Apri il menu principale
Fred Wallace Haise, Jr.
Fred Haise GPN-2000-001166.jpg
Astronauta della NASA
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
StatusRitirato
Data di nascita14 novembre 1933
Selezione1966 (gruppo 5 NASA)
Primo lancio11 aprile 1970
Ultimo atterraggio17 aprile 1970
Altre attivitàPilota collaudatore
Tempo nello spazio5 giorni, 22 ore e 54 minuti
Missioni
Data ritirogiugno 1979

Fred Wallace Haise (Biloxi, 14 novembre 1933) è un astronauta statunitense.

Studi e carrieraModifica

Haise si laureò con Lode in ingegneria aeronautica alla University of Oklahoma nel 1959. Completò i corsi post-laurea alla scuola militare per piloti aerospaziali (Aerospace Test Pilot School) alla Edwards Air Force Base nel 1964 della Harvard Business School nel 1972.

Fece anche il corso per pilota della Marina militare americana nel 1954 e servì il suo paese come pilota di caccia militari.

La sua carriera alla NASA iniziò come pilota di "Ricerca Aeronautica" al Lewis Research Center nel 1959. Altri ruoli li ebbe al Dryden Flight Research Center (ancora alla NASA) nel 1963 come pilota, e al Johnson Space Center nel 1966 come astronauta. Fu membro dell'equipaggio di riserva delle missioni lunari Apollo 8, Apollo 11, e Apollo 16. Fece parte, come pilota del Modulo Lunare, della missione Apollo 13 nel 1970, che avrebbe dovuto portarlo sulla Luna, ma che fallì per un problema al serbatoio dell'ossigeno. Fu anche selezionato come membro dell'equipaggio nella missione, poi cancellata, dell'Apollo 18. Successivamente prese parte, come Comandante, a cinque voli dello Space Shuttle Enterprise nel 1977 nell'ambito del Approach and Landing Test Program.

Il 18 aprile 1970 il presidente degli Stati Uniti Richard Nixon gli ha consegnato una prestigiosa onorificenza: la Medaglia presidenziale della libertà[1].

Nel 1995, Haise fu interpretato da Bill Paxton nel film Apollo 13.

OnorificenzeModifica

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • (EN) Biografia dal sito NASA, su jsc.nasa.gov. URL consultato il 7 novembre 2004 (archiviato dall'url originale il 31 dicembre 2009).
Controllo di autoritàVIAF (EN9528473 · ISNI (EN0000 0000 4538 3069 · LCCN (ENno2003024472 · WorldCat Identities (ENno2003-024472