Apri il menu principale

Françoise Hardy

cantante, attrice e astrologa francese
Françoise Hardy
Francoise Hardy 1969 Colorized.jpg
Françoise Hardy nel 1969 (foto colorizzata)
NazionalitàFrancia Francia
GenereChanson
Pop
Slow
Twist
Bossa nova
Ballata popolare
Musica leggera
Yéyé
Periodo di attività musicale1961 – 1988
1996 – in attività
EtichettaVogue (1961-1968)
Sonopresse (1970-1972)
WBR (1973-1974)
Pathé/EMI (1977-1980)
Flarenasch (1981-1988)
Virgin/EMI (1996-2012)
Parlophone (2018)
Album pubblicati> 46
Studio28 + 4
Raccolte> 14
Opere audiovisive3
Sito ufficiale

Françoise Madeleine Hardy (Parigi, 17 gennaio 1944) è una cantautrice, scrittrice e attrice francese.

Françoise Hardy è una cantautrice, esordisce nel mondo della musica a 18 anni e ottiene un successo immediato. Dopo essersi prodotta per sei anni su scena, abbandona le tournée e i concerti e, quindi, continua una carriera essenzialmente discografica. Su delle melodie melanconiche, che a lei piacciono, il repertorio di Françoise Hardy è in gran parte il riflesso dei dubbi, delle domande e dell'ansietà che suscitano in lei i tormenti delle relazioni sentimentali e della nostalgia in generale.

Parallelamente alla scrittura di canzoni, si interessa di astrologia, da lei appresa in complemento alla psicologia. È autrice di diversi libri, in particolare sull'astrologia; è stata anche attrice, in ruoli minori o in cameo, a volte in film di genere musicarello.

BiografiaModifica

1961-1969Modifica

Françoise Hardy esordisce nel 1962 con il singolo Tous les garçons et les filles, che interpreta il 21 settembre nell'emissione Le Petit Conservatoire de la chanson di Mireille Hartuch e che viene ritrasmessa domenica 28 ottobre alla televisione francese in serata in uno degli intermezzi musicali nel corso di una diretta elettorale di grandissimo ascolto. La canzone diventa la bandiera del disagio adolescenziale e finisce col vendere più di due milioni di copie in tutto il mondo (nella versione italiana ha il titolo Quelli della mia età e nel Paesi Bassi arriva al quarto posto). Françoise, suo malgrado, diventa uno dei simboli della generazione yéyé e comincia a mietere successi a 45 giri.

Nel 1963 partecipa all'Eurovision Song Contest con L'amour s'en va e si classifica al quinto posto. Nella sua carriera ha cantato spesso in inglese, italiano, spagnolo e tedesco. In Italia ebbe un grande successo nel 1963 con le canzoni È all'amore che penso e L'età dell'amore che arriva prima in classifica e con le cover delle sue canzoni francesi Quelli della mia età, che raggiunge la prima posizione per tre settimane, e L'amore va. Nel 1966 ha partecipato anche al Festival di Sanremo con Parlami di te cantata in coppia con Edoardo Vianello. Fra le sue canzoni c'è La Maison où j'ai grandi, cover di Il ragazzo della via Gluck di Adriano Celentano.

Nel 1967 esce la compilation Antoine & Françoise (Vogue/Jolly LPJ 5077) con 6 canzoni di Antoine (sul lato A) e 6 canzoni di Françoise (sul lato B) e nel 1969 esce Il pretesto (CGD FGS 5052), versione italiana dell'album Comment te dire adieu. Nel 1970 nel video musicale Il Pretesto compare anche un giovane Renato Balestra, noto stilista italiano, già famoso all'epoca. Nel 1967, la Hardy crea la propria casa di produzione, la "Asparagus" e rinnova il contratto con la Disques Vogue. Escono quindi 3 album: Ma jeunesse fout le camp... (1967), En anglais (1968, cantato in inglese) e Comment te dire adieu (1968).

Quest'ultimo album contiene la canzone Comment te dire adieu, traduzione di Serge Gainsbourg della canzone "It Hurts to Say Goodbye", che sarà uno dei grandi successi del 1969; la Hardy interpreterà questa canzone anche in italiano, col titolo Il pretesto (nel 1968), e in tedesco, col titolo Was mach' ich ohne dich (nel 1970).

Nel 1968, dopo un'ultima tournée in Sudafrica e a Kinshasa, la Hardy abbandona le tournée e i concerti; d'ora in poi le apparizioni in pubblico saranno sul palco di emissioni televisive e radiofoniche. Nel suo tempo libero, la Hardy comincia ad appassionarsi dapprima di psicologia e poi di astrologia, e su quest'argomento ha pubblicato alcuni libri (da sola e in collaborazione con altri autori) ed ha partecipato ad emissioni radiofoniche.

1970-1988Modifica

 
Françoise Hardy nel 1992

Nel 1970, dopo la rottura con Disques Vogue, pubblica tre compilation in Sudafrica con la sua nuova società di produzione "Hypopotam" e distribuite da World Record Co. : Françoise in German (ORC 6071), Françoise in Italian (ORC 6072) e Françoise in French (ORC 6073).

Nel 1970 con la nuova etichetta discografica Sonopresse e la "Hypopotam", la Hardy pubblica una raccolta dal titolo Françoise e il decimo album dal titolo Soleil. L'anno seguente (1971) esce La Question e un altro album in inglese, dal titolo If you listen (quest'ultimo prodotto da Edition Kundalini, società creata dalla Hardy), che esce dapprima in Sudafrica e poi in Francia. Nel 1972 esce Et si je m'en vais avant toi, sempre con Hypopotam/Sonopresse.

Nel 1973, la Hardy pubblica Message personnel, prodotto da Michel Berger, Serge Gainsbourg e Jean-Claude Vannier, con i testi scritti oltre che dalla Hardy, da Berger, Jean-Noël Dupré, Gainsbourg, Christian Ravasco e Georges Moustaki (con il quale canta in duetto una canzone dell'album).

Nel 1974 esce il "concept album" "Entr'acte", nel 1976 escono tre 45 giri, contenenti la canzone Femme parmi les femmes, colonna sonora del film Chissà se lo farei ancora. Tra il 1977 e il 1980, la Hardy pubblica tre album – Star, "Musique saoule" e Gin tonic – tutti prodotti da Gabriel Yared e pubblicati da Pathé Marconi/EMI.

Nel 1978, sull'"onda" della disco music (Cerrone, Donna Summer, ecc.), la Hardy pubblica l'album "Musique saoule", scritto da Michel Jonasz su delle musiche di Alain Goldstein e Gabriel Yared, su delle tonalità jazz e funk; benché questi generi sono siano quelli privilegiati della Hardy, il singolo J'écoute de la musique saoule è un successo di vendite e resta in classifica quasi un anno.

Nel 1981 e nel 1982 escono rispettivamente À suivre... e Quelqu'un qui s'en va, entrambi prodotti da Gabriel Yared e pubblicati da WEA/Flarenasch. Nel 1988, dopo 26 anni di carriera musicale, la Hardy pubblica il suo 21º album, Décalages, e dichiara che questo sarà l'ultimo della sua carriera, nel frattempo il contratto con la Flarenasch si era concluso con questo album.

1996-oggiModifica

 
Françoise Hardy nel 2012

Nel dicembre 1994, spinta a ritornare a incidere da Fabrice Nataf e da Étienne Daho, la Hardy firma con la Virgin Records e nell'aprile 1996, dopo 8 anni di assenza, pubblica un nuovo album, Le Danger, prodotto da Rodolphe Burger e Alain Lubrano.

L'anno seguente (il 4 ottobre 1997), è invitata a salire sul palco da Julien Clerc, con il quale canta in duetto Mon ange, una canzone scritta dalla Hardy per Clerch (uscita nell'album Les Aventures à l'eau del 1987). Nel 2000, esce Clair-obscur, che le vale il "Grand Prix" della SACEM e due nominations alle Victoires de la musique.

Nel 2004, la Hardy pubblica Tant de belles choses, grazie al quale l'anno seguente ottiene la Victoire de l'artiste interprète féminine.

Nel 2006, esce l'album (Parenthèses...), quasi tutte le canzoni sono cover e interpretate dalla Hardy in duetto con altri altri artisti: Alain Bashung, Alain Delon, Jacques Dutronc, Julio Iglesias, Ben Christophers, Alain Souchon, Rodolphe Burger, Henri Salvador, Arthur H, Maurane, Hélène Grimaud (al piano) e Benjamin Biolay.

Nell'ottobre 2008 l'artista ha rilasciato la sua autobiografia, Le désespoir des singes... et autres bagatelles (Éditions Robert Laffont, Paris 2008).[1] Nel 2010 esce l'album La Pluie sans parapluie, l'anno seguente è nominata alle "Victoires de la musique" come "artiste interprète féminine".

Nel novembre 2012, la Hardy compie 50 anni di carriera musicale, dalla pubblicazione del primo album, nel novembre 1962. Per celebrare questo anniversario escono in contemporanea il nuovo album studio L'Amour fou e il romanzo L'Amour fou (Éditions Albin Michel)[2]. Con questo album la Hardy ottiene due nominations alle Victoires de la musique del 2013.

Il 5 marzo 2015 esce il saggio Avis non autorisés...[3], nel quale si esprime sulla società contemporanea, sulle sue passioni e le sue opinioni, e il 3 novembre 2016 esce Un cadeau du ciel...[4], nel quale racconta della sua ospedalizzazione dell'anno precedente.

Il 9 febbraio 2018 è annunciato il suo nuovo (e 28º) album: Personne d'Autre, che esce il 6 aprile. Il primo singolo Le Large – parole e musica di La Grande Sophie – è disponibile dal 16 febbraio e il video del singolo – realizzato da François Ozon – è pubblicato il 20 marzo su YouTube. L'album – prodotto da Erick Benzi – contiene 11 canzoni, di cui 8 scritte dalla Hardy, più una riadattazione in francese (Dors mon ange) della canzone Sleep del gruppo finlandese Poets of the Fall; le altre tre canzoni sono state scritte da Yael Naim (Your're My Home), Michel Berger (si tratta della reinterpretazione della canzone Seras-tu là ? del 1975) e da La Grande Sophie (Le Large).

Vita privataModifica

Françoise Hardy è stata la compagna del cantante e attore Jacques Dutronc dal 1967 fino al 1988. La coppia han avuto un figlio, Thomas Dutronc, nato il 16 giugno 1973, e si è sposata il 30 marzo 1981 a Monticello in Corsica. Dopo la loro separazione, sono rimasti in buoni rapporti e sono tuttora sposati; lei vive a Parigi e lui a Monticello, e dal 1997 con un nuova compagna.

Thomas Dutronc è un noto chitarrista jazz e cantante francese, che ha tra l'altro collaborato con lei in alcuni album: Clair-obscur, Tant de belles choses e Parenthèses, e col padre Jacques Dutronc nell'album Brèves Rencontres.

Nel gennaio 2004, a Françoise Hardy è diagnosticato un linfoma; da allora lei si batte contro la malattia; in particolare è stata ospedalizzata per diverse settimane della primavera del 2015, in gravi condizioni (tre settimane in stato di incoscienza con otto giorni di coma)[5].

Influenze e omaggiModifica

  • 1964: La Hardy è citata in una poesia di Bob Dylan, For Françoise Hardy at the Seine's Edge, riportata sulla cover dell'LP Another Side of Bob Dylan.
  • 1965: Il poeta Jacques Prévert ha scritto un testo intitolato Une plante verte per il programma del secondo passaggio della Hardy all'Olympia nell'ottobre 1965.
  • 1967: Lo scrittore Manuel Vázquez Montalbán ha scritto una poesia intitolata Françoise Hardy.
  • 1968: Lo scrittore Paul Guth le rende omaggio nel suo libro Lettre ouverte aux idoles, nel capitolo Lettre ouverte à Françoise Hardy (pagine da 51 a 63).
  • 1974: La cantante giapponese Yumi Arai ha scritto e registrato la canzone La mia Françoise (私のフランソワーズ Watashi No Françoise?), una canzone in omaggio a Françoise Hardy, contenuta nell'album Misslim (ミスリム Misslim?).
  • 1995: Carla Bruni e Laurent Voulzy reintrerpretano Tous les garçons et les filles de mon âge nello spettacolo (e poi nel CD) Les Enfoirés à l'Opéra-Comique (Les Enfoirés).
  • 2007: Il gruppo statunitense Shawn Lee's Ping Pong Orchestra la cita nella canzone Françoise Hardy, pubblicata nell'album Voices and Choices.
  • 2008: La cantante britannica Sharleen Spiteri ha scritto e registrato in omaggio la canzone Françoise, pubblicata nell'ambum Melody.
  • 2009: Il cantante britannico Robbie Williams ha interpretato la canzone You Know Me, traduzione (reprise) in inglese della canzone della Hardy Voilà.

DiscografiaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Discografia di Françoise Hardy.

Album in studioModifica

RaccolteModifica

  • 1965 – Le Palmarès Françoise Hardy – 1 LP Compilation, Disques Vogue (CLVLX 83 30)
  • 1969 – International Stars – 1 LP Compilation, Disques Vogue (CLVLX 336)
  • 1970 – Françoise – 1 LP Compilation, Production Hypopotam/Sonopresse (HY 30.901)
  • 1970 – Les Grands Succès de Françoise Hardy – 1 LP Compilation, Disques Vogue (SLD. 761)
  • 1977 – Le Double Disque d'Or de Francoise Hardy – 2 LP Compilation, Disques Vogue (LDA. 16012)
  • 1983 – Les Grands Succès de Françoise Hardy – 1 CD Compilation, Disques Vogue (VG-651-600006)
  • 1997 – Françoise Hardy – 1 CD Compilation, Disques Vogue (74321460902)
  • 2001 – L'Essentiel – 1 CD Compilation, EMI (7243 533104 2)
  • 2001 – L'Essentiel – 1 CD Compilation, Disques Vogue (74 321 844 872)
  • 2003 – Messages Personnels – 1 CD Compilation, Virgin (72435 834852 1)
  • 2004 – L'Essentiel – 1 CD Compilation, Capitol/Parlophone
  • 2005 – Le temps des souvenirs – 2 CD Compilation, Virgin/EMI (00946 3361 322 5)
  • 2007 – 100 Chansons – 5 CD Compilation, EMI/Sony Music (50999 5026472 8)
  • 2017 – The Real... Françoise Hardy (The Ultimate Collection) – 3 CD Compilation, Legacy/Sony Music (889853074822)

VideografiaModifica

SingoliModifica

  • 1963 – L'età dell'amore/È all'amore che penso/Quelli della mia età/Ci stòDisques Vogue (EPG 2045)
  • 1963 – Ci stò/Quelli della mia etàDisques Vogue (J 35029) – versioni italiane di J'suis d'accord e Tous les garçons et les filles
  • 1963 – L'età dell'amore/È all'amore che pensoDisques Vogue (J 35035) – versioni italiane di Le Temps de l'amour e C'est à l'amour auquel je pense
  • 1963 – L'amore va/Il tuo migliore amicoDisques Vogue (J 35041) – versioni italiane di L'amour s'en va e Ton meilleur ami
  • 1963 – Vorrei capirti/Il saluto del mattinoDisques Vogue (J 35043) – versioni italiane di Saurai-je ? e Le premier bonheur du jour
  • 1964 – La tua mano/Vorrei essere leiDisques Vogue (J 35055) – la seconda è la versione italiana di J'aurais voulu
  • 1965 – Devi ritornare/La notte sulla cittàDisques Vogue (J 35067) – versioni italiane di Only You Can Do It e La Nuit est sur la ville
  • 1966 – Parlami di te/Nel mondo interoDisques Vogue (J 35087) – la seconda è la versione italiana di Dans le monde entier
  • 1966 – Non svegliarmi mai/Ci sono cose più grandiDisques Vogue (J 35099) – la prima è la versione italiana di Non, ce n’est pas un rêve
  • 1966 – La maison où j'ai grandi/Il est des chosesDisques Vogue (J 35104) – versioni francesi di Il ragazzo della via Gluck e Ci sono cose più grandi
  • 1967 – Gli altri/I sentimentiDisques Vogue (J 35137) – versioni italiane di Voilà e Et même
  • 1968 – La bilancia dell'amore/Io conosco la vitaCGD (N 9697) – versioni italiane di Tiny Goddess e La fin de l'été
  • 1969 – Il pretesto/Se e maCGD (N 9711) – versioni italiane di It Hurts to Say Goodbye e Aves des si
  • 1969 – Stivali di vernice blu/L'ora bluCGD (N 9748) – versioni italiane di Des bottes rouges de Russie e L'heure bleue
  • 1970 – Lungo il mare/Il mare, le stelle, il ventoCGD (N 9783) – la seconda è la versione italiana di La Mer, les étoiles et le vent
  • 1970 – Sole ti amo/Il granchioCGD (N 9821) – versioni italiane di Sunshine e Le crabe

Altre attivitàModifica

FilmografiaModifica

 
Françoise Hardy nel 1966 sul set del film Grand Prix

AttriceModifica

Se stessaModifica

Colonne sonoreModifica

Françoise Hardy non ha realizzato alcuna colonna sonora di film, tuttavia molte sue canzoni sono state usate in film e/o inserite nella colonna sonora del film:

ScrittriceModifica

Françose Hardy ha scritto numerosi libri: autobiografie (Je chante donc je suis, Notes secrètes, Le Désespoir des singes), romanzi (L'amour fou), saggi (Avis non autorisés, Un cadeau du ciel) e trattati sull'astrologia (Le grand livre de la Vierge, L'Astrologie universelle, Entre les lignes entre les signes, Les rythmes du zodiaque).

FotoromanziModifica

  • 1966 – Parlami di te, in italiano, nel settimanale Sogno, dal nº 9 giovedì 24 febbraio 1966 al nº 20 del giovedì 12 maggio 1966, con Françoise Hardy e Edoardo Vianello, foto di Carlo De Marchi, Regia di Giuliano Lonati.
  • 1968 – Françoise or not Françoise, in francese, 6 pagine nel mensile Salut les copains, nº 74 dell'ottobre 1968.

Premi e distinzioniModifica

 
Françoise Hardy mentre riceve l'Edison Award, dalle mani dello scrittore Godfried Bomans, il 12 ottobre 1963

NoteModifica

  1. ^ (FR) Le Désespoir des singes... et autres bagatelles, su lisez.com. URL consultato il 31 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 31 marzo 2018).
  2. ^ (FR) L'Amour fou - Françoise Hardy, su albin-michel.fr. URL consultato il 31 marzo 2018 (archiviato dall'url originale l'8 marzo 2018).
  3. ^ (FR) AVIS NON AUTORISES... / Françoise HARDY, su editionsdesequateurs.fr. URL consultato il 31 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 31 marzo 2018).
  4. ^ (FR) Un cadeau du ciel... / Françoise HARDY, su editionsdesequateurs.fr. URL consultato il 31 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 31 marzo 2018).
  5. ^ (FR) Exclusif : écoutez l'interview intégrale de Françoise Hardy : "Il y a très peu de gens à qui la mort ne fait pas peur", su rtl.fr, 25 giugno 2015.
    «"Il y a eu un moment où les médecins ont informé Thomas [Dutronc] que c'était la fin et qu'il fallait qu'il prévienne tout de suite son père [Jacques Dutronc]"».
  6. ^ (FR) Françoise Hardy, la discrète (PDF), su download.pro.arte.tv, 25 agosto 2016.

BibliografiaModifica

Opere di Françoise Hardy
Modifica

Opere su Françoise HardyModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN104817455 · ISNI (EN0000 0000 7980 5565 · LCCN (ENn80117428 · GND (DE124910106 · BNF (FRcb119068909 (data) · NLA (EN36098309 · WorldCat Identities (ENn80-117428