Apri il menu principale

Fuerza Aérea Ecuatoriana

Fuerza Aérea Ecuatoriana
Forza aerea ecuadoriana
Ecuadorian Air Force
Seal of the Ecuadorian Air Force.svg
Descrizione generale
Attiva27 ottobre 1920 – oggi
NazioneEcuador Ecuador
Servizioaeronautica militare
MottoSobre selvas, volcanes y mares
Battaglie/guerreGuerra Ecuadoriano–Peruviana
Guerra del Cenepa
Anniversari27 ottobre
Sito internetfuerzaaereaecuatoriana.org
Parte di
Comandanti
Brigadier GeneraleMauricio Campuzano[1]
Simboli
CoccardaRoundel of Ecuador.svg
Distintivo di codaCivil Flag and Ensign of Ecuador.svg
Voci su forze aeree presenti su Wikipedia

La Fuerza Aérea Ecuatoriana, spesso abbreviata in FAE,[2] e conosciuta internazionalmente con la denominazione in lingua inglese Ecuadorian Air Force), è l'attuale aeronautica militare dell'Ecuador e parte integrante delle forze armate ecuatoriane.

Eredita le tradizioni militari della precedente Fuerza Aérea del Ejército Equatoriano.

StoriaModifica

La FAE venne ufficialmente creata ufficialmente il 27 ottobre del 1920 anche se un certo grado di attività aerea militare era già presente nel paese da alcuni anni. Per esempio già nel 1910 a seguito della crisi Perù-Ecuador il paese latinoamericano dispiegò una componente aerea in ausilio alle forze armate tradizionali attingendo dagli aerei del Club de Tiro Guayaquil adibiti inizialmente per l'attività sportiva. La bontà dell'utilizzo del mezzo aereo convinse lo stato maggiore ecuadoriano a trasformare il Club de Tiro in scuola di volo. Fu allora che venne chiamato Cosme Rennella, asso durante la Prima guerra mondiale, come istruttore grazie al quale la scuola poté crescere e svilupparsi come oggi la conosciamo contribuendo in maniera determinante alla nascita dell'Aviazione Militare Ecuadoriana.

Scuola di volo che all'inizio venne stanziata in quel di Salinas con un pugno di aerei statunitensi dei tipi più disparati.

Solamente sfiorata dalla Seconda guerra mondiale, la FAE poté continuare indisturbata il suo potenziamento sostituendo i datati velivoli Ryan PT-22 Recruit, Curtiss-Wright CW-22 Falcon e Fairchild PT-19A Cornell con i moderni caccia a reazione Dassault Mirage F1, IAI Kfir C2, CE, e SEPECAT Jaguar Mk.1, velivoli che avranno modo di distinguersi nelle numerose crisi che l'Ecuador ha dovuto sostenere con il vicino Perù per il controllo delle frontiere tra i due paesi. Nel 1995, uno scontro tra due Mirage F1 ecuadoriani e due Sukhoi Su-22 peruviani durante la guerra per il controllo della regione di confine detta guerra del Cenepa, si è concluso con l'abbattimento dei due aerei peruviani.

StrutturaModifica

 
Dassault Mirage F1JA della Escuadrón de Combate 2112

La struttura attuale della FAE è suddivisa su tre gruppi di combattimento ("Ala de combate"), suddivisi in due o tre squadroni da combattimento ("Escuadrón de Combate"), più un gruppo di trasporto ("Ala de transporte") suddiviso in quattro squadriglie da trasporto:

Aeromobili in usoModifica

Aeromobile Origine Tipo Versione
(denominazione locale)
In servizio
(2019)[3][4]
Note Immagine
Aerei da combattimento
Atlas Cheetah   Sudafrica cacciabombardiere
conversione operativa
Cheetah C
Cheetah D
9[3][4] 12 tra Cheetah C monoposto e Cheetah D biposto acquistati di seconda mano dal Sudafrica nel 2013.[3][5]
Embraer EMB 314 Super Tucano   Brasile aereo da addestramento avanzato
aereo d'attacco leggero
A-29B 17[3][4] 18 consegnati.[3]
Aerei da addestramento
Diamond DA20 Eclipse   Austria aereo da addestramento DA-20C-1 11[3][4] 12 consegnati.[3]
Aerei da trasporto
Lockheed C-130 Hercules   Stati Uniti aereo da trasporto C-130H
L-100-30
1[3]
1[4][3]
3 C-130H ed 1 L-100-30 consegnati.[3]
CASA C-295   Spagna Aereo da trasporto
SAR
CN-295M 3[3][4] 3 consegnati.[3]
Beechcraft King Air 350   Stati Uniti Aereo da trasporto B350 1[3][4] 1 consegnato.[3]
Embraer Legacy 600   Brasile Aereo da trasporto ERJ-135BJ 1[3][4][6] 1 Legacy 600 consegnati il 19 dicembre 2008.[6][3]
Dassault Falcon 7X   Francia Aereo da trasporto Falcon 7X 1[3][4][6] 1 Falcon 7X consegnato il 2 novembre 2013.[3][6]
Boeing 737   Stati Uniti Aereo da trasporto B 737-236 1[3][4] 1 consegnato.[3]
de Havilland Canada DHC-6 Twin Otter   Canada aereo da trasporto leggero DHC-6-300 2[3][4] 4 consegnati.[3]
Elicotteri
Bell TH-57 Sea Ranger   Stati Uniti elicottero da addestramento TH-57A 8[3][4] 8 TH-57A consegnati ed impiegati per l'addestramento.[3]
AgustaWestland AW119   Italia elicottero da addestramento
Medevac
AW119Ke 3[3][7][8] 4 AW119Ke saranno consegnati a partire da aprile 2019, ed utilizzati in compiti di addestramento, evacuazione medica e pattugliamento.[9][3]

Aeromobili ritiratiModifica

NoteModifica

  1. ^ "MANDO INSTITUCIONAL" Archiviato il 13 luglio 2018 in Internet Archive., su fuerzaaereaecuatoriana.mil.ec, URL consultato il 27 dicembre 2018.
  2. ^ Munro, Bob (a cura di), Central and South America, in The World's Air Forces, London, Salamander books, 1991, p.37.
  3. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z "Le forze aeree del mondo. Ecuador" - "Aeronautica & Difesa" N. 393 - 07/2019 pag. 70
  4. ^ a b c d e f g h i j k l m (EN) World Air Force 2019 (PDF), su Flightglobal.com, p. 15. URL consultato il 27 dicembre 2018.
  5. ^ "ECUADOR PURCHASES 12 CHEETAH", su itweb.co.za, 13 dicembre 2013, URL consultato il 6 settembre 2016.
  6. ^ a b c d "ECUADOR PRESIDENTIAL AIRPLANE IS FALCON SELLS OR LEGACY?", su nlarenas.com, 30 luglio 2018, URL consultato il 27 dicembre 2018.
  7. ^ "ECUADOR RECIBE TRES DE LOS CUATRO LEONARDO HELICÓPTER AW-119", su infodefensa.com, 5 aprile 2019, URL consultato il 8 aprile 2019.
  8. ^ "ECUADORIAN AIR FORCE RECEIVES NEW KOALA HELICOPTERS", su janes.com, 7 aprile 2019, URL consultato il 9 aprile 2019.
  9. ^ "ECUADOR INCORPORA A PARTIR DE ABRIL CUATRO HELICÓPTEROS AW119 DE LEONARDO", su infodefensa.com, 28 marzo 2019, URL consultato il 28 marzo 2019.
  10. ^ "ECUADOR RETIRES LAST TURBO MENTORS" Archiviato l'8 maggio 2018 in Internet Archive., su janes.com, 8 maggio 2018, URL consultato il 9 maggio 2018.

BibliografiaModifica

  • (EN) Lindsay Peacock (a cura di), World Air Forces, Coulsdon, UK, Jane's Information Group Ltd., 2002.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN157205578 · LCCN (ENn88025618 · WorldCat Identities (ENn88-025618