Apri il menu principale

Francesco Andreani (Umbertide, 10 giugno 1861Perugia, 21 marzo 1932) è stato un avvocato e politico italiano.

BiografiaModifica

Francesco Andreani nacque ad Umbertide (PG) il 10 giugno 1861 da Francesca Fuscagni e Michele Andreani. Laureatosi in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Perugia, divenne in seguito avvocato civilista. Ricoprì la carica di sindaco di Umbertide nel 1890 e dal 1910 al 1919. Repubblicano e massone sostenne l'entrata in guerra dell'Italia nel 1915. Nel 1919 rifiutò di aderire al fascismo.

Nel 1919 fondò a Perugia il "Ricreatorio laico XX Giugno" e prese parte alla realizzazione dell'Università popolare, per integrare la scarsa cultura dei lavoratori.

Con Francesco Buitoni, Leone Ascoli, Annibale Spagnoli e Luisa Spagnoli, fondò a Perugia, il 30 novembre 1907, una fabbrica di confetti che poi sarebbe diventata la "Perugina".

Morì a Perugia il 21 marzo 1932.

  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie