Francesco Costa (scrittore)

scrittore e sceneggiatore italiano

Francesco Costa (Napoli, 12 ottobre 1946) è uno scrittore e sceneggiatore italiano.

Biografia modifica

Di padre napoletano e madre tedesca, diplomato presso il liceo classico Umberto I e laureato in filosofia, si è trasferito a Roma dove è apparso come attore in alcuni film fra cui Anno Uno e Il Messia, diretti entrambi da Roberto Rossellini, e Nel più alto dei cieli di Silvano Agosti, presentato alla Mostra del Cinema di Venezia, alla cui sceneggiatura ha collaborato insieme a Stefano Rulli. Ha poi realizzato diverse sceneggiature per il cinema e per la televisione, fra cui quella del film L'altra donna di Peter Del Monte che ha conquistato nel 1980 il Premio Speciale della Giuria alla Mostra del Cinema di Venezia.

Dal 1982 al 1986 ha scritto oltre cento sceneggiature per la Lancio, casa editrice di fotoromanzi, e per i settimanali a fumetti Lanciostory e Skorpio, pubblicati da Eura Editoriale. Le sue storie sono state illustrate dai maggiori disegnatori di fumetti fra cui Franco Saudelli, Massimo Rotundo, Ugolino Cossu, Giovanni Freghieri e Gustavo Trigo. Collabora con Tinto Brass e Bernardino Zapponi alla sceneggiatura di Così fan tutte (1992), uno dei più grandi successi della carriera di Brass.

Dal 2000 al 2009 ha condiviso con Gianni Canova una rubrica di recensioni cinematografiche, cinque articoli a testa ogni mese, sul mensile di studi e rassegne Letture, nato nel 1946 e ha firmato ottantadue voci su attori cinematografici (fra cui Anna Magnani, Audrey Hepburn e Gina Lollobrigida) per l'Enciclopedia Treccani.

Nel 2006 ha sceneggiato Niente Storie, composto da sette cortometraggi diretti da altrettanti registi e prodotti dall'Unione Italiana Casting.

Come scrittore ha esordito nel 1996 con il romanzo La volpe a tre zampe, di impianto parzialmente autobiografico perché riferito a una sua esperienza infantile, quando dagli otto ai dieci anni si ritrovò rinchiuso in un campo profughi alla periferia di Napoli. Ambientati a Napoli e in particolare nei Campi Flegrei, seppure in epoche diverse, i suoi romanzi esplorano i temi del doppio e del sosia, del vampirismo e dell'inganno. Due di essi sono stati trasposti sul grande schermo: La volpe a tre zampe di Sandro Dionisio, interpretato da Miranda Otto, Nadja Uhl e Angela Luce, e L'imbroglio nel lenzuolo di Alfonso Arau con Maria Grazia Cucinotta, Anne Parillaud e Geraldine Chaplin.

Autore anche di romanzi per ragazzi, ha vinto vari premi fra cui nel 2006 la 12ª edizione del premio letterario Scelto da noi per il libro L'orologio capriccioso. Per il romanzo La scuola dei veleni, secondo episodio di una serie fantasy intitolata Leo, edita da Touring Junior e articolata in sei volumi ambientati in sei diverse città italiane, ha vinto nel 2011 il Premio Selezione Bancarellino e nel 2013 la 19ª edizione del premio Uno su cinque: Scegli il tuo libro.

Nel 2013 è stato presidente della giuria del premio per la letteratura di viaggio Premio l'Albatros - Città di Palestrina, composta da Paolo Di Paolo, Luigi La Rosa, Alessandro Leogrande e Vanna Vannuccini. Attualmente fa parte della giuria del premio letterario Minerva Letteratura e Impegno Civile, presieduto da Bianca Granata Guadalupi, insieme agli scrittori Viola Ardone, Massimo Cacciapuoti, Paolo Di Paolo, Lisa Ginzburg e Titti Marrone.

È approdato al genere fantastico, venato di sfumature horror, con Dottor Neanderthal - Il colore morto della mezzanotte (Cento Autori Edizioni, 2018), in cui si adombra l'ipotesi che l'uomo di Neanderthal sia stato oggetto del primo genocidio nella storia dell'umanità. I suoi libri sono tradotti in Germania, Spagna, Grecia, Giappone[senza fonte].

È docente di storia del cinema per l'Università telematica e-Campus. Il 10 febbraio 2022 pubblica per Giulio Perrone Editore il libro Dive del Cinema, storia del divismo cinematografico femminile lungo l'intero arco del Novecento in Europa e a Hollywood.

Libri modifica

Raccolte di racconti modifica

Romanzi modifica

Romanzi per ragazzi modifica

Saggi modifica

Filmografia modifica

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN79194851 · ISNI (EN0000 0000 7844 9781 · SBN CFIV155924 · LCCN (ENn94013455 · J9U (ENHE987007435263905171