Apri il menu principale

Fußballclub Swarovski Tirol

squadra di calcio austriaca
FC Swarovski Tirol
Calcio Football pictogram.svg
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px vertical HEX-010080 White.svg Bianco, blu
Dati societari
Città AT Innsbruck COA.svg Innsbruck
Nazione Austria Austria
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Austria.svg ÖFB
Fondazione 1986
Scioglimento1992
Stadio Tivoli
(17.000 posti)
Palmarès
Titoli nazionali 2
Trofei nazionali 1 ÖFB-Cup
Si invita a seguire il modello di voce

Il Fußballclub Swarovski Tirol era una società calcistica austriaca di Innsbruck, città del Tirolo.

StoriaModifica

Lo Swarovski Tirol fu costituito nel 1986, quando l'imprenditore Gernot Langes-Swarovski acquistò la licenza professionistica del Wacker Innsbruck, il più antico club della città, ereditandone il posto in 1. Division. Da notare che i colori sociali scelti all'epoca (blu e bianco) non avevano nulla a che fare con la storia calcistica della città, né con lo stemma cittadino. Nella sua prima stagione (1986-1987) il club allenato da Felix Latzke arrivò solo terzo nel Meister-Playoff, ma in Coppa UEFA arrivò sino alla semifinale, eliminando club di tradizione come CSKA Sofia, Standard Liegi, Spartak Mosca, il Torino nei quarti di finale, prima di arrendersi ai futuri vincitori del Göteborg.

Nell'estate 1987 fu ingaggiato come allenatore Ernst Happel, autentico decano del calcio austriaco, e le ambizioni del club apparvero chiare. La prima stagione la squadra arrivò solo sesta, ma già nel 1988-1989 il club festeggiò il titolo, con un buon margine sull'Admira/Wacker, e la ÖFB-Cup cogliendo il Double. L'anno seguente fu bis, vincendo il Meister-Playoff con 8 punti di vantaggio sull'Austria Vienna. Nella stagione 1990-1991 la sequenza vincente s'interruppe solo per un punto di svantaggio e il titolo fu appannaggio dell'Austria.

L'anno seguente, Happel divenne allenatore della Nazionale austriaca, ma morì il 14 novembre 1992 ad Innsbruck. Il suo posto allo Swarovski fu preso dall'ex-vice Horst Hrubesch. Il campionato fu perso solo per differenza reti ancora a vantaggio dell'Austria Vienna.

Nonostante i numerosi successi, il presidente annunciò il proprio disimpegno finanziario. E così, nell'estate 1992 la società restituì la licenza per la Bundesliga al Wacker, da cui l'aveva ottenuta sei anni prima.

PalmarèsModifica

Competizioni nazionaliModifica

1988-1989, 1989-1990
1988-1989

Altri piazzamentiModifica

Secondo posto: 1990-1991
Terzo posto: 1986-1987, 1991-1992
Finalista: 1986-1987, 1987-1988
Finalista: 1987, 1989, 1990
Semifinalista: 1986-1987
Controllo di autoritàVIAF (EN154542737 · WorldCat Identities (EN154542737
  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Calcio