Apri il menu principale

Francesco Malaguzzi Valeri

storico dell'arte e numismatico italiano

Francesco Malaguzzi Valeri (Reggio nell'Emilia, 23 ottobre 1867[1]Bologna, 23 settembre 1928[1]) è stato uno storico dell'arte e numismatico italiano.

Indice

BiografiaModifica

Nato a Reggio da famiglia nobile (il padre Gherardo era conte), studiò giurisprudenza prima a Modena e poi alla Sapienza dove si laureò nel 1890. La tesi, Il diritto di grazia, fu poi pubblicata a Reggio[1].

Tornato in patria, frequentò gli archivi, prima a Reggio e poi a Bologna, su artisti della zona e poi, una volta a Bologna, sulle miniature. Collaborò con l'Archivio storico dell'arte, una pubblicazione diretta da Domenico Gnoli e Adolfo Venturi; con quest'ultimo era già in contatto dal tempo della sua permanenza a Roma[1].

Nell 1894 pubblicò sulla Rivista italiana di numismatica un saggio sulla zecca di Reggio Emilia e nel 1897 uno su quella di Bologna.

Agli inizi del 1899 si trasferì a Milano, chiamato dal cugino Ippolito Malaguzzi Valeri, che era direttore dell'Archivio di Stato di Milano. Uno dei risultati all'Archivio di Stato è "Ricamatori e arazzieri a Milano nel Quattrocento".

Nel 1903 Corrado Ricci, che era all'epoca direttore di Brera e stava per essere trasferito a Firenze, lo scelse come collaboratore per il riordino delle sale e per il catalogo della quadreria. Il catalogo fu poi pubblicato nel 1908 a Bergamo[1].

Nel 1906, sempre a Bergamo, uscirono i suoi due volumi dedicati a Milano, nella serie Serie Italia Artistica della Collezione di monografie illustrate, che era diretta da Ricci.

Altre ricerche sfociarono nei 4 volumi de La corte di Ludovico il Moro, pubblicati a Milano tra il 1913 e il 1923.

Alla fine del 1914 divenne direttore della Pinacoteca Nazionale di Bologna e di soprintendente alle Gallerie di Bologna e della Romagna. Rimase a Bologna, dove morì suicida nel settembre del 1928[1].

PubblicazioniModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f Sicoli.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN8467820 · ISNI (EN0000 0001 0868 1865 · SBN IT\ICCU\CFIV\030254 · LCCN (ENn87117726 · GND (DE129533912 · BNF (FRcb10643174k (data) · ULAN (EN500321955 · BAV ADV10092765