Forum mondiale per l'armonizzazione delle regolamentazioni sui veicoli

Forum Mondiale per l'Armonizzazione delle Regolamentazioni sui Veicoli
(EN) World Forum for Harmonization of Vehicle Regulations
Emblem of the United Nations.svg
AbbreviazioneWP.29
Affiliazione internazionaleSustainable Transport Division of the United Nations Economic Commission for Europe (UNECE), ONU
Fondazione1958
ScopoFavorire l'armonizzazione dei regolamenti sui veicoli
Area di azioneECE
PresidenteAntonio Erario (Italia)
Sito web

Il Forum Mondiale per l'Armonizzazione delle Normative sui Veicoli è un gruppo di lavoro (WP.29, Working Party 29)[1] della divisione Trasporti sostenibili della Commissione economica per l'Europa delle Nazioni Unite (UNECE). È sua responsabilità gestire gli Accordi multilaterali firmati nel 1958, 1997 e 1998 concernenti le prescrizioni tecniche per la costruzione, l'omologazione dei veicoli nonché il loro controllo tecnico periodico, per operare nell'ambito di questi tre accordi per sviluppare e modificare i Regolamenti delle Nazioni Unite, i Regolamenti Tecnici Globali delle Nazioni Unite e le norme delle Nazioni Unite.

Il WP.29 è stato istituito nel giugno del 1952 come "Gruppo di lavoro di esperti sui requisiti tecnici dei veicoli" (Working Party of experts on technical requirement of vehicles), mentre il suo nome attuale è stato adottato nel 2000.

All'inizio, il WP.29 aveva un ambito europeo più ampio. Dal 2000, l'ambito globale di questo forum è stato riconosciuto data la partecipazione attiva di Paesi di tutti i continenti.

Il forum si occupa dei regolamenti riguardanti la sicurezza dei veicoli, la protezione dell'ambiente, l'efficienza energetica e la sicurezza verso i furti dei veicoli stessi.

Questo lavoro influenza di fatto la progettazione dei veicoli e facilita il commercio internazionale.

Accordo del 1958Modifica

Il fulcro del lavoro del Forum si basa sull' "Accordo del 1958", formalmente intitolato "Accordo concernente l'adozione di prescrizioni tecniche uniformi per veicoli a ruote, attrezzature e parti che possono essere montati e/o utilizzati su veicoli a ruote e le condizioni per il reciproco riconoscimento delle approvazioni rilasciate sulla base di queste prescrizioni "(E/ECE/TRANS/505/Rev.2, modificata il 16 ottobre 1995). Ciò costituisce un quadro giuridico in cui i paesi partecipanti (parti contraenti) concordano una serie comune di prescrizioni tecniche e protocolli per l'omologazione di veicoli e componenti. Questi erano precedentemente chiamati "Regolamenti UNECE" o, meno formalmente, "Regolamenti ECE" in riferimento alla Commissione economica per l'Europa. Tuttavia, poiché molti paesi non europei sono ora parti contraenti dell'Accordo del 1958, i regolamenti sono ufficialmente denominati "Regolamenti UNECE".[2][3] Secondo il principio del riconoscimento reciproco stabilito nell'accordo, le omologazioni di tipo di ciascuna parte contraente sono riconosciute da tutte le altre Parti contraenti.

Paesi partecipantiModifica

I primi firmatari dell'Accordo del 1958 includono Italia (28 marzo), Paesi Bassi (30 marzo), Germania (19 giugno), Francia (26 giugno), Ungheria (30 giugno), Svezia e Belgio. In origine, l'accordo consentiva la partecipazione solo dei paesi membri ECE, ma nel 1995 l'accordo venne rivisto per consentire la partecipazione dei membri non ECE. I partecipanti attuali includono l'Unione Europea e i suoi paesi membri, nonché membri UNECE non UE come Norvegia, Russia, Ucraina, Croazia, Serbia, Bielorussia, Kazakistan, Turchia, Azerbaigian e Tunisia, e anche territori remoti come Sud Africa, Australia, Nuova Zelanda, Giappone, Corea del Sud, Thailandia e Malesia.

Nel 2016, i partecipanti all'accordo del 1958 sono elencati a seguire, con il relativo codice UN:[4]

Codice UN Paese Data inserimento Note
1 Germania 28 gennaio 1965
2 Francia 20 giugno 1959
3 Italia 10000-00-1963-04-2626 aprile 1963
4 Paesi Bassi 10000-00-1960-08-2929 agosto 1960
5 Svezia 10000-00-1959-06-2020 giugno 1959
6 Belgio 5 settembre 1959
7 Ungheria 10000-00-1960-07-022 luglio 1960
8 Repubblica Ceca 10000-00-1993-01-011 gennaio 1993 (in precedenzaCzechoslovakia)
9 Spagna 10000-00-1961-10-1010 ottobre 1961
10 Serbia 10000-00-2001-03-1212 marzo 2001 (in precedenza Yugoslavia)
11 Regno Unito 16 marzo 1963
12 Austria 10000-00-1971-05-1111 maggio 1971
13 Lussemburgo 12 dicembre 1971
14 Svizzera 28 agosto 1973
15 DDR 10000-00-00 (fino al 1999)
16 Norvegia 10000-00-1975-04-044 aprile 1975
17 Finlandia 10000-00-1976-09-1717 settembre 1976
18 Danimarca 10000-00-1976-12-2020 dicembre 1976
19 Romania 10000-00-1977-02-2121 febbraio 1977
20 Polonia 10000-00-1979-03-1313 marzo 1979
21 Portogallo 28 marzo 1980
22 Federazione Russa 10000-00-1987-02-1717 febbraio 1987
23 Grecia 10000-00-1992-12-055 dicembre 1992
24 Irlanda 10000-00-1998-03-2424 marzo 1998
25 Croazia 10000-00-1991-10-088 ottobre 1991
26 Slovenia 10000-00-1991-06-2525 giugno 1991
27 Slovacchia 10000-00-1993-01-011 gennaio 1993
28 Bielorussia 10000-00-1995-07-022 luglio 1995
29 Estonia 1 maggio 1995
31 Bosnia Erzegovina 10000-00-1992-03-066 marzo 1992
32 Lettonia 10000-00-1999-01-1818 gennaio 1999
34 Bulgaria 10000-00-2000-01-2121 gennaio 2000
35 Kazakistan 10000-00-2011-01-088 gennaio 2011
36 Lituania 29 marzo 2002
37 Turchia 10000-00-1996-02-2727 febbraio 1996
39 Azerbaijan 10000-00-2002-06-1414 giugno 2002
40 Macedonia del Nord 10000-00-1991-11-1717 novembre 1991
42 Unione Europea 10000-00-1998-03-2424 marzo 1998
43 Giappone 24 novembre 1998
45 Australia 25 aprile 2000
46 Ucraina 30 giugno 2000
47 Sud Africa 17 giugno 2001
48 Nuova Zelanda 26 gennaio 2002
49 Cipro 1 maggio 2004
50 Malta 1 maggio 2004
51 Sud Corea 31 dicembre 2004
52 Malesia 4 aprile 2006
53 Thailandia 1 maggio 2006
54 Albania 5 novembre 2011
56 Montenegro 3 giugno 2006
57 San Marino 26 gennaio 2016
58 Tunisia 10000-00-2008-01-011 gennaio 2008
60 Georgia 25 maggio 2015
62 Egitto 3 febbraio 2013

La maggior parte dei paesi, anche se non partecipano formalmente all'accordo del 1958, riconosce i regolamenti delle Nazioni Unite e rispecchia il contenuto dei regolamenti delle Nazioni Unite nei propri requisiti nazionali o consente l'importazione, la registrazione e l'uso di veicoli omologati dall'ONU, o entrambi. Gli Stati Uniti e il Canada (a parte i regolamenti sull'illuminazione) sono le due eccezioni significative; i Regolamenti UN non sono generalmente riconosciuti e i veicoli e le attrezzature conformi alle Nazioni Unite non sono autorizzati per l'importazione, la vendita o l'uso nelle due regioni, a meno che non siano testati per essere conformi alle leggi sulla sicurezza automobilistica della regione, o per un uso limitato non alla guida (es. display per spettacoli automobilistici).[5]

OmologazioneModifica

 
Due tipi di marcatura UE: in alto - secondo i regolamenti UN, in basso - secondo le direttive CE

L'accordo del 1958 si basa sui principi dell'omologazione e del riconoscimento reciproco. Qualsiasi paese che aderisce all'accordo del 1958 ha l'autorità di testare e approvare il progetto di qualsiasi produttore di un prodotto regolamentato, indipendentemente dal paese in cui è stato prodotto quel componente. Ogni singolo disegno di ogni singolo produttore viene considerato come un tipo individuale. Una volta che un paese in via di adesione concede un'omologazione, ogni altro paese in via di adesione è obbligato a onorare tale omologazione e a considerare quel veicolo o elemento di equipaggiamento per autoveicoli legali per l'importazione, la vendita e l'uso. Gli articoli omologati secondo un regolamento UN sono contrassegnati con una E e un numero, all'interno di un cerchio. Il numero indica il paese che ha approvato l'elemento e altre lettere e cifre circostanti indicano rispettivamente la versione precisa del regolamento rispettata e il numero di omologazione.

Sebbene le omologazioni di tutti i paesi siano giuridicamente equivalenti, esistono differenze reali e percepite nel rigore con cui le normative e i protocolli vengono applicati dalle diverse autorità nazionali di omologazione. Alcuni paesi hanno i propri standard nazionali per la concessione delle omologazioni, che possono essere più rigorosi di quanto richiesto dalle stesse normative ONU. Nell'industria dei ricambi auto, un'omologazione tedesca (E1) o giapponese (E51), ad esempio, è considerata una misura di assicurazione contro il sospetto di scarsa qualità o un'omologazione immeritata, sebbbene ciò non sia provato.[6]

Regolamenti delle Nazioni UniteModifica

Dal 2015 ci sono 135 regolamenti UNECE allegati all'Accordo del 1958. Molti dei regolamenti coprono un singolo componente o una singola tecnologia del veicolo. Una lista parziale dei regolamenti che si applicano ai veicoli leggeri per trasporto passeggeri è riportata a seguire:

IlluminazioneModifica

  • R3 - Dispositivi retroriflettenti
  • R4 - Illuminazione delle targhe di immatricolazione posteriori
  • R6 - Indicatori di direzione
  • R7 - Luci di posizione anteriori e posteriori, luci di arresto e luci di ingombro
  • R19 - Fendinebbia anteriori
  • R23 - Luci di retromarcia
  • R37 - Lampade a filamento (lampadine)
  • R38 - Fendinebbia posteriori
  • R48 - Installazione di dispositivi di illuminazione e di segnalazione luminosa
  • R77 - Luci di parcheggio
  • R87 - Luci di marcia diurna
  • R91 - Luci di posizione laterali
  • R112 - Lampada frontale asimmetrica
  • R119 - Luci di svolta
  • R123 - Lampade AFS
  • R128 - Sorgenti luminose a LED

Lampade frontaliModifica

  • R1 - Proiettori che emettono un fascio anabbagliante asimmetrico e/o un fascio abbagliante, equipaggiati con lampadine R2 o HS1 (sostituite da R112, ma ancora valide per le omologazioni esistenti)
  • R5 - Proiettori a fascio lenticolare che emettono un fascio anabbagliante asimmetrico e / o un fascio abbagliante
  • R8 - Fari dotati di lampadine alogene a filamento singolo sostituibili (sostituite da R112, ma ancora valide per le omologazioni esistenti)
  • R20 - Proiettori che emettono un fascio anabbagliante asimmetrico e / o abbagliante e dotati di lampadine alogene H4 a doppio filamento (sostituite da R112, ma ancora valide per le omologazioni esistenti)
  • R31 - Proiettori alogeni sigillati che emettono un fascio anabbagliante asimmetrico e / o un fascio abbagliante
  • R45 - Pulitori per fari
  • R98 - Proiettori equipaggiati con sorgenti luminose a scarica di gas
  • R99 - Sorgenti luminose a scarica di gas da utilizzare in unità di lampade a scarica di gas approvate di veicoli a motore
  • R112 - Proiettori che emettono un fascio anabbagliante asimmetrico e/o un fascio abbagliante e dotati di lampadine a incandescenza
  • R113 - Proiettori che emettono un fascio anabbagliante simmetrico e/o un fascio abbagliante e dotati di lampadine a incandescenza

Strumentazione / ControlliModifica

  • R35 - disposizione dei comandi a pedale
  • R39 - attrezzatura del tachimetro
  • R46 - specchietti retrovisori
  • R79 - attrezzatura dello sterzo

Resistenza all'impattoModifica

  • R11 - chiusure e componenti di fissaggio delle porte
  • R13-H - frenata (autovetture)
  • R13 - frenata (camion e autobus)
  • R14 - ancoraggi delle cinture di sicurezza
  • R16 - Cinture di sicurezza e sistemi di ritenuta
  • R17 - sedili, ancoraggi dei sedili, poggiatesta
  • R27 - triangoli di preavviso
  • R42 - dispositivi di protezione anteriore e posteriore (paraurti, ecc.)
  • R43 - materiali per vetri di sicurezza e loro installazione sui veicoli
  • R94 - Protezione degli occupanti in caso di urto frontale
  • R95 - protezione degli occupanti in caso di urto laterale
  • R116 - Protezione dei veicoli a motore dall'uso non autorizzato
  • R129 - sistemi di ritenuta per bambini avanzati (ECRS)

Compatibilità ambientaleModifica

  • R10 - compatibilità elettromagnetica
  • R15 - emissioni e consumo di carburante (sostituito da R83, R84 e R101)
  • R24 - misurazione della potenza del motore, emissioni di fumo, omologazione del motore
  • R51 - emissioni sonore
  • R68 - misura della velocità massima
  • R83 - emissione di inquinanti in base ai requisiti del carburante del motore
  • R84 - misurazione del consumo di carburante
  • R85 - motopropulsori elettrici - misura della potenza netta e della potenza massima di 30 minuti dei motopropulsori elettrici
  • R100 - Omologazione dei veicoli elettrici a batteria per quanto riguarda i requisiti specifici per la costruzione, la sicurezza funzionale e l'emissione di idrogeno .[7]
  • R101 - misura delle emissioni di anidride carbonica e del consumo di carburante
  • R117 - emissioni sonore di rotolamento dei pneumatici

Pneumatici e ruoteModifica

  • R30 - Pneumatici per autovetture e loro rimorchi
  • R54 - Pneumatici per veicoli commerciali e loro rimorchi
  • R64 - Unità di scorta per uso temporaneo, pneumatici run flat, sistema run flat e monitoraggio pressione pneumatici
  • R75 - Pneumatici per motocicli / ciclomotori
  • R88 - Pneumatici retroriflettenti per veicoli a due ruote
  • R106 - Pneumatici per veicoli agricoli
  • R108 - Pneumatici ricostruiti per autovetture e loro rimorchi
  • R109 - Pneumatici ricostruiti per veicoli commerciali e loro rimorchi
  • R124 - Ruote di ricambio per autovetture

Normative sui veicoli automatizzati / autonomi e connessiModifica

Accordo del 1958Modifica

I maggiori produttori non firmatari dell'accordo del 1958 sono gli Stati Uniti, che hanno i propri standard (FMVSS, Federal Motor Vehicle Safety Standards) e non riconoscono le omologazioni delle Nazioni Unite. Tuttavia, sia gli Stati Uniti che il Canada sono parti dell'accordo del 1998. I veicoli e i componenti con specifica UN che non sono conformi anche alle normative statunitensi, pertanto, non possono essere importati negli Stati Uniti senza modifiche sostanziali. Il Canada ha i propri standard per la sicurezza dei veicoli a motore, sostanzialmente simili all'FMVSS degli Stati Uniti, ma il Canada accetta anche fari e paraurti conformi alle Nazioni Unite. L'imminente accordo economico e commerciale globale tra il Canada e l'Unione europea potrebbe vedere il Canada riconoscere più regolamenti delle Nazioni Unite come alternative accettabili ai regolamenti canadesi.[9]

Differenze normativeModifica

 
Confronto tra la configurazione dei fari europea (in alto) e statunitense (in basso) su auto Citroën DS di anno simile

Sono presenti alcune differenze tra i regolamenti delle Nazioni Unite e quelle di altri stati, tra quelle più note si ricorda la caratteristica dei proiettori negli Stati Uniti per il design e le prestazioni. La Citroën DS mostrata accanto illustra le maggiori differenze nei fari durante l'era 1940-1983, quando le normative statunitensi richiedevano fari a fascio lenticolare, che erano vietati in molti paesi europei. Un approccio simile era evidente con le luci di posizione laterali obbligatorie degli Stati Uniti.[10][11]

Al momento non è possibile produrre un unico progetto di automobile che soddisfi pienamente i requisiti sia delle Nazioni Unite che degli Stati Uniti[12] ma sta diventando sempre più facile con l'evoluzione della tecnologia e di entrambi i regolamenti. Date le dimensioni del mercato automobilistico statunitense e le diverse strategie di marketing in Nord America rispetto al resto del mondo, molti produttori producono veicoli in quattro versioni: nordamericana, UNECE con guida a destra, UNECE con guida a sinistra e resto del mondo (per paesi non regolamentati o paesi con una scarsa qualità del carburante sul mercato).

Accordo del 1998Modifica

L'"Accordo relativo alla definizione di regolamenti tecnici globali per veicoli a ruote, apparecchiature e parti che possono essere montati e/o utilizzati su veicoli a ruote", o Accordo del 1998, è un accordo successivo. A seguito della sua missione di armonizzare le normative sui veicoli, l'UNECE ha risolto le principali questioni (Disposizioni amministrative per l'omologazione contrarie all'autocertificazione e al riconoscimento reciproco delle omologazioni) che impedivano ai Paesi non firmatari dell'Accordo del 1958 di partecipare pienamente alle sue attività.

L'Accordo del 1998 nasce per produrre meta-regolamenti, denominati Global Technical Regulations, senza procedure amministrative per l'omologazione e quindi, senza il principio del reciproco riconoscimento delle omologazioni di tipo. L'accordo del 1998 stabilisce che le parti contraenti stabiliranno, mediante voto consensuale, i regolamenti tecnici globali delle Nazioni Unite (UN GTR) in un registro globale delle Nazioni Unite. I GTR delle Nazioni Unite contengono requisiti di prestazione e procedure di prova armonizzati a livello globale. Ogni UN GTR contiene ampie note sul suo sviluppo. Il testo include una registrazione della logica tecnica, delle fonti di ricerca utilizzate, considerazioni su costi e benefici e riferimenti ai dati consultati. Le parti contraenti utilizzano i loro processi di regolamentazione stabiliti a livello nazionale quando recepiscono i GTR delle Nazioni Unite nella loro legislazione nazionale. L'accordo del 1998 comprende attualmente 33 parti contraenti e 14 GTR delle Nazioni Unite che sono state inserite nel registro globale delle Nazioni Unite.[13] Produttori e fornitori non possono utilizzare direttamente i GTR delle Nazioni Unite poiché sono destinati a servire i paesi e richiedono il recepimento nella legislazione nazionale o regionale.

NoteModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN131129033 · LCCN (ENnb2007005202 · WorldCat Identities (ENlccn-nb2007005202