Apri il menu principale
François Cluzet nel 2013

François Cluzet (Parigi, 21 settembre 1955) è un attore francese.

Indice

BiografiaModifica

Nato a Parigi da una coppia benestante. Soffre del divorzio dei genitori e inizia presto ad interessarsi alla recitazione.

Già nel 1976 calca le scene teatrali mentre il primo ruolo cinematografico arriva nel 1979. L'anno successivo viene chiamato da Claude Chabrol che gli offre subito il ruolo da protagonista per Le cheval d'orgueil cui seguono numerosi altri ruoli sia da protagonista che non protagonista; lavora con i migliori cineasti francesi come Bertrand Tavernier, Claire Denis, Bertrand Blier, Robert Enrico e molti altri. Torna poi a lavorare con Claude Chabrol in ben due film. Viene chiamato spesso anche per lavori televisivi mentre il lavoro a teatro diventa sempre meno frequente.

Negli anni novanta inizia anche a lavorare in produzioni internazionali quali Prêt-à-Porter di Robert Altman e French Kiss di Lawrence Kasdan, per poi tornare in patria dove lavora sia in commedie che in drammi.

La sua carriera va a gonfie vele e ottiene un grande successo grazie a film quali Hotel cinque stelle e Non dirlo a nessuno per il quale riceve il Premio César per il migliore attore. Un altro grande successo sia di critica che di pubblico è Quasi amici - Intouchables (2011), migliore incasso di sempre in Francia e campione di incassi in diversi paesi. Nello stesso anno presta la sua voce al prefetto Maynoff nel film Un mostro a Parigi (nell'edizione italiana il personaggio viene doppiato da Maurizio Mattioli).

Sposato dal 2011 con Narjiss Slaoui-Falcoz, da cui ha avuto una figlia, Blanche, in precedenza era stato legato alle attrici Marie Trintignant, dalla quale ha avuto il figlio Paul, e Valérie Bonneton, dalla quale sono nati due figli, Joseph e Marguerite.

Filmografia parzialeModifica

AttoreModifica

DoppiatoreModifica

Doppiatori italianiModifica

Nelle versioni in italiano dei suoi film, François Cluzet è stato doppiato da:

Da doppiatore è sostituito da:

Premi e candidatureModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN80786382 · ISNI (EN0000 0000 7823 8511 · LCCN (ENn85151751 · GND (DE136444229 · BNF (FRcb13892594v (data) · WorldCat Identities (ENn85-151751