Apri il menu principale

Francesco da Rimini (... – ...) è stato un pittore italiano, documentato nella prima metà del Trecento. L'attività di questo maestro, appartenente alla scuola riminese di ispirazione giottesca, si svolse prevalentemente a Bologna.

Francesco Da Rimini "Adorazione dei Magi" 1340c. - Lowe Art Museum, Coral Gables - Miami

Indice

Vita e opereModifica

La critica moderna tende a identificare Francesco da Rimini con il pittore "Franciscino" documentato tra il 1313 e il 1321 a Bologna dove realizzava affreschi nell'abside della chiesa di San Francesco. La sua firma (Franciscus Ariminensis), ora perduta, si leggeva ancora nel XVIII secolo negli affreschi del refettorio della stessa chiesa francescana bolognese[1]. Da questi affreschi, parzialmente conservati e restaurati, è stata ricostruita la vicenda artistica di questo pittore.

L'importanza della committenza (i francescani di Bologna), la vastità degli interventi (nella chiesa e nel refettorio) e la precocità della sua presenza a Bologna (già dal 1313), fanno di Francesco il primo innovatore della pittura gotica in città. Giunse a Bologna probabilmente dopo aver collaborato con Giotto al perduto ciclo di affreschi del San Francesco di Rimini (1300 circa), al quale dovette ispirarsi per i lavori a Bologna.

Si conservano nella chiesa bolognese gli affreschi staccati con Storie della vita di Cristo ed Episodi della vita di san Francesco.

NoteModifica

  1. ^ Corbara

BibliografiaModifica

  • M. Salmi, Francesco da Rimini, in "Bollettino d'arte", 1932
  • A. Corbara, Studi sulla pittura riminese del Trecento a cura di P.G. Pasini, 1984 (in part.: Il ciclo francescano di Francesco da Rimini)
  • Francesco da Rimini e gli esordi del gotico bolognese, Bologna 1990.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN95828114 · ULAN (EN500023823