Apri il menu principale

Francesco Ponticiello

allenatore di pallacanestro italiano
Francesco Ponticiello
Nazionalità Italia Italia
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Allenatore
Carriera
Carriera da allenatore
1987-1990 Sant’Antimo (vice)
1990-1998 Sant’Antimo
1998-1999 Basket Sarno
1999-2000 Potenza
2000-2001 Basket Cefalù
2001-2003 Juvecaserta
2003-2004 Orlandina
2004-2009 Sant’Antimo
2009-2012 Olimpia Matera
2012-2014 Viola R. Calabria
2014-2015 Scafati Basket
2016 Olimpia Matera
2016-2017 Cuore Napoli
2018-2020 Template:Pallacanestro Palestrina
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 15 febbraio 2016

Francesco Ponticiello (Sant'Antimo, 3 luglio 1960) è un allenatore di pallacanestro italiano.

CarrieraModifica

Dopo aver chiuso nel 1987 la sua esperienza da giocatore delle minors campane, inizia ad allenare nel settore giovanile dell'Igea Sant'Antimo, squadra dell'hinterland napoletano. Ed è in questo contesto che, una volta che gli viene affidata la conduzione tecnica della prima squadra, porta la società campana a 4 promozioni consecutive, facendola passare, dal 1990 al 1994, dalla serie D alla B2. Allena in B2 a Sant'Antimo fino al 1998, centrando 4 consecutivi accessi alla poule promozione, due spareggi, e nel 1998, il ripescaggio in B1(titolo poi ceduto a Rieti). Nella stagione 1998/1999 guida il BC Sarno e nella stagione 1999/2000 il Potenza 84, sempre in B2. Dalla stagione 2000/2001, la sua prima in B1, assume la guida tecnica della neopromossa Pesce Azzurro Cefalù, e la guida ad un passo dalla Legadue. Cefalù si ferma solo in finale, quando viene sconfitta 2 a 1 da Montegranaro, e poi, nella finale-bis, cede solo in gara 3 a Pavia. Conclusa l'esperienza siciliana, allena per tutti gli anni zero in B1, dapprima per due stagioni, 2001/2002 e 2002/2003, alla Juvecaserta, in seguito a Capo D'Orlando e, per 5 stagioni, di nuovo Sant'Antimo. Nel dicembre del 2009 assume la guida tecnica della Bawer Matera, in A Dilettanti, e resta a Matera fino al 2012. Nella stagione 2010/2011, quella del passaggio dalla vecchia A Dilettanti alla DNA (Divisione Nazionale A), che prevedeva il secco dimezzamento delle squadre, da 32 a 16, Matera riesce ad accedere alla Divisione Nazionale A. A novembre 2012 gli viene affidata la guida tecnica della Viola Reggio Calabria[1], fanalino di coda con un solo successo nelle prime 8 gare. La compagine calabrese ribalta il senso della sua stagione e, senza essere neppure costretta all'appendice della post season, centra l'accesso all' A2 Silver. Resta alla Viola anche la stagione 2013/2014, in cui ottiene la salvezza ed il primo posto assoluto per utilizzo degli under. Nella stagione 2014/2015 assume la guida tecnica dello Scafati Basket, sempre in A2 Silver. A febbraio 2016 viene ingaggiato dall'Olimpia Basket Matera[2].

Nell'agosto 2016 si lega con un contratto biennale alla società Cuore Napoli Basket (sorta dal trasferimento nel capoluogo campano della Cilento Basket Agropoli del patron Ciro Ruggiero), per condurre la compagine partenopea nel campionato di Serie B 2016-2017. Al termine della stagione la squadra napoletana ottiene inaspettatamente la promozione in Serie A2, oltre alla vittoria della Coppa Italia, in finale su Orzinuovi per 60 - 58, giungendo ad uno storico abbinamento Campionato e Coppa, e gli viene assegnato il premio come Miglior Allenatore della Serie B 2016/2017. Poco dopo la società napoletana annuncia l'intenzione di prolungare il contratto al tecnico fino al giugno del 2019. La società napoletana che ha assemblato un roster low cost per presentarsi ai nastri di partenza del campionato di Serie A2 2017-2018 dopo un doppio successo casalingo, a sorpresa, il 5 dicembre 2017, il giorno successivo alla vittoria casalinga con Cagliari, penultimo successo stagionale dei partenopei, decide l'esonero del tecnico. A giugno 2018 sottoscrive un contratto biennale che lo legherà alla Pallacanestro Palestrina fino al giugno del 2020.

CuriositàModifica

Dal 2005 è Formatore CNA (Comitato Nazionale Allenatori), partecipando come istruttore ai Corsi di Istruttore di Base, Allenatore, ed Allenatore Nazionale. Dal 2012 ha acquisito la qualifica di Formatore Nazionale, svolgendo il compito di capo istruttore nel Corso Allenatore di Martina Franca (2013), Norcia (2014), Sportilia (2015), Bormio (2016), Roseto (2017)

PalmarèsModifica

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica