Apri il menu principale

Fritz Szepan

calciatore e allenatore di calcio tedesco
Fritz Szepan
Nazionalità Germania Germania
bandiera Germania Ovest (dal 1945)
Altezza 177 cm
Peso 76 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Mezzapunta
Carriera
Giovanili
1925 Schalke 04
Squadre di club1
1925-1949Schalke 04342 (234)
Nazionale
1929-1939 Germania Germania 34 (8)
Germania Germania
Carriera da allenatore
1949-1954Schalke 04
1954-1956Rot-Weiss Essen
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Fritz Szepan (Gelsenkirchen, 2 settembre 1907Gelsenkirchen, 14 dicembre 1974) è stato un calciatore e allenatore di calcio tedesco, di ruolo mezzapunta.

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

ClubModifica

Fritz Szepan giocò per tutta la carriera nello Schalke 04. Lui ed il cognato[1] Ernst Kuzorra furono la colonna portante della squadra che vinse per cinque volte il campionato tedesco fra gli anni trenta e quaranta.

NazionaleModifica

Con la Nazionale tedesca esordì nel 1929.

Nel 1938, durante il primo allenamento dopo l'Anschluss, ebbe un contrasto con il compagno di squadra Josef Stroh. Costui infatti cominciò a palleggiare con varie parti del corpo, tra l'entusiasmo degli "austriaci" e provocando la reazione dello stesso Szepan, che a sua volta compì il medesimo palleggio, calciando poi la palla in direzione di Stroh, gesto questo accompagnato dagli applausi dei "tedeschi" e da un insulto rivolto al giocatore viennese[2].

AllenatoreModifica

In seguito divenne allenatore e vinse il titolo nel 1955 con il Rot-Weiss Essen.

PalmarèsModifica

GiocatoreModifica

Schalke 04: 1933-1934, 1934-1935, 1936-1937, 1938-1939, 1939-1940, 1941-1942
Schalke 04: 1937
Schalke 04: 1933-1934, 1934-1935, 1935-1936, 1936-1937, 1937-1938, 1938-1939, 1939-1940, 1940-1941, 1941-1942, 1942-1943, 1943-1944

AllenatoreModifica

Rot-Weiss Essen: 1954-1955

NoteModifica

  1. ^ Abseits-soccer.com
  2. ^ Alec Cordolcini, "Il mago nell'oblio", Guerin Sportivo n° 8 - agosto 2011, p. 75.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN3569378 · GND (DE130045241 · WorldCat Identities (EN3569378