Forti Corse

Forti Corse
SedeItalia Italia
Alessandria
Categorie
Formula 1
Dati generali
Anni di attivitàdal 1977 al 1996
FondatoreGuido Forti
Paolo Guerci
Formula 1
Anni partecipazioneDal 1995 al 1996
Miglior risultato11º posto (1995, 1996)
Gare disputate23
Vittorie0

La Forti Corse è stata una squadra motoristica italiana con sede nella città di Alessandria.

Fondata nel 1977 da Guido Forti (1940-2013) e Paolo Guerci, prese parte a varie competizioni minori per vetture monoposto, nonché (con scarso successo) ai campionati di Formula 1 1995 e 1996, correndo 23 Gran Premi senza mai ottenere punti.

StoriaModifica

Le formule minoriModifica

 
Pedro Paulo Diniz alla guida della sua Forti nel 1995

La Forti Corse partecipò per la prima volta a un campionato automobilistico nel 1977, nella Formula Ford 2000 italiana, vincendo il titolo all'esordio grazie al pilota Teo Fabi e alla vettura della Osella Corse, che in futuro avrebbero corso anche nella massima formula. Passato alla F3 sudamericana il team raccolse qualche successo grazie all'argentino Oscar Larrauri, tanto che l'anno successivo, cioè nel 1980 la scuderia passò alla Formula 3 europea senza però ottenere risultati di rilievo. Negli anni seguenti la Forti partecipò a vari campionati di Formula 3 e nel 1985 lo svizzero Franco Forini vinse quello italiano, successo ripetuto nel 1987 da Enrico Bertaggia, nel 1988 da Emanuele Naspetti e nel 1989 da Gianni Morbidelli, che vinse anche il titolo europeo.

Dal 1987 Forti si era interessato anche alla Formula 3000 (in collaborazione con il team Venturini e vetture Dallara) e nel 1991 abbandonò la F3 per dedicarsi solo all'altra.[1] I primi anni nella nuova categoria non furono buoni, dovuti sia all'inesperienza del team che a quella del costruttore del telaio, Dallara. Negli anni successivi si passò poi ai più competitivi telai Lola e Reynard[1] e i risultati migliorarono. Nel 1989 vennero conquistati i primi punti e il primo podio, mentre nel 1990 Gianni Morbidelli vinse la prima corsa nella categoria. I risultati migliori furono ottenuti nel biennio 1991-1992, quando Naspetti e Andrea Montermini vinsero sette gare e il team concluse terzo e secondo in classifica. Nel 1993, poi, Olivier Beretta vinse la prima gara stagionale (e l'ultima nella categoria per la squadra italiana). Un punto di svolta fu l'arrivo in organico del pilota brasiliano Pedro Paulo Diniz, dotato di un cospicuo patrimonio personale e di un ricco portafoglio di sponsor.[2] Egli veicolò altresì l'interesse dell'uomo d'affari Pablo Gancia, il quale rilevò le quote azionarie del team detenute da Guerci; in tal modo la Forti cominciò a ragionare sull'opportunità di debuttare in Formula 1.[2] Nel 1994 la casa italiana corse la sua ultima stagione in Formula 3000, ma i risultati furono deludenti e non andò mai oltre un terzo posto con Hideki Noda.

Formula 1Modifica

Le solide basi finanziarie garantite dagli sponsor personali di Diniz e dai capitali di Gancia consentirono al team di disporre di un budget di circa 7.5 milioni di sterline e di tentare, nel 1995, il "grande salto" nella massima categoria a ruote scoperte.[2] La progettazione della vettura venne affidata a Sergio Rinland e Giorgio Stirano, mentre come secondo pilota fu assunto un altro brasiliano, Roberto Moreno.

Complici diverse scelte progettuali obsolete (quale ad esempio l'adozione di un cambio manuale ad H, laddove l'uso del cambio automatico era ormai prassi consolidata), la FG01-95 risultò essere una vettura lenta e caratterizzata da una scarsa efficienza aerodinamica.[2]

 
Roberto Moreno impegnato con la Forti nel 1995

Sia nei test che nelle prime gare le vetture del team italiano, seppur affidabili, erano spesso relegate nelle posizioni di bassa classifica, con distacchi pesanti rispetto alle monoposto che le precedevano.[2]

A metà stagione vennero apportate alcune modifiche alle vetture, tra cui l'adozione un nuovo musetto,[2] che però non produssero evidenti miglioramenti. Nel tentativo di migliorare la situazione, negli ultimi tre Gran Premi della stagione il team pensò di sostituire Moreno con Hideki Noda, ma non si riuscì a trovare un accordo, sicché la coppia tutta brasiliana rimase al volante fino a fine anno.[2] Il miglior risultato lo ottenne Diniz, che chiuse al settimo posto il GP d'Australia, staccato comunque di quattro giri dal vincitore Damon Hill e un giro dal sesto classificato (e ultimo in zona punti) Pedro Lamy.[2]

L'anno seguente fu ancora più negativo: il passaggio di Diniz alla Ligier privò la Forti della maggior parte delle sue risorse finanziarie, riducendo ulteriormente la possibilità di realizzare una macchina competitiva.[2] Vennero quindi assunti due piloti italiani: Luca Badoer e Andrea Montermini. Venne poi nominato team manager Cesare Fiorio. Per le prime gare della stagione venne usata la FG02, semplice evoluzione della vettura precedente; a partire dal Gran Premio di San Marino fu utilizzata la nuova Forti FG03, la quale al debutto si rivelò più competitiva della monoposto precedente, tanto da permettere a Badoer di girare su tempi vicini a quelli di Ricardo Rosset. Montermini elogiò il comportamento della monoposto.[2]

Nel Gran Premio di Montecarlo del 1996 ambedue le vetture si qualificarono; tuttavia Montermini non prese parte alla gara in quanto durante la sessione di prove straordinarie della domenica mattina (aggiunta per permettere ai piloti di prendere confidenza con la pista bagnata) andò a sbattere all'uscita del tunnel e danneggiò irrimediabilmente la vettura. Quel Gran Premio divenne poi famoso per aver visto solo quattro vetture al traguardo: se la Forti di Luca Badoer avesse "visto" la bandiera a scacchi, sarebbe verosimilmente entrata in zona punti. Il 30 giugno di quell'anno il 51% delle azioni della Forti Corse vennero cedute alla Shannon Racing e quindi, a partire dal Gran Premio di Spagna, venne utilizzata una nuova livrea; tuttavia Guido Forti ben presto accusò la Shannon di non aver pagato le spettanze nei termini previsti. In ogni caso la scuderia non ottenne risultati utili e, dopo il Gran Premio di Gran Bretagna, decise di ritirarsi dalla Formula 1.

Risultati in Formula 1Modifica

Anno Vettura Motore Gomme Piloti                                   Punti Pos.
1995 FG01-95 Ford EDD G Pedro Paulo Diniz 10 NC NC Rit 10 Rit Rit Rit Rit Rit 13 9 16 13 17 Rit 7 0 11º
Roberto Moreno Rit NC NC Rit Rit Rit 16 Rit Rit Rit 14 Rit 17 Rit 16 Rit Rit
Anno Vettura Motore Gomme Piloti                                 Punti Pos.
1996 FG01-95B
FG03-96
Ford EDD G Luca Badoer NQ 11 Rit NQ 10 Rit NQ Rit Rit NQ NPR 0 11º
Andrea Montermini NQ Rit 10 NQ NQ NP NQ Rit Rit NQ NPR

NoteModifica

  1. ^ a b Constructors: Forti Corse S.R.L., grandprix.com. URL consultato il 14 marzo 2008.
  2. ^ a b c d e f g h i j (EN) Forti-Corse, f1rejects.com. URL consultato il 10 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 28 marzo 2007).

BibliografiaModifica

  • (EN) Alan Henry, Autocourse 1994-95, Hazleton Publishing, 1994, ISBN 1-874557-95-0.
  • (EN) Alan Henry, Autocourse 1995-96, Hazleton Publishing, 1995, ISBN 1-874557-36-5.
  • (EN) Alan Henry, Autocourse 1996-97, Hazleton Publishing, 1996, ISBN 1-874557-91-8.
  • Bryn Williams, Colin McMaster, F1 '95. World championship photographic review, Milano, Vallardi&Associati, 1995, ISBN 88-85202-48-4.
  • (EN) Luc Domenjoz, Formula 1 Yearbook 1995, Chronosports Editeur, 1995, ISBN 2-940125-06-6.

Altri progettiModifica

  Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1