale

Un ornituro, presente anche nella Formazione Fort Union, e l'unico uccello della formazione a sopravvivere alla Grande Estinzione dei Dinosauri.[23]

"Uccello ornituro non descritto D"[23]

Indeterminata

Coracoide parziale

Un ornituro[23]

OrnitischiModifica

AnkylosauridiModifica
Ankylosauridi ritrovati nella Formazione Hell Creek
Genere Specie Stati Posizione stratigrafica Materiale fossile Note Immagini

Ankylosaurus[13]

A. magniventris[13]

Un anchilosauride. Trovato anche nella Formazione Lance e nella Formazione Scollard.

 

Denversaurus[13]

D. schlessmani[13]

Un anchilosauro nodosauride.

 

PachicefalosauridiModifica

Un esemplare di Pachicefalosauride ancora non descritto è stato rinvenuto nel Nord Dakota.[14]

Pachicefalosauridi ritrovati nella Formazione Hell Creek
Genere Specie Stati Posizione stratigrafica Materiale fossile Note Immagini

Dracorex[26]

D. hogwartsia[26]

  • Strati medi della Formazione Hell Creek[26]

Un pachicefalosauride, forse sinonimo di Pachycephalosaurus.

 

Pachycephalosaurus[13]

P. wyomingensis[13]

Un pachicefalosauride. Rinvenuto anche nella Formazione Lance.

 

Sphaerotholus[13]

S. buchholtzae[13]

"Materiale del cranio."[27]

Un pachicefalosauride, forse sinonimo di Prenocephale.

 

Stygimoloch[13]

S. spinifer[13]

  • Montana[13]
  • Dakota del Sud
  • Dakota del Nord

Un pachicefalosauride, forse sinonimo di Pachycephalosaurus. Ritrovato anche nella Formazione Lance.

 

CeratopsidiModifica

Ritrovare esemplari frammentari di ceratopsidi indeterminati all'interno della Formazione Hell Creek, è estremamente comune. L'8,31% dei fossili di vertebrati non descritti della Formazione Hell Creek sono ceratopsidi non ancora descritti.

Ceratopsidae ritrovati nella Formazione Hell Creek
Genere Specie Sinonimi Stati Posizione stratigrafica Materiale fossile Note Immagini

Leptoceratops[13]

Leptoceratops c.f. gracilis[13]

Un piccolo primitivo ceratopside.

 

Tatankaceratops

T. sacrisonorum

  • Dakota del Sud

Un ceratopside, possibile sinonimo di Triceratops[28]

Torosaurus[13]

T. latus[13]

Strati superiori della Formazione Hell Creek Formation

Un ceratopside, possibile sinonimo di Triceratops.[29]

 

Triceratops[13]

T. horridus[13]

Praticamente tutti gli strati della Formazione Hell Creek

Quattro esemplari sono stati assegnati alla specie Triceratops horridus from the Hell Creek Formation

Un ceratopside. Ritrovato anche nelle formazioni Evanston, Frenchman, Lance, Laramie e Scollard.

 

T. prorsus[13]

Molto comune.[senza fonte]

Ritrovato anche nella Formazione Frenchman e nella Formazione Lance.

 

OrnitopodiModifica

All'interno della Formazione Hell Creek, sono stati ritrovati numerosi resti di adrosauride non classificati. Sono stati ritrovati anche resti parziali di adrosauro lambeosauride molto simile a Parasaurolophus, ma finché non verranno ritrovati nuovi fossili, non si può affermare con certezza la sua presenza all'interno della Formazione Hell Creek.[13]

Ornitopodi ritrovati nella Formazione Hell Creek
Genere Specie Sinonimi Stati Posizione stratigrafica Materiale fossile Note Immagini

Edmontosaurus

E. annectens

  • Anatosaurus annectens[30]
  • Anatotitan copei[30]
  • Montana[13]
  • Dakota del Sud[11]
  • Dakota del Nord (luogo di provenienza del famoso "fossile-mummia")

Molto comune.

Un adrosauro. Trovato anche all'interno delle formazioni Denver, Frenchman, Lance, Laramie e Scollard Formation.

 

Thescelosaurus[11]

T. garbanii[31]

  • Bugenasaura garbanii

 

T. infernalis

  • Bugenasaura infernalis

Nomen dubium

T. neglectus[11]

  • Dakota del Nord
  • Dakota del Sud[11]

Praticamente tutti gli strati della Hell Creek Formation

Più di 50 esemplari ritrovati

Un piccolo ornitopode. Ritrovato anche nelle formazioni Frenchman, Lance, Laramie e Scollard.[33]

 

PterosauriModifica

Pterosauri ritrovati nella Formazione Hell Creek
Genere Specie Stati Posizione stratigrafica Materiale fossile Note Immagini

Azhdarchidae spp.

Indeterminata

  • Montana[34]
  • North Dakota

Fossili di pterosauro, all'interno dell Formazione Hell Creek, sono stati registrati solo in due regioni e rappresentano due esemplari non ben identificati, entrambi ritrovati nel Dakota del Nord,(Johnson et al, 2000;.. Pearson et al, 2002). Si pensa che questi resti appartengano al genere Quetzalcoatlus, ma la questione è ancora da chiarire.[34]

 [35]

CrocodylomorphiModifica

Crocodylomorphi ritrovati nella Formazione Hell Creek
Genere Specie Stati Posizione stratigrafica Materiale Note Immagini

Borealosuchus[36]

  • Montana
  • Dakota del Nord
  • Dakota del Sud

Genere estinto di coccodrillo che visse dal Cretaceo superiore all'Eocene, in Nord America.

   

Brachychampsa[36]

  • Montana
  • Dakota del Sud
  • Dakota del Nord

Genere estinto di alligatoroide.

   

Thoracosaurus[36]

  • T. neocesariensis[36]
  • Montana

Genere estinto di coccodrillo gavialoide che visse dal Cretaceo superiore al Paleocene.

   

NoteModifica

  1. ^ Husson, D., Galbrun, B., Laskar, J., Hinnov, L. A., Thibault, N., Gardin, S., & Locklair, R. E., Astronomical calibration of the Maastrichtian (late Cretaceous), in Earth and Planetary Science Letters, vol. 305, nº 3, 2011, pp. 328–340, DOI:10.1016/j.epsl.2011.03.008.
  2. ^ a b Pearson, D. A., Schaefer, T., Johnson, K. R., Nichols, D. J., & Hunter, J. P. (2002). Vertebrate biostratigraphy of the Hell Creek formation in southwestern North Dakota and northwestern South Dakota. Hartman et al, 145-167.
  3. ^ Johnson, K. R., Nichols, D. J., & Hartman, J. H. (2002). Hell Creek Formation: A 2001 synthesis. The Hell Creek Formation and the Cretaceous-Tertiary Boundary in the northern Great Plains: Geological Society of America Special Paper, 361, 503-510.
  4. ^ DePalma RA, Smit J, Burnham DA, Kuiper K, Manning PL, Oleinik A, Larson P, Maurrasse FJ, Vellekoop J, Richards MA, Gurche L, Walter Alvarez W, A seismically induced onshore surge deposit at the KPg boundary, North Dakota, in Proceedings of the National Academy of Sciences, Apr 2019, DOI:10.1073/pnas.1817407116. URL consultato il 1º aprile 2019.
  5. ^ (EN) William J. Broad e Kenneth Chang, Fossil Site Reveals Day That Meteor Hit Earth and, Maybe, Wiped Out Dinosaurs, in The New York Times, 29 marzo 2019, ISSN 0362-4331 (WC · ACNP). URL consultato il 1º aprile 2019.
  6. ^ Douglas Preston, The Day the Dinosaurs Died, in The New Yorker, 28 marzo 2019.
  7. ^ Fonte: Repubblica.it, 30.03.2019, "La "Pompei" dei dinosauri: gli animali estinti per l’impatto con l’asteroide"
  8. ^ a b Lofgren, D.F. (1997). "Hell Creek Formation". In: Currie, P.J. & Padian, K., editors, The Encyclopedia of Dinosaurs, San Diego, Academic Press, 1997, pp. 302–303, ISBN 978-0-12-226810-6.
  9. ^ Breithaupt, B.H. (1997). "Lance Formation". In: Currie, P.J. & Padian, K., editors, The Encyclopedia of Dinosaurs, San Diego, Academic Press, 1997, pp. 394–395, ISBN 978-0-12-226810-6.
  10. ^ Eberth, D.A. (1997). "Edmonton Group". In: Currie, P.J. & Padian, K., editors, The Encyclopedia of Dinosaurs, San Diego, Academic Press, 1997, pp. 199–204, ISBN 978-0-12-226810-6.
  11. ^ a b c d e f g h i j k "Dinosaur distribution (Late Cretaceous; North America; South Dakota)." Weishampel, et al. (2004). Page 586.
  12. ^ Hutchinson and Chiappe, 1998. The first known alvarezsaurid (Theropoda: Aves) from North America. Journal of Vertebrate Paleontology. 18(3), 447–450.
  13. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af ag ah ai aj ak al am an "Dinosaur distribution (Late Cretaceous; North America; Montana)." Weishampel, et al. (2004). Page 584.
  14. ^ a b c d "Dinosaur distribution (Late Cretaceous; North America; North Dakota)." Weishampel, et al. (2004). Page 585.
  15. ^ Triebold, 1997. The Sandy Site: Small Dinosaurs from the Hell Creek Formation of South Dakota. in Wolberg, Stump and Rosenberg (eds). Dinofest International: Proceedings of a Symposium sponsored by Arizona
  16. ^ a b Longrich (2008), pages 983-996.
  17. ^ Russell, D. 1972. Ostrich dinosaurs from the Late Cretaceous of western Canada. Canadian Journal of Earth Sciences, 9(4): 375-402.
  18. ^ https://rmdrc.blogspot.it/2013/12/giant-oviraptor-tracks-from-hell-creek.html
  19. ^ a b c d e DOI10.1371/journal.pone.0092022
  20. ^ a b c d e f D. C. Evans, D. W. Larson e P. J. Currie, A new dromaeosaurid (Dinosauria: Theropoda) with Asian affinities from the latest Cretaceous of North America, in Naturwissenschaften, 2013, DOI:10.1007/s00114-013-1107-5.
  21. ^ a b c d e f g h Larry D. Martin, Evgeny N. Kurochkin and Tim T. Tokaryk, A new evolutionary lineage of diving birds from the Late Cretaceous of North America and Asia, in Palaeoworld, vol. 21, 2012, DOI:10.1016/j.palwor.2012.02.005.
  22. ^ a b A. Elzanowski, G.S. Paul, and T.A. Stidham, 2001, "An avian quadrate from the Late Cretaceous Lance Formation of Wyoming", Journal of Vertebrate Paleontology 20(4): 712-719
  23. ^ a b c d e f g h i j Longrich, N.R., Tokaryk, T. and Field, D.J. (2011). "Mass extinction of birds at the Cretaceous–Paleogene (K–Pg) boundary." Proceedings of the National Academy of Sciences, 108(37): 15253-15257. DOI10.1073/pnas.1110395108
  24. ^ a b "Class Aves," in Estes and Berberian, (1970). Page 7.
  25. ^ "Class Aves," in Estes and Berberian, (1970). Page 7. All taxa listed occur in Montana, see page 1.
  26. ^ a b c d Bakker et al. (2006)
  27. ^ "Table 21.1," in Weishampel, et al. (2004). Page 465.
  28. ^ Nicholas R. Longrich, Titanoceratops ouranous, a giant horned dinosaur from the Late Campanian of New Mexico, in Cretaceous Research, vol. 32, 2011, DOI:10.1016/j.cretres.2010.12.007.
  29. ^ Scannella, J. and Horner, J.R. (2010). "Torosaurus Marsh, 1891, is Triceratops Marsh, 1889 (Ceratopsidae: Chasmosaurinae): synonymy through ontogeny." Journal of Vertebrate Paleontology, 30(4): 1157 - 1168. DOI10.1080/02724634.2010.483632
  30. ^ a b Campione, N.E. and Evans, D.C. (2011). "Cranial Growth and Variation in Edmontosaurs (Dinosauria: Hadrosauridae): Implications for Latest Cretaceous Megaherbivore Diversity in North America." PLoS ONE, 6(9): e25186. DOI10.1371/journal.pone.0025186
  31. ^ a b Listed as "?Thescelosaurus garbanii" in "Dinosaur distribution (Late Cretaceous; North America; Montana)." Weishampel, et al. (2004). Page 584.
  32. ^ Noted as being present, although misspelled as "Thescelosaurus garbani, in " "Dinosaur distribution (Late Cretaceous; North America; South Dakota)." Weishampel, et al. (2004). Page 586.
  33. ^ Boyd, Brown, et al. (2009)
  34. ^ a b Henderson and Peterson (2006) 192–195.
  35. ^ Witton MP, Naish D (2008) A Reappraisal of Azhdarchid Pterosaur Functional Morphology and Paleoecology. PLoS ONE 3(5): e2271. doi:10.1371/journal.pone.0002271 [1]
  36. ^ a b c d e f R. Matsumoto e S. E. Evans, Choristoderes and the freshwater assemblages of Laurasia, in Journal of Iberian Geology, vol. 36, nº 2, 2010, pp. 253–274, DOI:10.5209/rev_jige.2010.v36.n2.11.

Collegamenti esterniModifica