Franz Schlegelberger

Franz Schlegelberger
Franz Schlegelberger.JPG
Schlegelberger al processo ai giudici di Norimberga

Ministro della Giustizia del Terzo Reich
Durata mandato 30 gennaio 1941 –
20 agosto 1942
Capo di Stato Adolf Hitler
Presidente Adolf Hitler
Predecessore Franz Gürtner
Successore Otto Georg Thierack

Dati generali
Partito politico Partito Nazista
Università Università di Königsberg e Università Humboldt di Berlino

Louis Rudolph Franz Schlegelberger (Königsberg, 23 ottobre 1876Flensburgo, 14 dicembre 1970) è stato un politico tedesco, Segretario di Stato presso il Ministero della Giustizia del Reich tedesco (RMJ), fu Ministro della Giustizia durante il Terzo Reich. Fu l'imputato di grado più alto al processo ai giudici di Norimberga.

BiografiaModifica

Primi anni di vitaModifica

Nacque in una famiglia di venditori protestanti a Königsberg. Si laureò all'Università di Königsberg (secondo i documenti del suo processo all'Università di Lipsia) nel 1899 conseguendo il titolo di dottore in giurisprudenza. Nel 1901 Schlegelberger superò l'esame di legge statale e divenne assessore del tribunale locale di Königsberg. Nel 1904 divenne giudice presso la Corte di Stato di Ełk. All'inizio di maggio 1908 si recò alla Corte di Stato di Berlino e nello stesso anno fu nominato giudice aggiunto presso la Kammergericht, la Corte d'Appello di Berlino. Nel 1914 fu nominato Kammergerichtsrat, membro del Kammergericht Council, a Berlino dove rimase fino al 1918.

Il 1º aprile 1918 Schlegelberger divenne un associato presso l'Ufficio di giustizia del Reich. Il 1º ottobre dello stesso anno fu nominato membro della Corte Segreta del Governo e del Consiglio Esecutivo. Nel 1927 fu nominato Direttore Ministeriale nel RMJ. Schlegelberger insegnava alla Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Berlino come professore onorario dal 1922. Il 10 ottobre 1931 Schlegelberger fu nominato Segretario di Stato presso il Ministero della Giustizia del Reich sotto il ministro della Giustizia Franz Gürtner, mantenne questo incarico fino alla morte di Gürtner nel 1941. Fu anche nominato membro dell'Accademia di diritto tedesco e fu presidente del suo Comitato per i diritti sull'acqua.[1] Il 30 gennaio 1938 Schlegelberger si unì al partito nazista per ordine di Adolf Hitler.

CarrieraModifica

 
Una riunione di quattro nazisti. Franz Schlegelberger è il secondo da sinistra, all'estrema sinistra c'è Roland Freisler, Otto Thierack è il secondo da destra, e Curt Rothenberger è all'estrema destra.

Tra le molte opere di Schlegelberger ci fu un disegno di legge per l'introduzione di una nuova valuta nazionale che avrebbe dovuto porre fine all'iperinflazione a cui era incline il Reichsmark. Dopo la morte di Franz Gürtner nel 1941, Schlegelberger divenne ministro provvisorio della giustizia del Reich per gli anni 1941 e 1942, seguito poi da Otto Thierack. Durante il suo mandato il numero delle condanne a morte aumentò notevolmente.[2] Fu autore di progetti di legge come la cosiddetta disposizione di diritto penale polacco, Polenstrafrechtsverordnung, in base alla quale i polacchi furono giustiziati per aver rimosso i manifesti tedeschi. L'atteggiamento di Schlegelberger nei confronti del suo lavoro può essere meglio sintetizzato in una lettera al ministro del Reich e capo della Cancelleria del Reich Hans Heinrich Lammers:

«Caro Ministro del Reich, Dott. Lammers,

Su ordine del Führer del 24 ottobre 1941, trasmessomi tramite il Sig. Ministro di Stato e Capo della Cancelleria presidenziale del Führer e del Cancelliere del Reich, ho consegnato l'ebreo Markus Luftglass, condannato a 2 anni e mezzo di reclusione dal Tribunale speciale di Katowice, oltre alla Gestapo per l'esecuzione.

Ciao Hitler!
Il tuo
più obbediente
—  Schlegelberger»

In una lettera a Hans Heinrich Lammers del 5 aprile 1942, Schlegelberger suggerì di "risparmiare" alcuni mezzi ebrei e di scegliere tra "evacuazione" o sterilizzazione:

«Le misure per la soluzione finale della questione ebraica dovrebbero estendersi solo agli ebrei a pieno titolo e ai discendenti di matrimoni misti di primo grado, ma non dovrebbero applicarsi ai discendenti di matrimoni misti di secondo grado. Per quanto riguarda il trattamento dei discendenti ebrei da matrimoni misti di primo grado, condivido la concezione del Ministro dell'Interno del Reich, espressa nella sua lettera del 16 febbraio 1942, secondo cui la prevenzione della propagazione di questi discendenti dei matrimoni misti è da preferire. Ne consegue che l'evacuazione di quei semi-ebrei che non sono più in grado di riprodursi è ovviata fin dall'inizio. Non vi è alcun interesse nazionale a sciogliere il matrimonio tra tali mezzi ebrei e un tedesco purosangue. A quei mezzi ebrei che sono in grado di riprodursi dovrebbe essere data la possibilità di sottoporsi alla sterilizzazione o di essere evacuati allo stesso modo degli ebrei.[3]»

Al suo ritiro dalla posizione il 20 agosto 1942, Hitler diede a Schlegelberger una dotazione di 100000 Reichsmark; nel 1944 Hitler gli permise di acquistare una tenuta con quel denaro, cosa che solo gli esperti agrari poterono esercitare secondo le regole in vigore all'epoca. Questo avrebbe poi pesato contro di lui a Norimberga, poiché dimostrò che Hitler aveva un'alta stima di Schlegelberger.

Dopo la guerraModifica

Al processo ai giudici di Norimberga, Schlegelberger fu uno dei principali accusati.[4] Fu condannato all'ergastolo per associazione a delinquere finalizzata a perpetrare crimini di guerra e crimini contro l'umanità .

Nella motivazione della sentenza si legge:

«[...] che Schlegelberger ha sostenuto la pretesa di Hitler nella sua assunzione del potere di affrontare la vita e la morte indipendentemente anche dalla pretesa del processo giudiziario. Con le sue esortazioni e direttive, Schlegelberger contribuì alla distruzione dell'indipendenza della magistratura. Era la sua firma sul decreto del 7 febbraio 1942 che imponeva al Ministero della Giustizia e ai tribunali l'onere dell'accusa, del processo e dello smaltimento delle vittime della Nacht und Nebel di Hitler. Per questo deve essere accusato di responsabilità primaria. Era colpevole di istituire e sostenere le procedure per la persecuzione di ebrei e polacchi. Per quanto riguarda gli ebrei, le sue idee erano meno brutali di quelle dei suoi associati, ma difficilmente possono essere definite umane. Quando si discuteva della "soluzione finale della questione ebraica", si poneva la questione della posizione dei semi-ebrei. La deportazione degli ebrei a pieno titolo in Oriente era allora in pieno svolgimento in tutta la Germania. Schlegelberger non era disposto ad estendere il sistema ai semi-ebrei.
—  Norimberga, UMKC.»

Alla fine dei processi Schlegelberger fu condannato all'ergastolo nel 1947, anche se nel 1950 fu rilasciato per incapacità, all'età di 74 anni. Negli anni successivi, percepì una pensione mensile di 2894 DM (in confronto, il reddito mensile medio in Germania a quel tempo era di 535 DM). Schlegelberger visse poi a Flensburgo fino alla sua morte, avvenuta il 14 dicembre 1970.

NoteModifica

  1. ^ Ernst Klee, Das Personenlexikon zum Dritten Reich. Wer war was vor und nach 1945, Frankfurt-am-Main, Fischer-Taschenbuch-Verlag, 2007, p. 538, ISBN 978-3-596-16048-8.
  2. ^ Schlegelberger, Dr. Franz Louis Rudolph, su ww2gravestone.com.
  3. ^ Schlegelberger Nuremberg, su law.umkc.edu (archiviato dall'url originale il 7 febbraio 2006)., UMKC.
  4. ^ Nancy Backues, The Conviction of Franz Schlegelberger (PDF), su christsbondservants.org.

BibliografiaModifica

  • Das Landarbeiterrecht. Darstellung des privaten und öffentlichen Rechts der Landarbeiter in Preußen, Berlin., C. Heymann 1907.
  • Kriegsbuch. Die Kriegsgesetze mit der amtlichen Begründung und der gesamten Rechtsprechung und Rechtslehre -Berlin, Vahlen 1918 (with Georg Güthe)
  • Freiwillige Gerichtsbarkeit, Heft 43, Berlin 1935 Industrieverlag Spaeth & Linde
  • Gesetz über die Aufwertung von Hypotheken und anderen Ansprüchen vom 16. Juli 1925, Berlin, Dahlen, 1925. (co-author: Rudolf Harmening)
  • Zur Rationalisierung der Gesetzgebung., Berlin, Vlg. Franz Vahlen, 1928
  • Jahrbuch des Deutschen Rechtes., with Leo Sternberg, 26th volume, report about the year 1927, Vahlen, Berlin, 1928
  • Das Recht der Neuzeit. Ein Führer durch das geltende Recht des Reichs und Preußens seit 1914 with Werner Hoche, Berlin: Franz Vahlen 1932.
  • Rechtsvergleichendes Handwörterbuch für das Zivil- und Handelsrecht des In- und Auslandes – 4. Bd.: Gütergemeinschaft auf Todesfall – Kindschaftsrecht, Berlin Franz Vahlen, 1933
  • Die Zinssenkung nach der Verordnung des Reichspräsidenten vom 8. Dezember 1931, with an introduction and brief comments by Dr. Dr. F. Schlegelberger, State Secretary in the Reich Justice Ministry, Franz von Dahlen, Berlin 1932
  • Das Recht der Neuzeit. Vom Weltkrieg zum nationalsozialistischen Staat. Ein Führer durch das geltende Recht des Reichs und Preußens von 1914 bis 1934., Berlin: Franz Vahlen 1934.
  • Die Erneuerung des deutschen Aktienrechts, Vortrag gehalten am 15. August 1935 vor der Industrie- und Handelskammer in Hamburg, Verlag Franz Vahlen, 1935
  • Gesetz über die Angelegenheiten der freiwilligen Gerichtsbarkeit, Köln, Heymanns 1952.
  • Das Recht der Gegenwart. Ein Führer durch das in Deutschland geltende Recht as publisher, Berlin and Frankfurt a. M., Franz Vahlen Verlag 1955
    • Das Recht der Gegenwart : ein Führer durch das in der Bundesrepublik Deutschland geltende Recht – 29. Aufl., Stand: 1 January 1998. – München : Vahlen, 1998 ISBN 3-8006-2260-2
  • Seehandelsrecht. Zugleich Ergänzungsband zu Schlegelberger, Kommentar zum Handelsgesetzbuch, Berlin, Vahlen, 1959.(with Rudolf Liesecke)
  • Kommentar zum Handelsgesetzbuch in der seit dem 1. Oktober 1937 geltenden Fassung (ohne Seerecht). Annotated by Ernst Geßler, Wolfgang Hefermehl, Wolfgang Hildebrandt, Georg Schröder, Berlin, Vahlen, 1960; 1965; 1966.

ApprofondimentiModifica

  • Michael Förster, Jurist im Dienst des Unrechts: Leben und Werk des ehemaligen Staatssekretärs im Reichsjustizministerium, Franz Schlegelberger, 1876–1970, Baden-Baden 1995
  • Eli Nathans, Franz Schlegelberger, Baden-Baden 1990
  • Arne Wulff, Staatssekretär Professor Dr. Dr. h.c. Franz Schlegelberger, 1876–1970, Frankfurt am Main 1991

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN36993397 · ISNI (EN0000 0001 1024 9393 · LCCN (ENn83141074 · GND (DE118958275 · BNF (FRcb123535661 (data) · J9U (ENHE987007443936505171 · CONOR.SI (SL94073443 · WorldCat Identities (ENlccn-n83141074