Apri il menu principale

Frederick Hervey, IV conte di Bristol

vescovo e nobile inglese
Frederick Hervey, IV conte di Bristol
Vigée le Brun Lord Bristol.jpg
Ritratto di Frederick Hervey, IV conte di Bristol, di Élisabeth Vigée Le Brun
Conte di Bristol
Stemma
In carica 1779 –
1803
Predecessore Augustus Hervey, III conte di Bristol
Successore Frederick Hervey, V conte di Bristol
Nome completo Frederick Augustus Hervey
Altri titoli Barone Howard de Walden
Nascita Suffolk, 1º agosto 1730
Morte Albano Laziale, 8 luglio 1803
Padre John Hervey, II conte di Bristol
Madre Mary Lepell
Consorte Elizabeth Davers
Frederick Hervey
vescovo della Chiesa d'irlanda
Vigée le Brun Lord Bristol.jpg
Incarichi ricopertiVescovo di Cloyne
Vescovo di Derry
 
Nato1º agosto 1730 a Suffolk
Nominato vescovo1767
Deceduto8 luglio 1803 ad Albano Laziale
 

Frederick Augustus Hervey, IV conte di Bristol (Suffolk, 1º agosto 1730Albano Laziale, 8 luglio 1803) è stato un vescovo anglicano e nobile britannico.

Indice

BiografiaModifica

Era il figlio di John Hervey, II conte di Bristol, e di sua moglie, Mary Lepell. Frequentò la Westminster School prima di andare al Corpus Christi College di Cambridge.

CarrieraModifica

Dopo la morte del padre nel 1743, entrambi i fratelli di Frederick morirono senza eredi, così successe al fratello maggiore come conte di Bristol[1]. Inoltre ereditò vasti possedimenti ancestrali della famiglia Hervey centrati intorno a Ickworth e a Suffolk.

Nel 1794 iniziarono i lavori di riqualifica della tenuta di Ickworth a un livello appropriato per la ricchezza della sua famiglia. Il progetto era così ambizioso che al momento della sua morte, nel 1803, fu completata solo la Rotonda. Tuttavia, il figlio riprese i lavori completando le ali ed i suoi giardini nel 1830[2].

Carriera ecclesiasticaModifica

Hervey è stato ordinato nel 1754 per poi diventare Direttore del Sigillo della Corona nel 1756, Clerk Principal nel 1761 e Cappellano Reale nel 1763.

Partì per un lungo Grand Tour in attesa di un avanzamento ecclesiastico. Durante i suoi viaggi ha incrementato la sua passione già insaziabile per l'arte.

Il fratello maggiore, George, divenne Lord luogotenente d'Irlanda nel 1766 e ha contribuito a garantire la sua elezione a vescovo di Cloyne, nel 1767, e di Derry, un anno dopo. Come vescovo di Derry, Hervey sviluppò rapidamente una reputazione di essere "il più mondano, più eccentrico e sacerdote chiacchierato nella Chiesa d'Irlanda"[1].

Spese ingenti somme di denaro per costruire strade e imprese agricole all'interno della sua diocesi; questa munificenza è stata condivisa anche con la città di Derry.

Era un appassionato di architettura e fece costruire splendide ville come Downhill House e Ballyscullion House riempiendole con ricercate opere d'arte provenienti dall'Italia e altre parti.

Carriera politicaModifica

Hervey si oppose al sistema feudale di decime. Al suo ritorno dall'Italia, nel 1782 si è gettato con ardore nel Movimento volontariato irlandese, raggiungendo rapidamente una posizione di rilievo tra i volontari e venendo arrestato dal governo britannico.

MatrimonioModifica

Sposò, il 10 agosto 1752, Elizabeth Davers (1º febbraio 1733-19 dicembre 1800), figlia di Jermyn Davers. Ebbero sette figli:

 
Ritratto di Elizabeth Davers, contessa di Bristol, di Anton von Maron.

MorteModifica

Successivamente trascorse gli ultimi anni sul continente europeo. Nel 1798 fu fatto prigioniero a Milano per sospetto di spionaggio ed è stato tenuto in custodia per diciotto mesi.

Dopo il suo rilascio, Lord Bristol si diresse verso Roma. Lungo il tragitto ad Albano. Morì l'8 luglio 1803 presso Albano. Il corpo fu rimpatriato in Inghilterra prima di essere sepolto a Ickworth.

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN197145858065423021980 · ISNI (EN0000 0001 2213 6943 · LCCN (ENno2011108322 · GND (DE1019175079 · ULAN (EN500076755 · CERL cnp01420607
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie