Apri il menu principale

Francesco Maria Banditi

cardinale e arcivescovo cattolico italiano
Francesco Maria Banditi, C.R.
cardinale di Santa Romana Chiesa
Cardinal Francesco Maria Banditi.jpg
Ritratto del cardinale Banditi
Template-Cardinal (Metropolitan Archbishop).svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato9 settembre 1706 a Rimini
Ordinato presbitero14 agosto 1729
Nominato vescovo30 marzo 1772 da papa Clemente XIV
Consacrato vescovo5 aprile 1772 dal cardinale Lazzaro Opizio Pallavicini
Elevato arcivescovo29 maggio 1775 da papa Pio VI
Creato cardinale17 luglio 1775 da papa Pio VI
Pubblicato cardinale13 novembre 1775 da papa Pio VI
Deceduto26 maggio 1796 (89 anni) a Benevento
 

Francesco Maria Banditi (Rimini, 9 settembre 1706Benevento, 26 maggio 1796) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico italiano. Fu soprannominato come il cardinale della porpora rattoppata.

BiografiaModifica

Fu inizialmente preposito generale dei Chierici Regolari Teatini.

Il 30 marzo 1772 fu eletto vescovo di Montefiascone e Corneto. In quest'incarico si impegnò in migliorie dell'ospedale di Montefiascone; alla sua cattedrale donò un paramentale in lama d'oro e l'altar maggiore in marmi policromi intarsiati.

Il 14 maggio 1775 fu promosso all'arcidiocesi di Benevento.

Il 17 luglio dello stesso anno fu creato cardinale in pectore. Fu pubblicato nel concistoro del 13 novembre successivo e il 18 dicembre 1775 ebbe il titolo di San Crisogono.

Fra i lavori durante gli anni in cui prestò servizio a Benevento la cura della Biblioteca Arcivescovile Pacca e l'affidamento della fabbrica dell'Educandato per fanciulle alle Madri Orsoline del Monastero delle Orsoline.

Inoltre, per ricordare papa Benedetto XIII precedentemente vescovo dell'arcidiocesi, nel 1778 decise di far erigere in suo onore la Fontana delle Catene; a lui si deve inoltre la costruzione della Chiesa di Santa Maria della Verità. Morì all'età di 90 anni.

Genealogia episcopaleModifica

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN89090251 · ISNI (EN0000 0000 6193 8159 · LCCN (ENno2017034460 · GND (DE1072300826 · CERL cnp02124762 · WorldCat Identities (ENno2017-034460