Fortunato di Casei

militare romano
San Fortunato di Casei

Martire della Legione tebana

 
Morte286
Venerato daTutte le Chiese che ammettono il culto dei santi
Ricorrenza16 ottobre
Patrono diPantelleria, Casei Gerola

Fortunato (... – Agaunum, 286) è stato un soldato facente parte della legione tebea, martirizzato nel Vallese e venerato come santo dalla Chiesa cattolica.

AgiografiaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Legione tebana.

Secondo la leggenda, Fortunato, soldato della leggendaria Legione Tebea, fu massacrato nei pressi di Agaunum (l'odierna Saint-Maurice) assieme ad altri compagni su ordine dell'imperatore Massimiano, per essersi rifiutato d'offrire sacrifici agli dei pagani (differenti leggende parlano di un rifiuto d'uccidere alcuni cristiani).

Il racconto agiografico lo descrive assieme a valorosi soldati «che con sincera pietà offrirono coraggiosamente il collo alla spada», suggerendo una morte avvenuta tramite decapitazione.

CultoModifica

Le sue reliquie si trovavano nella catacombe di San Callisto a Roma fino al 1746, quando il cardinale Giovanni Antonio Guadagni, cardinale vicario di papa Benedetto XIV, riesumò i resti di san Fortunato, che vennero in un primo momento conservati nella chiesa collegiata di Santa Maria in Via Lata a Roma. Il cardinale Guadagni di fatto donò il corpo del martire a don Carlo Maria Bolardi, allora prevosto di Santa Maria in Via Lata. Don Bolardi a sua volta, nel 1764, fece dono del corpo del Martire al suo paese natale: Casei (dal 1852 Casei Gerola) che elesse San Fortunato patrono del borgo. Entrambi gli atti sono conservati nell'archivio dell'Insigne Collegiata di Casei Gerola. Dal 1764 il corpo di San Fortunato riposa in un'artistica cappella a lui dedicata nell'Insigne Collegiata di San Giovanni Battista a Casei. Non è chiaro come le reliquie di Fortunato giunsero a Roma dal luogo in cui presumibilmente mori nelle Alpi svizzere.

San Fortunato è patrono di Casei Gerola e la sua festa ricorre la terza domenica di ottobre con solenni festeggiamenti che culminano nella processione con l'urna del Santo. È stato anche proclamato patrono di Pantelleria dopo che si ritiene abbia aiutato l'isola attraverso un intervento miracoloso durante un terremoto nel 1831 e un maremoto nel 1891. Una processione in onore del santo si svolge il 16 ottobre, una statua della santo viene portata su una barca.

Collegamenti esterniModifica