Francesco Minerva

arcivescovo cattolico italiano
Francesco Minerva
arcivescovo della Chiesa cattolica
Francesco Minerva.png
Monsignor Francesco Minerva
Template-Metropolitan Archbishop.svg
Nulla sapientia sine fide
Incarichi ricoperti
Nato 31 gennaio 1904 a Canosa di Puglia
Ordinato presbitero 16 aprile 1927 dall'arcivescovo Nicola Giannattasio
Nominato vescovo 16 settembre 1948 da papa Pio XII
Consacrato vescovo 31 ottobre 1948 dall'arcivescovo Ferdinando Bernardi
Elevato arcivescovo 20 ottobre 1980 da papa Giovanni Paolo II
Deceduto 23 agosto 2004 (100 anni) a Canosa di Puglia

Francesco Minerva (Canosa di Puglia, 31 gennaio 1904Canosa di Puglia, 23 agosto 2004) è stato un arcivescovo cattolico italiano, 1º arcivescovo metropolita di Lecce.

Indice

BiografiaModifica

Fu ordinato sacerdote il 16 aprile 1927 da Nicola Giannattasio, già vescovo di Nardò, arcivescovo titolare di Pessinonte.

Laureato in teologia presso il pontificio Ateneo Lateranense, nel luglio 1931, si laureò anche in Giurisprudenza all'Università di Bari. Fu arciprete parroco della Cattedrale di San Sabino dal 1931 al 1948.

Il 16 settembre 1948 fu nominato vescovo di Nardò. Ricevette l'ordinazione episcopale il 31 ottobre 1948, consacrante Ferdinando Bernardi, arcivescovo di Taranto.

Il 17 dicembre 1950, mentre reggeva la diocesi, in qualità di amministratore apostolico, dopo la morte di Mons. Alberto Costa, fu nominato vescovo di Lecce.

Dal 29 aprile 1956 al 6 maggio 1956 organizzò ed ospitò la celebrazione del 15º Congresso eucaristico nazionale.

Dall'11 ottobre 1962 all'8 dicembre 1965, partecipò attivamente a tutte le sessioni del Concilio Vaticano II[1].

Il 20 ottobre 1980 Giovanni Paolo II emanò la bolla Conferentia Episcopalis Apuliae[2], con la quale elevò la diocesi di Lecce al rango di arcidiocesi metropolitana.

Per raggiunti limiti di età, rassegnò le dimissioni il 27 gennaio 1981, rimanendo arcivescovo emerito dell'arcidiocesi di Lecce, ma ritirandosi nella nativa Canosa, pur continuando per molti anni a trascorrere l'estate nel Salento.

Morì il 23 agosto 2004, a cento anni e sette mesi circa.

Il 31 gennaio 2008 il suo corpo è stato traslato all'interno della Cattedrale di San Sabino di Canosa di Puglia e tumulato nella tomba che egli stesso aveva fatto costruire per la sua sepoltura.

Ha conferito l'ordinazione sacerdotale ai futuri vescovi Vito De Grisantis, di Ugento- Santa Maria di Leuca, Marcello Semeraro, di Albano, Luigi Pezzuto, nunzio apostolico, Angelo Massafra, arcivescovo metropolita di Scutari e a Fernando Filograna, di Nardò-Gallipoli.

Genealogia episcopaleModifica

NoteModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN58018764 · ISNI (EN0000 0000 2529 8799 · SBN IT\ICCU\SBLV\023579 · LCCN (ENn84113894