Apri il menu principale

1leftarrow blue.svgVoce principale: Fußball-Club Bayern München.

Fußball-Club Bayern München
Stagione 2010-2011
AllenatorePaesi Bassi Louis van Gaal, poi
Paesi Bassi Andries Jonker
All. in secondaGermania Hermann Gerland
PresidenteGermania Uli Hoeneß
Bundesliga
Coppa di GermaniaSemifinale
Supercoppa di GermaniaVincitore
UEFA Champions LeagueOttavi di finale
CapitanoGermania Philipp Lahm
Miglior marcatoreCampionato: Germania Gómez (28)

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti l'Fußball-Club Bayern München nelle competizioni ufficiali della stagione 2010-2011.

Indice

StagioneModifica

Nella sessione estiva di calciomercato Toni Kroos rientra dal prestito al Bayer Leverkusen, ma inizialmente il Bayern non può far affidamento su Arjen Robben; questo a causa di un infortunio rimediato nei recenti Mondiali sudafricani[1]. Il Bayern comincia subito la stagione nel migliore dei modi: sconfigge 2-0 lo Schalke 04 e conquista così la Supercoppa di Germania. In seguito i bavaresi partecipano alla Champions League, e vengono inseriti in gruppo comprendente anche Roma, Basilea e Cluj. I tedeschi si classificano al primo posto davanti ai giallorossi, ma in Bundesliga sono quinti a quattordici punti di distanza dalla capolista Borussia Dortmund al termine del girone di andata[2]. In gennaio avvengono dei movimenti di calciomercato, tra i quali l'acquisto di Luiz Gustavo dall'Hoffenheim, e le cessioni del capitano Mark van Bommel al Milan e quella del difensore centrale Martín Demichelis al Málaga. Ripresa la Champions dopo la pausa invernale il Bayern incontra per il secondo anno consecutivo l'Inter, in quella che è la riedizione della finale dello scorso anno. Nella partita di andata, giocata a Milano, i bavaresi si impongono per 1-0, ma nel ritorno sono i nerazzurri ad avere la meglio: vincono la partita 3-2, e avanzano quindi grazie alla regola dei gol fuori casa. Intanto al Bayern è da poco sfumata anche la possibilità di vincere la Coppa di Germania: la squadra è stata infatti eliminata in semifinale dai futuri vincitori dello Schalke. Poco più di un mese dopo, in seguito al pareggio casalingo contro il Norimberga, Louis van Gaal viene esonerato[3]; la squadra si trova al quarto posto, a quattordici punti dalla vetta[4], e viene affidata fino al termine della stagione a quello che era il suo assistente, Andries Jonker. Il Bayern arriva al terzo posto finale, validi per accedere ai play-off della successiva Champions League.

UniformiModifica

Casa
Maglia
Casa Alternativa
Trasferta
Maglia
Trasferta Alternativa
Trasferta Alternativa 2
Terza
Maglia

Organigramma societarioModifica

Area direttiva

Area tecnica

RosaModifica

StatisticheModifica

Statistiche di squadraModifica

Competizione Punti Totale
G V N P Gf Gs
  Bundesliga 65 34 19 8 7 81 40
  Coppa di Germania - 5 4 0 1 16 5
  Supercoppa di Germania - 1 1 0 0 2 0
  Champions League - 8 6 0 2 19 9
Totale 48 30 8 10 118 54

NoteModifica

  1. ^ Bayern Monaco pronto a denunciare l'Olanda per l'infortunio di Robben, in sport.it. URL consultato il 28 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 22 ottobre 2014).
  2. ^ (DE) 1. Bundesliga - Spieltag / Tabelle, in kicker.de. URL consultato il 23 settembre 2014.
  3. ^ Bayern, ufficiale: esonerato Van Gaal, in calciomercato.com. URL consultato il 22 settembre 2014.
  4. ^ (DE) 1. Bundesliga - Spieltag / Tabelle, in kicker.de. URL consultato il 19 ottobre 2014.
  5. ^ a b c d Ceduto durante la sessione invernale di calciomercato
  6. ^ Ceduto durante la sessione estiva di calciomercato
  7. ^ Acquistato durante la sessione invernale di calciomercato

Collegamenti esterniModifica

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio