Apri il menu principale

La stagione dei Gran Premi del 1934 fu l'anno dell'introduzione della nuova Formula Internazionale, detta del "peso massimo", visto che fu posto un limite massimo al peso delle vetture, precisamente di 750 kg, mentre la cilindrata era libera. Come già nel 1933, anche nel '34 non fu organizzato alcun Campionato Europeo (che invece era stato organizzato nel biennio 1931-1932 e come tornerà ad esserlo dal 1935 in poi).

Achille Varzi dimostrò di essere il più vincente tra i piloti, vincendo sei gare, tra cui Tripoli e Barcellona. Allo stesso modo l'Alfa Romeo si dimostrò difficile da battere, vincendo 18 dei 36 Gran Premi della stagione.

Ma nelle corse più importanti si affermarono Mercedes e Auto Union che quell'anno fecero debuttare le loro nuove vetture. La Mercedes vinse 4 volte: all'Eifel con von Brauchitsch, poi alla Coppa Acerbo, al GP d'Italia e al GP di Spagna con Luigi Fagioli. L'Auto Union, con la rivoluzionaria vettura a motore posteriore centrale, vinse con Hans Stuck i GP di Germania, Svizzera e Cecoslovacchia.

Grandes ÉpreuvesModifica

Altri gran premiModifica

Nome Circuito Data Pilota vincitore Costruttore vincitore
  Vallentunaloppet Vallentunasjön 18 febbraio   Paul Pietsch Alfa Romeo
  Gran Premio di Norvegia Mjøsa, Lillehammer 25 febbraio   Per Victor Widengren Alfa Romeo
  Circuito di Alessandria Alessandria 22 aprile   Achille Varzi Alfa Romeo
  Gran Premio di Tripoli Mellaha 6 maggio   Achille Varzi Alfa Romeo
  Gran Premio di Finlandia Eläintarharata 13 maggio   Eugen Bjørnstad Alfa Romeo
  Casablanca Grand Prix Casablanca 20 maggio   Louis Chiron Alfa Romeo
  Targa Florio Madonie 20 maggio   Achille Varzi Alfa Romeo
  Grand Prix des Frontières Chimay 20 maggio   Willy Longueville Bugatti
  Avusrennen AVUS 27 maggio   Guy Moll Alfa Romeo
  Gran Premio della Piccardia Péronne 27 maggio   Benoît Falchetto Maserati
  Mannin Moar Douglas 2 giugno   Brian Lewis Alfa Romeo
  Eifelrennen Nürburgring 3 giugno   Manfred von Brauchitsch Mercedes-Benz
  Gran Premio di Montreux Montreux 3 giugno   Carlo Felice Trossi Alfa Romeo
  Gran Premio di Penya Rhin Montjuïc Park 17 giugno   Achille Varzi Alfa Romeo
  Gran Premio della Marna Reims 8 luglio   Louis Chiron Alfa Romeo
  Gran Premio di Vichy Vichy 15 luglio   Carlo Felice Trossi Alfa Romeo
  Coppa Ciano Montenero 22 luglio   Achille Varzi Alfa Romeo
  Gran Premio di Albi Albi 22 luglio   Rupert Featherstonhaugh Maserati
  Gran Premio di Dieppe Dieppe 22 luglio   Philippe Étancelin Maserati
  Coppa Acerbo Pescara 15 agosto   Luigi Fagioli Mercedes-Benz
  Gran Premio di Nizza Nizza 19 agosto   Achille Varzi Alfa Romeo
  Grand Prix du Comminges Saint-Gaudens 26 agosto   Gianfranco Comotti Alfa Romeo
  Gran Premio di Svizzera Bremgarten 26 agosto   Hans Stuck Auto Union
  Circuito di Biella Biella 2 settembre   Carlo Felice Trossi Alfa Romeo
  Gran Premio U.M.F. Montlhéry 9 settembre   Benoît Falchetto Alfa Romeo
  Gran Premio di Cecoslovacchia Masaryk Circuit 30 settembre   Hans Stuck Auto Union
  Gran Premio di Rio de Janeiro Gávea 3 ottobre   Irineu Correa Ford
  Donington Park Trophy Donington Park 6 ottobre   Whitney Straight Maserati
  Mountain Championship Brooklands 13 ottobre   Whitney Straight Maserati
  Gran Premio di Modena Modena 14 ottobre   Tazio Nuvolari Maserati
  Gran Premio di Napoli Posillipo 21 ottobre   Tazio Nuvolari Maserati
  Gran Premio di Algeria Algeri 28 ottobre   Jean-Pierre Wimille Bugatti

StatisticheModifica

VincitoriModifica

PilotiModifica

Pilota Vittorie
Totale Grandes
Épreuves
  Achille Varzi 6 0
  Louis Chiron 3 1
  Luigi Fagioli 3 2 (1 condivisa)
  Hans Stuck 3 1
  Carlo Felice Trossi 3 0
  Benoît Falchetto 2 0
  Guy Moll 2 1
  Tazio Nuvolari 2 0
  Whitney Straight 2 0
  Eugen Björnstad 1 0
  Rudolf Caracciola 1 1 (1 condivisa)
  Gianfranco Comotti 1 0
  René Dreyfus 1 1
  Philippe Étancelin 1 0
  Rupert Featherstonhaugh 1 0
  Brian Lewis 1 0
  Willy Longueville 1 0
  Manfred von Brauchitsch 1 0
  Jean-Pierre Wimille 1 0

CostruttoriModifica

Costruttori Vittorie
Totale Grandes
Épreuves
  Alfa Romeo 18 2
  Maserati 7 0
  Mercedes-Benz 4 2
  Auto Union 3 1
  Bugatti 3 1

BibliografiaModifica

  • Leif Snellman and Hans Etzrodt, 1934, su The Golden Era of Grand Prix Racing. URL consultato il 5 agosto 2007.
  • Darren Galpin, 1934 Grands Prix, su The GEL Motorsport Information Page. URL consultato il 5 agosto 2007 (archiviato dall'url originale il 4 febbraio 2012).
  Portale Automobilismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobilismo