Apri il menu principale
Belgio Freccia Vallone femminile 2016
Fleche wallonne féminine 2016 circuits.png
Percorso
Edizione19ª
Data20 aprile
PartenzaHuy
ArrivoMuro di Huy
Percorso137 km
Tempo3h50'36"
Media35,646 km/h
Valida perUCI Women's World Tour 2016
Ordine d'arrivo
PrimoPaesi Bassi Anna van der Breggen
SecondoStati Uniti Evelyn Stevens
TerzoStati Uniti Megan Guarnier
Cronologia
Edizione precedenteEdizione successiva
Freccia Vallone femminile 2015Freccia Vallone femminile 2017

La Freccia Vallone femminile 2016, diciannovesima edizione della corsa e valida come sesta prova dell'UCI Women's World Tour 2016, si svolse il 20 aprile 2016 su un percorso di 137 km. La vittoria fu appannaggio dell'olandese Anna van der Breggen,[1] che completò il percorso in 3h50'36", precedendo le statunitensi Evelyn Stevens e Megan Guarnier.

Sul traguardo del muro di Huy 118 cicliste, su 147 partite, portarono a termine la competizione.

PercorsoModifica

L'edizione 2016, vede un percorso diverso da quello dell'edizione precedente: tra le differenze più significative vi è la presenza di una doppia Côte de Solières.

MuriModifica

Numero Nome Chilometro Lunghezza (m) Pendenza media (%)
1 Côte d'Ereffe 11,5 2100 5
2 Côte de Bellaire 31 1000 6,3
3 Côte de Bohissau 38 1300 7,6
4 Côte de Solières 51 4300 4
5 Muro di Huy 65 1300 9,6
6 Côte d'Ereffe 78 2100 5
7 Côte de Bellaire 97 1000 6,3
8 Côte de Bohissau 104,8 1300 7,6
9 Côte de Solières 117 4300 4
10 Côte de Cherave 131 1300 8,1
11 Muro di Huy 137 1300 9,6

Squadre e corridori partecipantiModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Partecipanti alla Freccia Vallone femminile 2016.

[2]

N. Cod. Squadra
1-6 RBW   Rabo-Liv Women Cycling Team
11-16 OGE   Orica-AIS
21-26 DLT   Boels-Dolmans Cycling Team
31-36 CBT   Cervélo-Bigla Pro Cycling Team
41-46 LPR   Canyon-SRAM Racing
51-56 WHT   Wiggle-High5
61-66 PHV   Parkhotel Valkenburg
72-79 TLP   Team Liv-Plantur
81-86 SEF   Servetto-Footon
91-98 CPC   Cylance Pro Cycling
101-106 HPU   Hitec Products
111-116 ALE   ALÉ-Cipollini
121-126 FUT   Poitou-Charentes.Futuroscope.86
N. Cod. Squadra
131-136 BTC   BTC City Ljubljana
141-146 LBL   Lotto-Soudal Ladies
151-156 ASA   Astana Women's Team
161-166 BPK   BePink
171-176 LWW   Lares-Waowdeals Women
181-186 LZE   Lensworld-Zannata-Etixx
191-196 AUS   Selezione Australia
201-206 ISG   Inpa-Bianchi
211-216 FRA   Selezione Francia
221-226 BPD   Bizkaia-Durango
231-236 VLL   Topsport Vlaanderen-Etixx
241-246 LTK   Lointek

Resoconto degli eventiModifica

Dopo una decina di chilometri, parte una fuga di sette atlete: si tratta di Emilia Fahlin, Lex Albrecht, Ann-Sophie Duyck, Jessica Allen, Cecilie Gotaas Johnsen, Sheyla Gutiérrez e Katia Ragusa. Nel gruppo si verifica una caduta, che causa il ritiro di Amber Neben e Saartje Vandenbroucke. Al primo passaggio sulla Côte de Bohissau il vantaggio delle fuggitive è di 9'15". Al secondo passaggio sulla Côte d'Ereffe la Rabo-Liv comincia l'inseguimento e la fuga viene ripresa intorno al chilometro cento, prima del secondo passaggio sulla Côte de Bohissau; qui avviene una forte selezione. Successivamente, sulla Côte de Solières Carmen Small attacca fino ed inizia la Côte de Cherave in testa. Sette atlete iniziano l'inseguimento alla Small: sono Anna van der Breggen, Katarzyna Niewiadoma, Evelyn Stevens, Megan Guarnier, Elisa Longo Borghini, Alena Amjaljusik e Katrin Garfoot; La prima, e anche più determinata, ad accelerare è Evelyn Stevens. Arrivano ai piedi del Muro di Huy con venti secondi di vantaggio su altre cinque atlete. Sul muro l'olandese attacca tre volte ma la statunitense riesce a tornare in scia. Tuttavia, quando Anna van der Breggen attacca per la quarta volta il vantaggio risulta decisivo e le permetterà di vincere per la seconda volta consecutiva la Freccia Vallone. Evelyn Stevens e Megan Guarnier completano il podio.

Ordine d'arrivo (Top 10)Modifica

NoteModifica

  1. ^ (FR) Flèche wallonne 2016, su cyclingnews.com. URL consultato il 14 maggio 2017.
  2. ^ (FR) Starlist su LeTour.fr, su letour.fr. URL consultato il 14 maggio 2017 (archiviato dall'url originale il 25 aprile 2017).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica