Franco Jurlano

dirigente sportivo italiano
Franco Jurlano negli anni 1980

Franco Jurlano (Lecce, 18 gennaio 1928Lecce, 2 maggio 2007) è stato un dirigente sportivo italiano, presidente dell'Unione Sportiva Lecce dal 1976 al 1994.

BiografiaModifica

Nel 1975 è nel consiglio di amministrazione dell'Unione Sportiva Lecce che delibera per la costituzione del Lecce S.p.A.[1] L'anno successivo assume in prima persona la guida del club salentino neopromosso in Serie B, succedendo ad Antonio Rollo.

Sotto la sua presidenza, nella stagione 1984-1985, il Lecce allenato da Eugenio Fascetti e costruito dal direttore sportivo Mimmo Cataldo, suo storico collaboratore, raggiunge la prima promozione della sua storia in Serie A.

Dal 1987 al 1991 il periodo d'oro della sua presidenza: promozione in A con Carlo Mazzone allenatore e salvezza nelle due stagioni successive. Dopo un'ultima promozione in A nel 1993, segue la retrocessione che porta Jurlano ad abbandonare la guida del Lecce nel 1994. Gli succede per un breve periodo Giuseppe Bizzarro, prima del passaggio alla famiglia Semeraro.

È stato il presidente più longevo nella storia del club salentino, con ben diciotto campionati (tutti tra Serie A e B) alla guida dei giallorossi.

Fu inoltre consigliere di Lega e consigliere federale. Tra le sue battaglie più importanti, quella per ottenere dalla RAI il pagamento dei diritti per le riprese e la cronaca, e quella per l'aumento dei proventi del Totocalcio.[2]

NoteModifica

  1. ^ E. Bianco e A. Corcella, Lecce. Ottant'anni d'amore, Adriatica Editrice Salentina, 1985.
  2. ^ Elio Donno, Addio Jurlano, papà del Lecce, in Corriere della Sera, 3 maggio 2007.