Francesco Cancellotti

tennista italiano
Francesco Cancellotti
Francesco Cancellotti.jpg
Francesco Cancellotti (1986)
Nazionalità Italia Italia
Altezza 183 cm
Peso 75 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Termine carriera 2001
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 114-118 (49.14%)
Titoli vinti 2
Miglior ranking 21º (15 aprile 1985)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open -
Francia Roland Garros 4T (1984, 1985)
Regno Unito Wimbledon 1T (1988, 1989)
Stati Uniti US Open -
Doppio1
Vittorie/sconfitte 26-41 (38.81%)
Titoli vinti 0
Miglior ranking 160º (10 ottobre 1988)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al definitivo

Francesco Cancellotti (Perugia, 27 febbraio 1963) è un ex tennista italiano.

Specialista della terra rossa, superficie su cui conquistò i suoi due titoli ATP su sette finali disputate, iI 15 aprile 1985 raggiunse la posizione n° 21 della classifica ATP, l'ottava più alta mai conseguita da un tennista italiano dall'introduzione del sistema di calcolo computerizzato.

Nelle prove del Grande Slam ha raggiunto gli ottavi di finale al Roland Garros nel 1984 e 1985.

BiografiaModifica

Cresciuto tecnicamente sulla terra rossa del Tennis Club Perugia sotto la guida del maestro Dante Marcarelli e lo sguardo attento del padre Delfo, scomparso prematuramente dopo averne seguito i primi passi nel tennis, viene notato e poi convocato da Mario Belardinelli presso il centro federale di Formia nel 1977.[1]

CarrieraModifica

Nel 1977 raggiunse la finale dei campionati under 14, dove fu sconfitto da Omar Urbinati.[2]

1983Modifica

Nel 1983, vinse il suo primo titolo Challenger, a Galatina, sconfiggendo in finale lo spagnolo Miguel Mir in due set. Nello stesso anno raggiunse la sua prima finale nel circuito maggiore, al torneo di Firenze, eliminando nell'ordine John Alexander, numero 29 del mondo, Bernard Fritz, Ricardo Cano ed Eddie Dibbs, prima di arrendersi in due set a Jimmy Arias. Pochi mesi più tardi conquistò i Campionati italiani assoluti a Napoli sconfiggendo in finale Paolo Canè (6-1, 7-5, 6-4).

1984Modifica

Dopo la semifinale raggiunta al Challenger di Tunisi, dove venne sconfitto da Henrik Sundström, si presentò a Firenze accreditato della testa di serie n° 7. All'esordio sconfisse Victor Pecci in due set, 7-6, 6-4. Negli ottavi di finale dispose agevolmente di Jakob Hlasek, 6-1 6-2, e nei quarti ebbe la meglio sul qualificato spagnolo David De Miguel, 7-6, 6-1. In semifinale sconfisse Gianni Ocleppo, 6-0, 7-5 e nell'atto conclusivo, il 13 maggio, trionfò in due set contro Jimmy Brown, diventando il sesto giocatore italiano a conquistare un titolo ATP nell'era Open, il terzo a realizzare l'impresa senza perdere un set. Agli Internazionali d'Italia raggiunse i quarti di finale dopo aver superato al secondo turno Mats Wilander, n° 4 della classifica mondiale e primo top 10 da lui sconfitto in carriera, al quale concesse soltanto tre giochi (6-3, 6-0). Nel corso di questi due tornei, mise a segno la serie più lunga di set vinti consecutivamente (16) da un tennista italiano nell'era Open,[3] che si concluse con la sconfitta contro Aaron Krickstein, futuro finalista del torneo, contro il quale raccolse quattro giochi.

Il 21 maggio, grazie alla posizione numero 47 nel ranking ATP, diventò il nuovo numero uno italiano.[4]

Al Roland Garros ottenne il suo migliore risultato in una prova del Grande Slam raggiungendo gli ottavi di finale, primo italiano nell’era Open a spingersi così avanti alla sua prima presenza nel tabellone principale di un Major, impresa eguagliata 37 anni dopo da Lorenzo Musetti. Dopo aver superato nell'ordine il giocatore di casa François Errard in tre set e i qualificati Slobodan Živojinović, in quattro e Karel Nováček, in tre, fu sconfitto da Henrik Sundström in tre partite.

Il 16 settembre, a Palermo, conquistò i Campionati Internazionali di Sicilia, sconfiggendo in finale Miloslav Mečíř, al quale concesse soltanto tre game (6-0, 6-3), dopo un percorso che lo aveva visto eliminare, nell'ordine, Derek Tarr, Raúl Viver e Jordi Arrese, in due set, e in semifinale Tomáš Šmíd, l'unico in grado di strappargli un set.

La settima successiva giunse in finale al torneo di Bordeaux, dove fu sconfitto da José Higueras per 7–6, 6–1, dopo nove incontri vinti consecutivamente e i successi su Terry Tulasne, Joakim Nyström e Victor Pecci. A fine stagione si confermò Campione italiano assoluto, a Perugia, superando in finale Michele Fioroni in quattro set (6-3, 2-6, 6-4, 6-0).

1985-1989Modifica

Il Roland Garros del 1985 lo vide bissare il risultato dell'anno precedente. Ai successi ottenuti contro Hans Schwaier, in cinque set, il qualificato Roberto Saad, in tre e Cássio Motta, in quattro, fece seguito la sconfitta in quattro partite contro Jimmy Connors, n° 3 del mondo.

Nell'edizione 1985 del torneo di Barcellona sconfisse in tre set l'ex n° 2 del mondo Guillermo Vilas, per poi arrendersi negli ottavi ad Henri Leconte. Il 15 aprile 1985 raggiunse il best ranking ATP alla posizione numero 21.

Il 12 aprile 1987, al torneo di Bari, raggiunse la sua quinta finale in carriera, nella quale fu sconfitto in rimonta da Claudio Pistolesi col punteggio di 6-7, 7-5, 6-3.

Il 16 agosto 1987, a Saint-Vincent, raggiunse la sua sesta finale nel circuito maggiore. A impedirgli di sollevare il terzo trofeo in carriera fu Pedro Rebolledo, che ebbe la meglio in tre set con lo score di 7-6, 4-6, 6-3.

Il 17 luglio 1988, al torneo di Båstad, approdò senza perdere un set in finale, la sua settima e ultima in carriera, dove dovette inchinarsi in tre partite a Marcelo Filippini.

Il 3 maggio 1989, nel primo turno del torneo di Forest Hills, sconfisse in due set Mats Wilander, n° 2 del mondo, il giocatore dalla migliore classifica da lui battuto in carriera.[5] Negli ottavi di finale fu eliminato da Marcelo Filippini in tre partite.

Cancellotti vanta undici presenze e cinque vittorie in Coppa Davis.[6][7]

Ricopre attualmente la carica di vicepresidente e direttore generale presso la società calcistica ASD Pontevalleceppi.

StatisticheModifica

SingolareModifica

Vittorie (2)Modifica

Legenda
Grande Slam (0)
Grand Prix (2)
Numero Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 13 maggio 1984   ATP Firenze, Firenze Terra rossa   Jimmy Brown 6-3, 6-3
2. 16 settembre 1984   Campionati Internazionali di Sicilia, Palermo Terra rossa   Miloslav Mečíř 6–0, 6–3

Finali perse (5)Modifica

Numero Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 15 maggio 1983   ATP Firenze, Firenze Terra rossa   Jimmy Arias 1-6, 4-6
2. 23 settembre 1984   Bordeaux Open, Bordeaux Terra rossa   José Higueras 6-7, 1-6
3. 12 aprile 1987   Hypo Group Tennis International, Bari Terra rossa   Claudio Pistolesi 7-6, 5-7, 3-6
4. 16 agosto 1987   ATP Saint-Vincent, Saint-Vincent Terra rossa   Pedro Rebolledo 6-7, 6-4, 3-6
5. 10 luglio 1988   Swedish Open, Båstad Terra rossa   Marcelo Filippini 6-2, 4-6, 4-6

DoppioModifica

Finali perse (1)Modifica

Numero Data Torneo Compagno Superficie Avversari in finale Punteggio
1. 15 settembre 1988   Hypo Group Tennis International, Bari   Simone Colombo Terra rossa   Thomas Muster
  Claudio Panatta
3-6, 1-6

NoteModifica

  1. ^ Nicola Pucci, su SportHistoria. URL consultato il 7 maggio 2021.
  2. ^ Francesco Cancellotti: un dritto di ferro | Tennis Club Perugia, su tennisclubperugia.it. URL consultato il 7 maggio 2021.
  3. ^ Cancellotti e la doppietta agli Assoluti: “Dopo la vittoria a Perugia tirai un sospiro di sollievo”, su www.tennisitaliano.it. URL consultato il 6 maggio 2021.
  4. ^ Rankings | Singles | ATP Tour | Tennis, su ATP Tour. URL consultato il 30 maggio 2021.
  5. ^ CANCELLOTTI ELIMINA WILANDER - la Repubblica.it, su Archivio - la Repubblica.it. URL consultato il 4 maggio 2019.
  6. ^ Profilo sul sito della Coppa Davis
  7. ^ ATP Rankings History atpworldtour.com

Collegamenti esterniModifica