Francesi, ancora uno sforzo se volete essere Repubblicani

Francesi, ancora uno sforzo se volete essere Repubblicani
Titolo originaleFrançais, encore un effort pour être républicains
Sade (van Loo).png
Ritratto di De Sade
AutoreMarchese de Sade
1ª ed. originale1795
Genereopuscolo, pamphlet
Lingua originalefrancese

Francesi, ancora uno sforzo se volete essere Repubblicani (Français, encore un effort pour être républicains) è un opuscolo del Marchese de Sade, pubblicato nel 1795 all'interno del suo libro La filosofia nel boudoir.

Sade lo presenta come un libretto acquistato nel "palazzo dell'Uguaglianza" da uno dei suoi personaggi.

L'opuscolo è diviso in due parti: la prima, più breve, parla della religione; la seconda, più estesa, dei costumi.

Obiettivo dell'opuscolo è incitare i francesi a compiere uno sforzo finale per realizzare appieno, contro le forze reazionarie del dispotismo politico e religioso, quelli che per Sade sono gli obiettivi della Rivoluzione francese. Basi concettuali dell'opuscolo sono il cosiddetto Illuminismo radicale, ateo e materialista, portato alle sue estreme conseguenze.

Il quadro finale è quello di una sorta di utopismo anarchico estremo, dove gli individui sono legittimati a compiere qualunque azione, in nome della soddisfazione dell'impulso al piacere, anche a spese altrui. Le conclusioni a tratti paradossali, per cui ad esempio viene difeso l'omicidio ma condannata la pena di morte, hanno portato diversi commentatori a interrogarsi sulla natura della proposta di Sade: riflessioni convinte di una mentalità estrema, o provocazione dissacrante e volutamente irrealistica?

La religioneModifica

La prima parte consiste soprattutto in un violento attacco alla religione, in particolare alla religione cristiana. Sade identifica il Cristianesimo come uno dei principali strumenti del dispotismo monarchico, una religione utile solamente a mantenere il popolo sottomesso ai governanti. Il cristianesimo dev'essere completamente proibito, altrimenti resterà una perenne minaccia nei confronti dell'appena acquisita libertà Repubblicana.

Al pari del cristianesimo, Sade rifiuta ogni forma di teismo. Dato che la materia ha in sé stessa il principio del proprio movimento, non ci sono motivi per cercare una causa esterna; se non si riesce a comprendere l'esistenza del mondo, non ha senso cercarne la causa in qualcosa di ancor meno comprensibile, com'è l'idea di dio. Inoltre, l'idea di dio è priva di significato perché, secondo Sade, che riprende l'empirismo, tutte le idee derivano da impressioni sensoriali, e di dio non si può avere esperienza. Infine, l'idea di dio va incontro a una serie di contraddizioni inaccettabili: dio è ordine, ma nel mondo regna il disordine; dio è onnipotente, ma la sua volontà non si realizza; e così via.

In generale, comunque, ogni religione non è che uno strumento usata dai potenti per poter dar forza alle proprie leggi. Sade auspica dunque, per la libertà, l'estinzione di tutti i culti. Dato che la Rivoluzione ha iniziato a distruggere tutti i pregiudizî, la religione dev'essere distrutta in quanto fonte dei pregiudizî. In queste teorie, è evidente l'influsso dell'ala materialista dell'illuminismo, in particolare l'ateismo di d'Holbach e Diderot.

Se proprio si vuole una religione, che sia una religione civile, simile al paganesimo degli antichi romani. L'antico paganesimo, secondo Sade, personificava e onorava le grandi idee, i grandi uomini, le grandi azioni, incitando il popolo ad agire per il bene della Repubblica, elettrizzando ed elevando l'anima, contrariamente al cristianesimo, unicamente in grado di mortificarla.

Per eliminare la religione, secondo Sade, non servono deportazioni o assassinî (strumenti proprî, invece, dei dispotismi). È sufficiente che la religione sia fatta oggetto di ridicolo, di scherno, e che lo Stato promuova e premî quelle opere che la sbeffeggino, e in capo a sei mesi la religione avrà cessato di esistere.

I costumiModifica

Il nuovo regime Repubblicano esige dei nuovi costumi. Secondo Sade dev'essere riconosciuta libertà di coscienza, libertà di parola e la massima libertà d'azione. Si deve ridurre al minimo il numero di quelli che sono definiti crimini.

Per definire i crimini si devono definire i doveri dell'uomo. Questi possono essere di tre tipi:

  1. Doveri verso dio
  2. Doveri verso gli altri
  3. Doveri verso se stessi

Ma dio, come detto nella parte sulla religione, non esiste, e dunque il sacrilegio non può essere considerato un crimine. Piuttosto, ci dev'essere la libertà di deridere le religioni. Le religioni che pretendessero di difendersi dal ridicolo ben presto pretenderebbero anche di essere l'unica religione possibile, e così si tornerebbe al dispotismo.

Per quanto riguarda il secondo punto, il comandamento cristiano di amare gli altri come se stessi è contrario alle leggi naturali. Al massimo si può amare gli altri come dei fratelli. Inoltre, non dev'essere punito chi non si sente spinto ad amare gli altri. Non si può pretendere che tutti gli uomini siano uguali, ed è per questo che le leggi devono essere miti, in modo da adattarsi alle diversità individuali. Anche perché sarebbe inutile punire per legge chi la legge, per sua natura, è portato a violarla.

Per questo Sade si dichiara contrario alla pena di morte. Secondo Sade uccidere è lecito, ma non per legge, perché la legge è fredda, non si muove per passione, la legge è di per sé contraria alla natura. Inoltre la pena di morte non fa altro che raddoppiare il numero di coloro che vengono uccisi: la vittima e il condannato.

I crimini contro gli altri possono essere di quattro tipi:

  1. La calunnia
  2. Il furto
  3. Crimini dovuti all'impudicizia
  4. L'omicidio

Si tratta di azioni considerate criminali nei regimi dispotici. Secondo Sade non devono essere considerate tali in un regime Repubblicano.

La calunniaModifica

La calunnia non è un crimine perché, se vera, non fa altro che informare la gente della natura malvagia dell'uomo calunniato. Se falsa, invece, chi è calunniato, per difendersi, non deve far altro che mostrarsi per quello che è. Anzi, la calunnia stimola l'uomo virtuoso a impegnarsi ulteriormente per mostrare la propria virtù, e quindi è positiva per la Repubblica.

Il furtoModifica

Il furto, nell'antichità, non era considerato un crimine. Le antiche civiltà celebravano il furto e il saccheggio. In una Repubblica il furto serve a livellare le ricchezze, a garantire maggiore uguaglianza. Sade ammette che la Repubblica francese nasce sul giuramento di difendere la proprietà privata. Tuttavia, argomenta che non si può chiedere tale giuramento a chi non possiede nulla, sarebbe un controsenso. Un nullatenente che ruba non fa altro che ristabilire la giustizia. Inoltre, chi ruba segue l'impulso della natura, quello di conservare se stessi anche a spese altrui.

La mancanza di pudoreModifica

I crimini legati all'impudicizia, derivati dal libertinaggio, sono di vario tipo: prostituzione, adulterio, incesto, stupro, sodomia. Sade afferma che una Repubblica, per difendersi dai despoti e dai nemici, deve ricorrere alla guerra, che è di per sé immorale; non può dunque pretendere la moralità da parte dei suoi sudditi. Inoltre, l'immoralità è uno stato di movimento permanente, l'ideale per garantire la perpetua insurrezione che deve caratterizzare una Repubblica.

Il pudore è comunque contrario alla natura, che ci ha fatti nudi. Quindi non si deve resistere alla natura, ma soddisfarla, specie nel suo aspetto della lussuria. Per garantire tale soddisfazione la prostituzione deve essere lecita. Chiunque deve poter avere a disposizione un corpo altrui, di qualunque età e sesso desideri, di cui essere momentaneamente padrone. Si tratta anche di un utile sistema per permettere agli uomini di sfogare la necessità di sentirsi despoti, che altrimenti si rivolterebbe contro la Repubblica.

Quello che non deve essere permesso, e che va contro i diritti della natura, è il possesso esclusivo di un'altra persona, o di una classe sull'altra. Il possesso esclusivo può essere esercitato solo su oggetti o animali, non su esseri umani, i quali sono tutti uguali nei loro diritti. Si ha il diritto di godere degli altri e dei loro corpi, anche con la forza e la violenza, e tramite qualunque capriccio, per quanto bizzarro sia, ma solo temporaneamente.

Ovviamente, seguendo il principio dell'uguaglianza dei diritti, la prostituzione, organizzata pubblicamente, deve essere disponibile anche per le donne. Anche perché, dice Sade, le donne sono per natura più focose e lussuriose degli uomini: i costumi che tentano di frenare queste naturali tendenze femminili sono iniqui e assurdi. Sade riporta numerosi esempî di come la lussuria sia stata considerata positivamente presso diversi popoli, e conclude che è solo nel cristianesimo che viene condannata, ed è condannata perché il clero possa mantenere, tramite la confessione, un potere assoluto sulle donne.

Qualcuno può obiettare che la totale libertà sessuale rischia di produrre una gran quantità di figli privi di padre. Ma in una Repubblica è meglio così, perché i figli, separati dalla famiglia, impareranno a riconoscere come tale solo la loro patria, ad amarla e a difenderla.

Da tutto ciò consegue che anche l'adulterio non è un crimine.

Anche l'incesto, per Sade, non è un crimine. Non solo, afferma, è ampiamente diffuso in tutto il mondo, ma è del tutto naturale che si arrivi a desiderare chi si ama di più, cioè i proprî consanguinei. Inoltre, l'incesto può servire proprio a rafforzare i legami familiari.

Anche lo stupro non è un crimine. Innanzi tutto è più raro di quel che si creda. Inoltre, i danni che provoca sono limitati nel tempo e comunque inferiori rispetto ad altri presunti crimini, come il furto.

La sodomia è correntemente giudicata un atto mostruoso, ma Sade si chiede in cosa consista la sua criminosità. Forse nella dispersione del seme? Non può essere, perché altrimenti la natura non avrebbe reso la dispersione così facile, sia con la sodomia che con altri mezzi. Anche la sodomia, poi, è ampiamente diffusa e documentata in moltissimi popoli lungo i secoli, specie presso i popoli guerrieri, dove serve a rafforzare il cameratismo. Soprattutto, la sodomia è una questione di gusti personali: perché impedire di soddisfarli a chi vi è stato indirizzato per natura? Tutto questo discorso vale ovviamente anche per gli accoppiamenti con mostri o animali di ogni sorta: per Sade non sono da condannare.

L'omicidioModifica

L'omicidio sembrerebbe il peggior crimine, in quanto toglie un bene (la vita) in maniera irreparabile.

Riguardo all'omicidio sono quattro le domande da porsi:

  1. Si tratta di un crimine contro la natura? La risposta di Sade è negativa. L'uomo è tale e quale gli altri esseri viventi, uccidere un uomo è tanto quanto uccidere un animale. Ma dal punto di vista della natura, la distruzione di un individuo non è nulla. In realtà, essendo la materia in moto costante, la distruzione degli individui è inevitabile, e non si tratta di una distruzione, ma di una trasformazione. La natura esige che gli individui mutino e si dissolvano per poterne creare di nuovi. Quindi uccidendo gli individui non solo si ha una distruzione apparente, perché la materia si conserva, ma si favorisce l'opera creativa della natura. Quindi dal punto di vista della natura l'omicidio non è un crimine.
  2. Si tratta di un crimine contro la politica? No, anzi, la politica si è da sempre servita e avvantaggiata degli omicidî. Sade porta ad esempio l'antica Roma e la Francia rivoluzionaria, la cui libertà si basano sugli omicidî. Inoltre cosa sono le guerre, se non degli omicidî di massa?
  3. Si tratta di un crimine contro la società? No, perché la società nel suo complesso non è minimamente scalfita dalla morte di un individuo. Chi resta in vita non perde nulla. E anche se tutta la società scomparisse, e l'umanità si estinguesse, la natura nel suo complesso non ne avrebbe a mancare.
  4. Si deve punire l'omicidio con l'omicidio? No, dice Sade. Innanzi tutto perché una Repubblica ha bisogno di ferocia e violenza per difendersi dai suoi nemici. I popoli più vicini alla natura, inoltre, promuovono e celebrano gli omicidi, considerati uomini coraggiosi. Anche l'infanticidio è diffuso in tutto il globo, e Sade auspica che i "nati mali", i bambini che potrebbero essere di peso alla società, vengano eliminati, in modo che solo gli individui sani possano crescere e vivere. Inoltre la sovrappopolazione può essere dannosa per una Repubblica, perché aumenta la povertà e il rischio di rivolte, e quindi dell'avvento del dispotismo. L'unico modo corretto per punire l'omicidio è lasciare la libertà di vendetta a chi voglia uccidere il colpevole.

Per quanto riguarda i doveri dell'uomo verso sé stesso, l'unico crimine in questo caso sembra possa essere il suicidio. Secondo Sade, che mostra come presso molti popoli il suicidio fosse accettato, non è da condannare, anzi, si tratta di un atto di coraggio.

ConclusioniModifica

Sade conclude che molte azioni sono ritenute crimini solo per dei pregiudizi. Una Repubblica ha bisogno di poche leggi ma buone, che garantiscano la massima libertà d'azione e consentano così allo stato di esser prospero. Sconsiglia però ai francesi la tentazione di esportare all'estero le proprie conquiste rivoluzionarie con la guerra: si tratta di un'impresa eccessiva, che porterebbe miseria, divisioni interne e, di conseguenza, minaccerebbe il ritorno del dispotismo. Auspica invece che la Francia, con la sua libertà e la conseguente prosperità, possa essere da esempio agli altri popoli, perché si liberino da soli dei propri tiranni.

  Portale Filosofia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di filosofia