Apri il menu principale

Futbolen Klub Septemvri

F.K. Septemvri
Calcio Football pictogram.svg
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px HEX-1D2B79 HEX-D31E26.svg Bordeaux, blu
Dati societari
Città Sofia
Nazione Bulgaria Bulgaria
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Bulgaria.svg BFS
Campionato Seconda Lega
Fondazione 1944
Presidente ?
Allenatore Bulgaria Nikolay Mitov
Stadio Stadio Bistrica
(2 000 posti)
Sito web www.fcseptemvri.com/
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

Il Futbolen Klub Septemvri, meglio noto come Septemvri, è una società calcistica bulgara con sede nella città di Sofia. Milita nella Seconda Lega del campionato bulgaro, la seconda divisione del campionato bulgaro.

Conosciuto in ambito nazionale per le sue giovanili, che producono prospetti interessanti, vanta quale maggiore successo la vittoria della Coppa di Bulgaria del 1960, mentre in campionato il miglior piazzamento è il quinto posto raggiunto nella massima serie bulgara nella stessa stagione.

Disputa le partite interne allo Stadio Bistrica della capitale bulgara.

StoriaModifica

Fondazione ed esordiModifica

Fondata il 5 novembre 1944 come Futbolen Klub Septemvri dalla fusione di Sportclub Sofia, Sokol e Vazraždane, vede unirsi altri club al sodalizio il 26 marzo 1945, quando si aggregano all'associazione il Botev (Konyovica), l'Ustrem (Zaharna fabrika), il Pobeda (Krasna Polyana), e lo Svoboda (Tri kladentsi). Nel maggio 1948 il club, militante nella Prima Divisione di Sofia, si fonde con un club di seconda divisione, il CDV/Chavdar (Sofia) e il sodalizio risultante dall'unione si aggiudica il campionato bulgaro del 1948 superando in finale il Levski Sofia.

Scalata verso l'éliteModifica

Il Septemvri comincia la stagione 1948-1949 nel neonato Gruppo Calcistico A Repubblicano, ma appena sei mesi dopo si scinde dal CDV (Chavdar) ed è espulso dalla divisione (il titolo sportivo è dato al CDNV, nuovo nome del Chavdar, che sarebbe poi divenuto il CSKA Sofia). Alla fine dell'annata 1948-1949 il Septemvri è ammesso a uno spareggio andata/ritorno per la qualificazione alla massima serie, dove sfida il Marek Dupnica. Entrambe le partite finiscono con il punteggio di 2-0 per ognuna delle due contendenti, così si gioca una terza partita che vede perdere per 1-0 il Septemvri, costretto dunque a rimanere in seconda serie.

Dal 1949 al 1969 il Septemvri esiste come club indipendente; in questo ventennio raggiunge l'apice del successo: nel 1959 termina primo nel Gruppo B (nome che era usato per indicare la seconda serie bulgara) ed è promosso in massima serie per la stagione 1959-1960, chiusa con il quinto posto e la vittoria della Coppa di Bulgaria grazie al 4-3 in finale contro il Lokomotiv Sofia dopo i tempi supplementari. Già nel 1961, però, il club retrocede in seconda serie, dove rimane fino al 1968.

Scomparsa e ricomparsa come club indipendenteModifica

Nel 1969, in un altro periodo di riforma del calcio bulgaro, il Septemvri è fuso nel CSKA Sofia. L'unificazione si protrae sino al 1988, quando il club si stacca nuovamente e si iscrive alla Terza Lega. Nel 1993 il Septemvri ottiene la promozione in Seconda Lega e nel 1998 in Prima Lega, ritrovando la massima serie dopo 37 anni. La retrocessione in seconda divisione è immediata, a causa del sedicesimo posto.

Anni 2000Modifica

Il tredicesimo posto in seconda serie del 2000-2001 provoca la retrocessione in terza divisione, dove il club rimane sino al 2008. Nel marzo del 2008, dopo un controverso match contro l'FC Bansko, il club subisce una condanna della giustizia sportiva, che lo penalizza: l'allenatore Rumen Stoyanov aveva ordinato ai propri calciatori di lasciare il campo. Il Septemvri è poi ulteriormente colpito da provvedimenti disciplinari, dato che è rimosso dalla terza serie (V AFG) e declassato nell'A OFG, la divisione regionale di Sofia. Malgrado queste difficoltà, nel 2008-2009 il club sfiora la promozione in terza lega dopo aver chiuso al primo posto il campionato regionale e aver perso il play-off contro l'FC Novi Iskar (0-0; sconfitta per 5-4 ai tiri di rigore).

Anni duemiladieciModifica

Chandarov era (2015–present) Merge with DIT academy and Pirin Razlog (2015–2017)

Nel 2015 Rumen Chandarov proprietario dell'accademia sportiva DIT, uno dei maggiori centri di formazione di calciatori in Bulgaria, annuncia di aver rilevato la proprietà del Septemvri, con l'obiettivo di riportare il club in massima serie attraverso i giovani. La squadra si fonde con il Conegliano German e inizia la stagione 2015-2016 in terza lega sotto la guida del tecnico Nikolay Mitov. Verso la fine del 2015 ben 18 calciatori furono integrati in rosa dalla squadra under-19, all'epoca terza nel gruppo Elite giovanile.

Il 24 giugno 2016 il Pirin Razlog si fuse con il Septemvri a formare l'PFC Septemvri Sofia. Nel 2016-2017 il Septemvri fu iscritto alla seconda divisione e chiuse il campionato al secondo posto, due punti dietro alla capolista, ottenendo così l'accesso ai play-off promozione, dove superò il Montana per 2-1 il 3 giugno 2017, tornando in massima serie dopo 19 anni.

L'8 giugno 2017 l'allenatore Dimitar Vasev assunse le redini della squadra affiancando Hristo Arangelov, il traghettatore dopo le dimissioni di Nikolay Mitov. In attesa della costruzione dello Stadio Septemvri, la squadra comunica l'intenzione di spostarsi allo Stadio nazionale Vasil Levski, ma poi si trasferisce allo Stadio Bistrica per evitare scarsa affluenza nello stadio del Levski Sofia. Dopo quattro sconfitte in cinque giornate, Vasev lasciò spazio al rientrante Nikolay Mitov. La stagione, segnata dalla trafica morte per infarto del 46enne direttore esecutivo del club Georgi Markov, si chiuse con la salvezza e l'eliminazione ai quarti di finale dei play-off per la qualificazione all'Europa League contro il Černo More Varna.

La retrocessione in seconda serie avviene al termine della stagione 2018-2019 malgrado il dodicesimo posto finale nella stagione regolare, a causa della sconfitta nella finale dei play-out contro l'Arda Kardžali (0-1 dopo i tempi supplementari).

PalmarèsModifica

Competizioni nazionaliModifica

1959-1960
1955-1956, 1958-1959, 1997-1998

Altri piazzamentiModifica

Semifinalista: 2018-2019
Secondo posto: 1955, 1962–1963, 1964–1965, 1965–1966, 2016–2017

OrganicoModifica

Rosa 2018-2019Modifica

Aggiornata al 22 gennaio 2019.

N. Ruolo Giocatore
1   P Valentin Galev (capitano)
2   D Aleksandar Todorov
4   D Ivan Arsov
5   C Oktay Hamdiev
6   D Alexandru Benga
7   C Georgi Rusev
8   C Boris Galčev
9   A Ilija Dimitrov
10   C Asen Chandarov
11   C Ivan Tilev
12   P Ivan Vasilev
13   C Zdravko Dimitrov
15   D Mateo Stamatov
N. Ruolo Giocatore
16   D Stiliyan Nikolov
17   C Dimitar Kostadinov
18   A Vladimir Nikolov
19   D Darko Glišić
20   C Christopher Mandiangu
21   P Yanko Georgiev
22   C Georgi Stoichkov
23   D Aleksandăr Djulgerov
24   C Suad Sahiti
25   D Ivan Stojanov
26   C Fabiano
  D Aleksandar Bashliev
  A Preslav Yordanov

Staff tecnicoModifica

Staff dell'area tecnica

NoteModifica


Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio