Fortunato Saladino

generale italiano

Fortunato Saladino (Trapani, 1925Roma, 2017[2]) è stato un generale italiano, vice comandante generale della Guardia di Finanza dal 1987 al 1988.

Fortunato Saladino
NascitaTrapani, 1925
MorteRoma, 2017
Dati militari
Paese servitoBandiera dell'Italia Italia
Forza armataGuardia di Finanza
Anni di servizio1948 - 1988
GradoGenerale di corpo d'armata [1]
Comandante di
  • Battaglione Allievi dell'Accademia della Guardia di Finanza
  • Comando Legione di Udine
  • Comando Regionale Liguria
  • Ispettorato per i Reparti di Istruzione
Studi militariAccademia della Guardia di Finanza
Scuola di Polizia Tributaria
Scuola di Guerra dell'Esercito
voci di militari presenti su Wikipedia

Biografia

modifica

Laureato in Giurisprudenza. Frequentata l'accademia della GdF, nel 1948 è nominato sottotenente. Capitano nel 1955, comanda il nucleo di polizia tributaria di Bolzano e poi la compagnia e successivamente il nucleo di polizia tributaria di Vicenza. Da tenente colonnello è comandante del battaglione allievi dell'accademia della Guardia di Finanza. Nominato colonnello nel 1973, ha comandato la legione di Udine. Generale di brigata nel 1978. È poi ispettore della Guardia di Finanza per l'Italia Meridionale con il grado di generale di Divisione [3]

Il 24 gennaio 1987 è nominato vice comandante generale della Guardia di Finanza, fino al 31 dicembre 1988, massimo grado allora raggiungibile per un ufficiale delle fiamme gialle.

Nel giugno 1990 diviene amministratore unico della Tieffe, società privata socia del colosso pubblico Compagnia Italiana Turismo e coinvolta nel tentativo di privatizzazione della società[4].

Onorificenze

modifica
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie