Apri il menu principale

Francesco Foti (attore)

attore e cabarettista italiano

CarrieraModifica

Diplomato all'Accademia d'Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano nel 1993, si perfeziona attraverso workshops di recitazione, di voce e scrittura in Italia e all'estero.

Su queste basi ha costruito un curriculum variegato, in cui è presente innanzitutto il teatro, dagli autori classici come Pirandello (L'uomo, la bestia e la virtù), Shakespeare (Lady Macbeth) e Anton Čechov (Il gabbiano) ad altri più recenti come Edward Albee (Zoo story) e Albert Camus (La peste), fino a Urs Widmer (Top dogs) e Hanoch Levin (Un'impresa difficile). A maggio 2013 è stato Frosch ne Il pipistrello di Strauss, in scena al Teatro Massimo Bellini di Catania per la regia di Michele Mirabella. Nel 2011 porta in scena Niuiòrc Niuiòrc, monologo brillante con sfumature poetiche, terzo spettacolo da lui stesso scritto e diretto, che nel 2013 sbarca a New York per un mini tour che registra un ottimo successo di pubblico e di critica.

Nel cinema ha lavorato, tra gli altri, con Giuseppe Tornatore in Baarìa, con Roberto Faenza in Alla luce del sole e con Giuseppe Piccioni in Fuori dal mondo.

In televisione alterna ruoli drammatici e brillanti, interpretando personaggi profondamente distanti fra loro. Dall'avvocato senza scrupoli di Squadra antimafia 3 al boss di Tutta la musica del cuore; dal mai cresciuto dj nella sitcom All Stars al perfido Sgrò di Intelligence; dall'idealista Pietro Passalacqua nelle due serie di Raccontami al boss Stefano Bontade ne Il capo dei capi. È stato George Ragalan, il protagonista indiano della sit-com Sweet India ed il cabarettista drogato Luca Melis ne L'ultima battuta della serie Crimini. Nella stagione 2006/07 è stato Vincenzo nella instant-comedy Andata e ritorno. In Un medico in famiglia 8 era Tiziano Corradi, il nuovo direttore sanitario della clinica.

Sul versante comico, scrive e interpreta Relazioni più o meno pericolose (con Margherita Antonelli) e Sotto il vestito Foti, inserendovi alcuni dei tantissimi personaggi nati durante il suo sodalizio con il gruppo dei Cavalli Marci. Gira il film comico-musicale Come se fosse amore e registra quattro diversi spettacoli per la rassegna Palcoscenico di Raidue. È nel cast fisso delle prime due edizioni di Colorado Cafè.

Ha lavorato in radio (con Francesco Salvi e Paolo Villaggio, tra gli altri) e dal 2001 al 2004 è stato protagonista con i suoi personaggi su Radio Kiss Kiss.

Come cabarettistaModifica

La carriera di cabarettista di Francesco Foti, dopo la necessaria gavetta nei piccoli locali, ebbe una spinta con il suo ingresso del gruppo genovese dei Cavalli Marci, con i quali rimase per qualche anno. Con loro partecipò al film Come se fosse amore, nel ruolo di un presentatore televisivo despota. La sua più importante partecipazione è quella al cast fisso della prima edizione (2003) della trasmissione televisiva di Italia 1 Colorado Cafè, ideata e condotta da Diego Abatantuono.

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

TeatroModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN90307772 · SBN IT\ICCU\RAVV\341325 · WorldCat Identities (EN90307772