Apri il menu principale
Forte di Sant'Andrea
Sistema difensivo della Laguna di Venezia
Fort San Andrea Isola di Sant'Andrea.jpg
Forte di Sant'Andrea: porta d'acqua
Ubicazione
StatoFlag of Most Serene Republic of Venice.svg Serenissima Repubblica
Stato attualeItalia Italia
RegioneVeneto Veneto
CittàVenezia-Stemma.png Venezia
Coordinate45°26′03.6″N 12°22′54″E / 45.434333°N 12.381667°E45.434333; 12.381667Coordinate: 45°26′03.6″N 12°22′54″E / 45.434333°N 12.381667°E45.434333; 12.381667
Mappa di localizzazione: Laguna di Venezia
Forte di Sant'Andrea
Informazioni generali
TipoFortezza
StileRinascimento veneziano
Costruzione1543-1559
CostruttoreMichele Sanmicheli
Antonio da Castello[1]
Materialepietra, laterizio, terrapieno
Condizione attualeabbandono
Proprietario attualeEmblem of Italy.svg Ministero della difesa
Visitabileno
Informazioni militari
UtilizzatoreFlag of Most Serene Republic of Venice.svg Serenissima Repubblica
Flag of Archduchy of Austria (1894 - 1918).svg Arciducato d'Austria
Flag of the Napoleonic Kingdom of Italy.svg Regno d'Italia
Flag of Kingdom of Lombardy-Venetia.gif Regno Lombardo-Veneto
Flag of Italy (1861-1946) crowned.svg Regno d'Italia
Italia Repubblica Italiana
Funzione strategicaSbarramento della via principale di accesso alla città di Venezia
Termine funzione strategica12 maggio 1797
Armamento40 cannoniere a pelo d'acqua
40 cannoniere sopra gli spalti
PresidioCoA mil ITA rgt Lagunari.png Battaglione Anfibio "Sile"
CoA mil ITA rgt Lagunari.png Compagnia Mezzi Nautici
CoA mil ITA rgt Lagunari.png Compagnia Supporti Tattici Anfibi "Sile"
Azioni di guerra20 aprile 1797
Associazione Lagunari
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il Forte di Sant'Andrea a Venezia è una fortezza edificata alla metà del XVI secolo sui resti di precedenti opere difensive ormai in rovina, parte del sistema difensivo della laguna di Venezia.

Indice

StoriaModifica

L'opera fu progettata dall'architetto veronese Michele Sanmicheli (1484-1559), incaricato dal governo veneziano di salvaguardare l'accesso dal mare ritenuto più pericoloso, sbarrando il passo, con le artiglierie, a un eventuale flotta nemica.

Un'interessante descrizione del complesso e della vita che vi si svolgeva ci è stata lasciata, nelle sue memorie, dall'avventuriero e scrittore veneziano Giacomo Casanova che vi fu rinchiuso dal marzo al luglio 1743. Il luogo non aveva funzione di prigione ma poteva essere un utile destinazione per personaggi scomodi che si intendeva sottoporre più a misure di sicurezza che a pene detentive vere e proprie.

Il forte costituì, più che un'opera difensiva vera e propria, una forma di dissuasione da mostrare a visitatori e ambasciatori, soprattutto ottomani. Di fatto, superato il periodo in cui si temeva un attacco dal mare, la fortezza ospitò guarnigioni del tutto rappresentative.

Il forte aprì il fuoco una sola volta contro una nave nemica, il 20 aprile 1797, alla vigilia della caduta della Repubblica, quando una potente salva falciò il bastimento francese Le Libérateur d'Italie che tentava di forzare il porto del Lido, provocando la morte del comandante e la resa della nave.

Struttura architettonicaModifica

Il forte è situato sull'omonima Isola di Sant'Andrea (che si trova all'estremità dell'isola delle Vignole) e consta di un corpo centrale, costruito sui resti dell'originario torrione quattrocentesco, e di un bastione esterno alla base del quale erano poste le batterie. Le aperture nel bastione, di forma rettangolare, erano poste quasi a pelo d'acqua per poter spazzare con il tiro l'orizzonte e colpire quanto più possibile vicino alla linea di galleggiamento i vascelli nemici. Questo era reso possibile dalla recente scoperta dei cannoni a canna lunga, era inoltre necessario un tiro ad alzo zero per evitare di colpire il forte di San Nicolo posto di fronte all'isola di sant'Andrea.

All'interno del bastione vi è una lunga casamatta a volta sormontata da un terrapieno che serviva a custodire il munizionamento. All'epoca in cui fu costruito il forte le artiglierie avevano già subito una notevole evoluzione, con una riduzione dei calibri, l'aumento delle gittate e la possibilità di tiro a parabola ridotta, cioè in linea molto più retta rispetto alle bombarde del secolo precedente.

Al centro della casamatta vi è un corridoio che collega il bastione con il cortile interno, all'estremità del quale, dalla parte del cortile, vi sono due alloggiamenti per i perni di un argano utilizzato per il trasporto delle munizioni. Sembra che in origine il bastione e la casamatta fossero collegati da una volta in seguito rimossa.

L'accesso al forte avviene dalla parte opposta rispetto al bastione e un canale, che separa l'approdo dal cortile, aveva la funzione di proteggere l'accesso alla parte posteriore del forte. Va osservato che se la struttura era munitissima sul fronte esterno, era totalmente sguarnita su quello posteriore. Questo al fine di evitare che l'eventuale conquista del forte da parte del nemico, lo trasformasse in una testa di ponte per il nemico stesso. Evidentemente si faceva affidamento sulla potenza delle artiglierie che essendo in numero molto elevato (40) e con vari angoli di tiro, non avrebbero consentito ad alcun vascello di aggirare la postazione. Il forte non era un'opera difensiva pensata per attacchi a breve distanza ma tale da evitare qualsiasi avvicinamento.

Dal punto di vista formale la struttura è interessantissima nel suo complesso ma la parte architettonicamente più piacevole è il frontale in cui si aprono il portone centrale e due archi laterali di egual misura. Sulla parte anteriore del torrione vi è una lapide commemorativa della battaglia di Lepanto sormontata da un rilievo del leone di San Marco[2]. Sulla sommità del torrione vi è una terrazza il cui pavimento fa presumere la funzione di raccolta delle acque, convogliate in un'apertura centrale. Sul lato verso il mare vi è un'interessante portabandiera o portastendardo in pietra d'Istria.

La costruzione è stata, ancora in tempi recenti, adibita a caserma e successivamente sottoposta a imponenti opere di restauro per evitarne il costante abbassamento. A tal fine è stata costruita una sottofondazione il cui bordo esterno è visibile in acqua ad alcuni metri dal perimetro del forte. Ciò ha consolidato tutta la struttura evitandone la rovina. Malgrado gli ingenti costi sostenuti per il consolidamento, non vi è stata alcuna decisione rispetto alla fruizione del complesso, attualmente raggiungibile solo con imbarcazioni private, che giace invaso dalle sterpaglie in stato di totale abbandono.

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ Antonio da Castello, su www.condottieridiventura.it. URL consultato il 23 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 6 agosto 2016).
    «1543. Con l'architetto Michele Sanmicheli ha l'incarico di ricostruire al Lido di Venezia il castello di Sant'Andrea, detto Castelnuovo».
  2. ^ Ne quid urbi natura omnium munitissimi deessent
    hæc propugnacola decemviri posuere
    Alojsio Mocenigo Principe
    Anno Magnæ Navalis Victoriæ

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Sito dell'Associazione Lagunari