Fritz-René Müller

vescovo vetero-cattolico svizzero
Fritz-René Müller
vescovo della Chiesa cattolica cristiana svizzera
Arms of an Old Catholic bishop.svg
La Sua vita è stata quella di un uomo (Fil. 2,7)
 
Incarichi attualiSegretario della Conferenza Episcopale dell'Unione di Utrecht
Incarichi ricopertiVescovo di Berna
Co-presidente di parte vetero-cattolica del Consiglio Internazionale di Coordinazione tra Anglicani e Vetero-cattolici
Delegato della Conferenza Episcopale dell'Unione di Utrecht per la Chiesa vetero-cattolica francese
Delegato della Conferenza Episcopale dell'Unione di Utrecht per la Chiesa vetero-cattolica italiana
 
NatoRheinfeld (Svizzera), 11 febbraio 1939
Ordinato presbitero26 maggio 1963
Consacrato vescovo9 maggio 2002, Berna
 

Fritz-René Müller (Rheinfelden, 11 febbraio 1939) è un vescovo vetero-cattolico svizzero.

BiografiaModifica

È sposato e ha due figli rispettivamente di 41 e di 38 anni.

È stato ordinato presbitero a Basilea il 26 maggio 1963 da Urs Küry e successivamente a Berna il 9 maggio 2002, Festa dell'Ascensione del Signore, sesto Vescovo della Chiesa cattolica cristiana svizzera. Era stato eletto a succedere ad Hans Gerny dal 133º Sinodo Nazionale (in sessione straordinaria) il 24 novembre 2001.

Il motto da lui scelto per il suo stemma episcopale è tratto dalla Lettera ai Filippesi: vita eius vita hominis («la sua vita è stata quella di un uomo»", Fil. 2,7). Laureato presso la Facoltà Teologica dell'Università di Berna, è stato professore di latino, greco e musica presso un liceo di Basilea e parroco nella medesima città tra il 1986 e il 2002; in quest'ultimo incarico il suo predecessore era stato lo stesso Hans Gerny.

Dal 2004 è Vescovo Assistente Onorario della Diocesi di Gibilterra in Europa.

Tra il 2005 e il 2007 è stato co-presidente, con l'anglicano Jonathan Gledhill, del Consiglio Internazionale di Coordinazione tra Anglicani e Vetero-cattolici

Dal 1º gennaio 2008 è stato delegato dalla Conferenza episcopale vetero-cattolica internazionale (IBK) a seguire i fedeli in Italia (succedendo al tedesco Joachim Vobbe) ed in Francia.

Il 2 febbraio 2008 è stato co-consacratore di John Ekemenzie Okoro, collaborando con Joris Vercammen e Dušan Hejbal.

Ha rassegnato le dimissioni alla fine di febbraio del 2009, secondo le norme interne della Chiesa Cristo-cattolica che prevedono i 70 anni come limite di età per gli incarichi pastorali; ha però mantenuto le deleghe per l'Italia e la Francia.[1]

Il 12 giugno 2009 a Berna è stato eletto come suo successore Harald Rein.

L'elezione a vescovoModifica

Il Sinodo Nazionale arrivò all'elezione di Fritz-René Müller a vescovo dopo 4 votazioni, come sotto riportato[2]

Prima votazione Seconda votazione Terza votazione Quarta votazione
Votanti 116 116 115 114
Schede nulle 0 1 2 1
Schede bianche 1 2 4 2
Voti validi 115 113 109 111
Maggioranza qualificata 76 76 73 74
Fritz-René Müller 37 52 69 81 eletto
Rolf Reimann 22 22 32 29
Harald Rein 28 28 6 0
Christoph Schuler 10 7 1 1
Urs von Arx 18 4 1 0

Genealogia episcopaleModifica

La genealogia episcopale è: CHIESA CATTOLICA

CHIESA ROMANO-CATTOLICA OLANDESE DEL CLERO VETERO EPISCOPALE

CHIESA VETERO-CATTOLICA

...
* Vescovo Jan Lambert Wirix-Speetjens

CollegamentiModifica

NoteModifica

  1. ^ Comunicato ufficiale[collegamento interrotto]
  2. ^ Wahlsynode, su christkath.ch. URL consultato il 2 luglio 2008 (archiviato dall'url originale l'8 settembre 2005).

Collegamenti esterniModifica