Freaks Out

film del 2021 diretto da Gabriele Mainetti
Freaks Out
Fotogramma dal trailer del film "Freaks Out".jpeg
Una scena del film
Lingua originaleItaliano, Tedesco, Francese,
Paese di produzioneItalia, Belgio
Anno2021
Durata142 minuti
Rapporto2.35:1
Generefantastico, drammatico, storico, guerra, avventura
RegiaGabriele Mainetti
SoggettoNicola Guaglianone
SceneggiaturaGabriele Mainetti, Nicola Guaglianone
ProduttoreAndrea Occhipinti, Gabriele Mainetti
Produttore esecutivoTommaso Arrighi, Jacopo Saraceni
Casa di produzioneGoon Films, Lucky Red, Rai Cinema, GapBusters
Distribuzione in italianoRai Cinema, 01 Distribution
FotografiaMichele D'Attanasio
MontaggioFrancesco Di Stefano
Effetti specialiMaurizio Corridori, Stefano Leoni
MusicheGabriele Mainetti, Michele Braga
ScenografiaIlaria Fallacara
CostumiMary Montalto
TruccoFederico Carretti, Davide De Luca, Emanuele De Luca, Marco Perna, Diego Prestopino, Barbara Tovazzi
Art directorAlessandro Troso, Carlo Serafini
Character designMassimiliano Sturiale
Interpreti e personaggi

Freaks Out è un film del 2021 diretto da Gabriele Mainetti, dal soggetto di Nicola Guaglianone.

TramaModifica

Roma, 1943. In piena seconda guerra mondiale si svolgono gli spettacoli del Circo Mezzapiotta, di proprietà dell'ebreo Israel, nel quale si esibiscono quattro freaks: Matilde, una ragazza che produce scariche elettriche folgorando chiunque la tocchi; Cencio, un ragazzo albino capace di controllare gli insetti; Fulvio, un "uomo bestia" affetto da ipertricosi, interamente ricoperto di peli e dotato di forza sovrumana; Mario, un nano con un leggero ritardo mentale e la capacità di controllare gli oggetti metallici. L'inasprirsi del conflitto mette a rischio la sopravvivenza del circo, così Israel propone ai quattro di tentare il viaggio per l'America; dopo aver raccolto i loro risparmi, tuttavia sparisce nel nulla. Cercandolo per le strade della Capitale e scampati fortunosamente a un rastrellamento nazista, i quattro decidono di separarsi: Matilde, l'unica a credere nella buona fede di Israel, parte per cercarlo, mentre gli altri tre si recano al prestigioso Berlin Zircus, un sontuoso spettacolo allestito dagli occupanti nazisti.

Matilde scampa a un tentativo di stupro da parte di un soldato tedesco, e trova rifugio presso uno scalcagnato gruppo di partigiani capitanati dal Gobbo, a lei interessato per il suo potere. Durante un'imboscata a una colonna di camion nazisti, Matilde scorge Israel con altri deportati, ma non riesce a salvarlo poiché non è in grado di controllare il proprio potere, né di usarlo per fare del male a qualcuno, afflitta dal rimorso di aver ucciso involontariamente sua madre.

Fulvio, Mario e Cencio vengono assunti al Berlin Zircus, che è in realtà il regno di Franz, un pianista tedesco esadattilo dotato di poteri di chiaroveggenza. Egli presagisce la morte del dittatore nazista e l'arrivo di quattro esseri dotati di poteri sovrumani in grado di salvare le sorti del Terzo Reich. Questi ha creato il Berlin Zircus allo scopo di radunare tutti i fenomeni da baraccone e sottoporli a tortura, onde individuare i salvatori. Informata da un partigiano orbo chiamato il Guercio del reale scopo del circo nazista, Matilde parte per salvare i suoi amici, ma finisce per essere catturata da Franz, che col suo arrivo ritiene completo il quartetto apparso nella visione.

Il nazista organizza un grande spettacolo per i gerarchi, tra cui ci sono il fratello Amon e il Feldmaresciallo Kesselring, al fine di convincerli a impiegare i quattro per fini bellici. Imprigionata e costretta a fulminare una tigre, Matilde controlla per la prima volta il proprio potere rendendola mansueta. Umiliato e sbeffeggiato, Franz condanna i quattro al rogo ma la ragazza fa saltare il portello della fornace e fugge via coi suoi amici; essi si recano a salvare Israel, nel frattempo caricato su uno dei treni della morte. Franz, furibondo, uccide suo fratello Amon assumendone l'identità e comandando un plotone motorizzato per inseguire i fuggiaschi.

I quattro abbordano il convoglio eliminando la guarnigione a bordo, ma vengono raggiunti dal plotone di Franz; nasce quindi una battaglia furiosa, alla quale prenderà parte anche la squadra di partigiani del Gobbo. I nazisti sembrano inizialmente prevalere, ma quando Israel si sacrifica per salvarle la vita, Matilde concentra tutta la sua energia per spazzare via i nemici. Nell'assistere alla morte della sua fidanzata Irina, Franz comprende che la sua visione non riguardava il suicidio del dittatore ma il proprio destino imminente: il soldato finirà infatti per spararsi. I quattro amici finalmente liberi possono rimettersi in viaggio.

ProduzioneModifica

Pre-produzioneModifica

«Si dice che il secondo film sia il più difficile da realizzare, soprattutto quando il primo ha generato un riscontro positivo. Non sarà facile soddisfare le aspettative ora che l’asticella si è alzata ulteriormente. Come nella precedente esperienza faremo del nostro meglio per fare di più di quello che potremmo permetterci. Alla fine l’approccio produttivo sarà com’è stato con Jeeg... solo su una scala più grande»

(dichiarazione da parte della società Goon Films[1])

Il secondo lungometraggio di Gabriele Mainetti è una produzione Goon Films e Lucky Red con Rai Cinema, in coproduzione con la società belga Gapbusters. Il regista romano si è occupato anche della sceneggiatura, insieme a Nicola Guaglianone, e delle musiche insieme a Michele Braga. Tra i protagonisti della pellicola, Claudio Santamaria e Pietro Castellitto, seppure il ruolo di rilievo nella trama sia il personaggio interpretato dalla giovane Aurora Giovinazzo.[1] Il budget del film è stato di circa 13 milioni di euro.[2]

In una intervista Mainetti descrive il suo secondo film come un "film corale, ambientato a Roma" che continua la sua ricerca formale che aveva iniziato a perseguire nelle sue opere precedenti, definendolo una sfida.[3]

«Il titolo è nato perché "to freak out" in inglese vuol dire "impazzire" e il nostro villain impazzisce; e poi perché il Circo Mezzapiotta viene sventrato da un bombardamento e i nostri freaks si trovano al di fuori del loro spazio sicuro, dovendo fare i conti con la propria diversità e con il mondo, quindi sono "out".»

(Gabriele Mainetti[4])

RipreseModifica

 
La stazione di Camigliatello Silano è stata utilizzata per via della sua somiglianza con la stazione di Roma Tiburtina degli anni quaranta[5]

Nell'aprile del 2018 viene annunciato l'inizio delle riprese della durata di dodici settimane, tra il Lazio e la Calabria.[1] A metà maggio si sono svolti i casting per i figuranti a Cosenza.[6] Nello stesso mese viene diffusa la prima immagine del film.[7] Per tutto il mese di luglio la troupe è impegnata con le riprese a Camigliatello Silano:

«Il tragitto della Sila è stato quello più interessante tra i tanti che abbiamo visto [...] Da un punto di vista fortemente tecnico, se penso a un viaggio come quello del trenino in una pianura non sento la vita scorrere. Qui in Sila invece, la vegetazione, le nuvole, tutto ti si muove intorno più che suggestivo e fortemente cinematografico»

(Gabriele Mainetti[5])

Dopo la visione di un primo premontaggio, il cast è tornato sul set per alcune riprese aggiuntive.

Post-produzioneModifica

I lavori di post-produzione legati agli effetti digitali sono stati imponenti e per ultimarli è stata rimandata di diversi mesi la data di uscita del film, prima atteso nel 2019, fino al 2020[8], nonostante fosse stato presentato nel listino della 01 Distribution in occasione del Torino Film Festival a novembre 2019[9]. Nello stesso mese vengono diffuse una serie di foto tratte dal film[10], a più di un anno di distanza dalla prima immagine[11]. Ancora nei primi mesi del 2020 il film è in lavorazione per gli effetti visivi, dei quali si occupano tre società, e ciò impedisce al film di partecipare alla Berlinale 2020 con cui i produttori erano entrati in contatto[12]. Durante il confinamento imposto a causa della pandemia di COVID-19, Gabriele Mainetti ha composto le musiche del film[12], le cui registrazioni sono iniziate a settembre[13].

PromozioneModifica

Il primo teaser trailer del film è stato diffuso il 7 ottobre 2020[14], mentre il trailer esteso viene diffuso il 13 ottobre[15].

AccoglienzaModifica

A fronte di un budget di produzione di circa 13 milioni di euro, il film ha incassato complessivamente 2,6 milioni di euro.[16]

DistribuzioneModifica

Il film è distribuito da 01 Distribution mentre delle vendite estere si sono occupati True Colours e Rai Com.[7][9]

In occasione del Torino Film Festival 2018 viene annunciato il listino dei film distribuiti da 01 Distribution nel 2019 tra i quali figura Freaks Out,[17] ma è stato poi rinviato all'anno successivo in seguito ai lavori di post-produzione.[8] Inizialmente la data di uscita nei cinema avrebbe dovuto essere il 22 ottobre 2020,[18] ma a causa della pandemia di COVID-19 è stata posticipata[19][20] prima al 16 dicembre 2020[21] e poi al 28 ottobre 2021[22]. Il film è stato presentato in concorso alla 78ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia l'8 settembre 2021.

RiconoscimentiModifica

«Un'imprevedibile atmosfera conquista lo spettatore proiettandolo in un mondo tanto spettacolare quanto catastrofico. Tra tendoni da circo e campi da guerra, quattro protagonisti, nella loro diversità, esprimono la necessità di essere umani. Un'opera innovativa e coraggiosa, che racchiude in una grande avventura fra sogno e realtà, tutto l'amore per il cinema.»

(Motivazioni della vincita del Leoncino d’Oro 2021 alla 78ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia)
  • 2021 - Festival di Venezia
    • Premio Pasinetti speciale
    • Leoncino d'oro (assegnato dalla giuria dei giovani di Agiscuola).
    • Soundtrack Stars Award 2021 (riconoscimento per la migliore colonna sonora tra i film in selezione ufficiale)
    • “Carlo Lizzani” (riconoscimento legato agli esercenti).
    • “Sorriso Diverso Venezia Award” (riconoscimento legato alla solidarietà e all’impegno sociale).
    • Premio RB Casting per la migliore interpretazione italiana ad Aurora Giovinazzo (assegnato da una giuria di casting director).
  • 2021 - Heroes Film Fest
    • Miglior film di genere[23].
  • 2021 - Giornate Professionali di Cinema di Sorrento
    • Biglietto d'oro.
    • Chiavi d'oro al regista, allo sceneggiatore e agli interpreti principali.
    • Premio ANEC “Claudio Zanchi” per il miglior talento emergente ad Aurora Giovinazzo[24].
  • 2022 - 51ª Rotterdam International Film Festival
    • Premio del Pubblico VriendenLoterij[26].
  • 2022 - XII edizione del premio La Pellicola d'oro[27].
    • Miglior Effetti Speciali: Maurizio Corridori
    • Miglior Direttore di Produzione: Fabio Lombardelli
    • Miglior Storyboard Artist: Marco Valerio Gallo
    • Miglior Attrice Protagonista: Aurora Giovinazzo
    • Miglior Sarta di Scena: Alessia Caccialupi
    • Miglior Operatore di Macchina: Matteo Carlesimo
    • Miglior Maestro d'Armi: Emiliano Novelli
    • Miglior Capo Costruttore: Roberto Laurenzi
    • Miglior Creatore Effetti Sonori: Mirko Perri, Emiliano Novelli
    • Miglior Film Tecnico votato dalla giuria giovani.
  • 2022 - Nastri d'argento[28][29].
    • Miglior scenografia a Massimiliano Sturiale
    • Migliori costumi a Mary Montalto
    • Miglior montaggio a Francesco Di Stefano
    • Candidatura per il Miglior film
    • Candidatura per la Miglior regia
    • Candidatura per la Miglior attrice protagonista
    • Candidatura per il Miglior attore non protagonista
    • Candidatura per la Miglior fotografia
    • Candidatura per il Miglior casting director
    • Candidatura per la Miglior colonna sonora
  • 2022 - Magna Graecia Film Festival 19ª edizione[31].
    • Miglior regia
    • Miglior sceneggiatura
  • 2022 - Filming Italy Best Movie award 4ª edizione[32].
    • Miglior regia

NoteModifica

  1. ^ a b c (EN) Al via le riprese di Freaks Out, il nuovo film di Gabriele Mainetti, su Lucky Red, 10 aprile 2018. URL consultato il 28 ottobre 2021.
  2. ^ Freaks Out, la “prima volta” colossal di Gabriele Mainetti
  3. ^ Andrea Occhipinti e Gabriele Mainetti, un nuovo film: 'Sarà corale e ancora ambientato a Roma', su Repubblica TV - Repubblica, 26 giugno 2017. URL consultato il 28 ottobre 2021.
  4. ^ Conferenza stampa di presentazione del film alla Mostra del cinema di Venezia
  5. ^ a b Il “trenino della Sila” va al cinema con “Freaks out”
  6. ^ Dal 14 maggio i casting del film “Freaks out” di Mainetti in città, su CosenzaInforma, 11 maggio 2018. URL consultato il 28 ottobre 2021.
  7. ^ a b (EN) Gabriele Niola, First look at 'Freaks Out' from 'They Call Me Jeeg' director Gabriele Mainetti (exclusive), su ScreenDaily, 18 maggio 2018. URL consultato il 28 ottobre 2021.
  8. ^ a b Gabriele Niola, Freaks Out non dovrebbe uscire al cinema prima di gennaio 2020 | EXCL, su Cinema - BadTaste.it, 10 luglio 2019. URL consultato il 28 ottobre 2021.
  9. ^ a b Gabriele Niola, Freaks Out confermato per il 2020, Del Brocco: “È bellissimo. Darà l’impulso a fare cose più coraggiose”, su badtaste.it, 26 novembre 2019. URL consultato il 28 ottobre 2021.
  10. ^ Andrea Francesco Berni, Freaks Out: cinque nuove immagini ufficiali dal set del film di Gabriele Mainetti!, su Cinema - BadTaste.it, 27 novembre 2019. URL consultato il 28 ottobre 2021.
  11. ^ Nicola De Angelis, Freaks Out: la prima immagine del nuovo film di Gabriele Mainetti, su LaScimmiaPensa.com, 19 maggio 2018. URL consultato il 28 ottobre 2021.
  12. ^ a b Andrea Francesco Berni, Tutto quello che Gabriele Mainetti ci ha svelato su Freaks Out durante la live di venerdì!, su Cinema - BadTaste.it, 5 aprile 2020. URL consultato il 28 ottobre 2021.
  13. ^ Matteo Tosini, Freaks Out: Gabriele Mainetti in sala di registrazione per la colonna sonora del film, su badtaste.it, 18 settembre 2020. URL consultato il 28 ottobre 2021.
  14. ^ Marica Lancellotti, FREAKS OUT: IL TEASER TRAILER DEL NUOVO FILM DI GABRIELE MAINETTI, su movieplayer.it, Movieplayer.it. URL consultato il 7 ottobre 2020.
  15. ^   01 Distribution, FREAKS OUT di Gabriele Mainetti (2020) - Trailer Ufficiale HD, su YouTube, 11 ottobre 2021. URL consultato il 20 ottobre 2021.
  16. ^ EXCL – Freaks Out: Paolo Del Brocco ci rivela il budget finale e cosa blocca le vendite estere
  17. ^ 01 Distribution presenta il listino 2019 a Torino: "Orgogliosi del ritorno di Benigni al cinema", su Movieplayer.it. URL consultato il 28 ottobre 2021.
  18. ^ Gabriele Mainetti torna al cinema. Tutto quello che sappiamo su «Freaks Out»
  19. ^ Freaks Out: salta la data di uscita del film di Gabriele Mainetti
  20. ^ Filippo Magnifico, Freaks out: salta la data di suscita del film di Gabriele Mainetti, su blog.screenweek.it, 23 maggio 2020. URL consultato il 28 ottobre 2021.
  21. ^ "Ritorno al cinema": svelato il nuovo listino 01-Rai Cinema, su Rai Cinema. URL consultato il 28 ottobre 2021.
  22. ^ Simona Carradori, Diabolik e Freaks Out: annunciate le date d’uscita e due sequel per il film dei Manetti Bros., su Best Movie, 29 aprile 2021. URL consultato il 29 aprile 2021.
  23. ^ Heroes Film Fest: la kermesse dedicata alle maestranze, su avantionline.it.
  24. ^ Giornate Di Cinema Di Sorrento 2021: I Biglietti D’oro E La Chiusura Con Eagle Pictures E Adler, su cineguru.screenweek.it.
  25. ^ Aurora Giovinazzo e Francesco Russo tra i vincitori, su news.cinecitta.com.
  26. ^ ROTTERDAM IFF 51 - "Freaks Out" vince il premio del pubblico, su cinemaitaliano.info.
  27. ^ LA PELLICOLA D'ORO 12 - I vincitori, su cinemaitaliano.info.
  28. ^ Nastri d’Argento 2022, tutte le candidature: È stata la mano di Dio di Paolo Sorrentino il film più nominato, su bestmovie.it.
  29. ^ Tra Sorrentino e Martone, i Nastri premiano il cinema d’autore, su news.cinecitta.com.
  30. ^ Trieste premia i “Freaks” Mainetti e Giovinazzo, su news.cinecitta.com.
  31. ^ Magna Graecia Film Festival - I vincitori 2022, su mgff.eu.
  32. ^ Ansa - Venezia: Filming Italy Best Movie award, tutti i vincitori, su ansa.it.

Collegamenti esterniModifica