Apri il menu principale
Françoise Mbango Etone
Nazionalità Camerun Camerun (fino al 2009)
Francia Francia (dal 2010)
Altezza 169 cm
Peso 63 kg
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Specialità Salto triplo, salto in lungo
Record
Triplo 15,39 m Record olimpico Record africano (2008)
Triplo 14,88 m (indoor - 2003)
Lungo 6,55 m (1999)
Lungo 6,13 m (indoor - 2003)
100 m 12"27 (2002)
Società Ac Boulogne Billancourt
Carriera
Nazionale
1996-2008Camerun Camerun
2012- Francia Francia1
Palmarès
Camerun Camerun
Giochi olimpici 2 0 0
Mondiali 0 2 0
Mondiali indoor 0 1 0
Giochi panafricani 1 1 0
Campionati africani 3 2 1
Giochi del Commonwealth 0 2 0
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 18 novembre 2014

Françoise Mbango Etone (Yaoundé, 14 aprile 1976) è una triplista e lunghista camerunese naturalizzata francese, campionessa olimpica di salto triplo ad Atene 2004 e Pechino 2008.

Indice

BiografiaModifica

Françoise Mbango Etone è la prima atleta del Camerun ad aver conquistato almeno una medaglia ai Giochi olimpici, ai Campionati del mondo ed ai Giochi del Commonwealth.

La sua prima medaglia in una manifestazione di rilievo la conquista nel 2001 ai Mondiali di Edmonton, in Canada, con la misura di 14,60 m. L'anno successivo arrivano anche l'argento ai Giochi del Commonwealth e un doppio oro ai Campionati africani, dove oltre alla sua specialità, il salto triplo, conquista il primo posto anche nella finale di salto in lungo.

Nel 2003 apre la stagione con l'argento ai Mondiali indoor di Birmingham. Argento che la Mbango Etone bissa ad agosto ai Mondiali di Saint-Denis, con una notevole misura di 15,05 m.

Il momento più alto della carriera sportiva della Mbango Etone arriva alle Olimpiadi di Atene dove conquista l'oro con un balzo di 15,30 m. Dopo alcuni anni di anonimato, torna a Pechino alle Olimpiadi del 2008 e riesce nell'impresa di bissare il titolo olimpico di salto triplo di quattro anni prima; la misura che le garantisce l'oro è di 15,39 m, nuovo record olimpico ed africano, nonché seconda misura al mondo di sempre ad 11 cm dal record mondiale di Inesa Kravec'.

Nel 2010 acquisisce la cittadinanza francese, ottenendo così l'autorizzazione a prendere parte alle gare internazionali con la nazionale transalpina.[1][2]

Record nazionaliModifica

SenioresModifica

Record nazionali camerunesi

PalmarèsModifica

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Prestazione Note
In rappresentanza del   Camerun
1996 Campionati africani   Yaoundé Salto triplo   Bronzo 12,51 m
1998 Campionati africani   Dakar Salto triplo   Argento 13,80 m
Giochi del
Commonwealth
  Kuala Lumpur Salto triplo   Argento 13,95 m
1999 Mondiali   Siviglia Salto triplo 13ª 14,12 m
Giochi panafricani   Johannesburg Salto in lungo   Argento 6,55 m  
Salto triplo   Oro 14,70 m  
2000 Campionati africani   Algeri Salto triplo   Argento 13,87 m
Giochi olimpici   Sydney Salto triplo 10ª 13,53 m
4×100 m Batteria 45"82
2001 Mondiali   Edmonton Salto triplo   Argento 14,60 m
2002 Giochi del
Commonwealth
  Manchester Salto triplo   Argento 14,82 m
Campionati africani   Tunisi Salto in lungo   Oro 6,68 m
Salto triplo   Oro 14,95 m
2003 Mondiali indoor   Birmingham Salto triplo   Argento 14,88 m  
Mondiali   Saint-Denis Salto triplo   Argento 15,05 m  
2004 Mondiali indoor   Budapest Salto triplo 14,62 m
Giochi olimpici   Atene Salto triplo   Oro 15,30 m
2008 Campionati africani   Addis Abeba Salto triplo   Oro 14,76 m  
Giochi olimpici   Pechino Salto triplo   Oro 15,39 m  
2009 Mondiali   Berlino Salto triplo Qualificazione nm
In rappresentanza della   Francia
2012 Europei   Helsinki Salto triplo 14,19 m

Coppe e meeting internazionaliModifica

2001
2002
2003
2004
2008

NoteModifica

  1. ^ (EN) Transfers of Allegiance 2009 / 2010 / 2011 (PDF), su iaaf.org, IAAF. URL consultato il 28 aprile 2012 (archiviato dall'url originale l'11 maggio 2012).
  2. ^ (FR) Ateba Biwolé, Athlétisme: Françoise Mbango prend la nationalité française, su cameroon-info.net, Cameroon-Info.Net, 18 maggio 2010. URL consultato il 28 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 21 dicembre 2011).

Collegamenti esterniModifica