Gōryakugana

kana abbreviati

I gōryakugana (合略仮名? letteralmente "kana combinati abbreviati"), anche noti come tsuzukikana (続き仮名?) o kana gōji (仮名合字?),[1] sono delle legature utilizzate per abbreviare combinazioni sia di hiragana che di katakana.[2] Salvo pochi casi, queste forme, ormai desuete, non sono state codificate nel sistema Unicode.[3]

StoriaModifica

Nel 1876, a Vienna, è stato pubblicato un compendio di lettere e caratteri di vari sistemi di scrittura. Intitolata Alfabete des gesammten Erdkreises, la pubblicazione contiene 79 legature di hiragana e 14 di katakana.[4] A partire dal 1900 (il 33º anno dell'era Meiji), la scrittura dei gōryakugana ha iniziato a cadere progressivamente in disuso, poiché secondo un'ordinanza del governo emessa quell'anno, ogni kana dovrebbe corrispondere a una singola sillaba.[5]

Fino al 2000, i gōryakugana non si potevano trovare in nessun sistema di codifica dei caratteri; i primi caratteri ad essere aggiunti nella codifica dello standard JIS (Japanese Industrial Standards) sono ? (da leggersi コト koto?) e ? (より yori?).[6] Nel 2002 essi sono stati adottati anche dalla versione Unicode 3.2.[7] Nel 2009, nella versione 5.2, è stata aggiunta la forma 𪜈? (トモ tomo?); quest'ultima è stata registrata nel blocco Unicode "Estensione C degli ideogrammi del set CJK unificato" (contenente i caratteri da U+2A700 a U+2AFFF).[8] Nel 2017, nella versione 10.0, è stata aggiunta la forma 𬼀? (シテ shite?), che è stata registrata nel blocco "Estensione F degli ideogrammi del set CJK unificato" (che comprende i caratteri da U+2CEB0 a U+2EBEF).[9]

Lista di legatureModifica

KatakanaModifica

Di seguito sono elencate le legature di katakana, accompagnate dal carattere Unicode laddove presente.[10][11][12][13][14][15]

Carattere Pronuncia Aspetto Derivato da
N/A トイフ toifu?  , ossia 丿? + ? Unione tra ? e ?
N/A トキ toki?  , ossia 丿? + ? Unione tra ? e ?
N/A トテ tote?  , ossia 丿? + ? Unione tra ? e ?
𪜈? トモ tomo?  、ossia 丿? + ? Unione tra ? e ?
𪜈゙? ドモ domo?  ゛, ossia 丿? + モ゛? Unione tra ? e ?
N/A ヨリ yori?  , ossia ? + ? Unione tra ? e ?

I seguenti due caratteri possono essere considerati delle legature, anche se talvolta non vengono categorizzati come tali.[10][14][16][17]

Carattere Pronuncia Aspetto Derivato da
? コト koto?   Unione tra ? e ?, oppure una semplificazione grafica (ryakuji) del kanji ?
𬼀? シテ shite?   Unione tra ? e ?, oppure un ryakuji del kanji ?

HiraganaModifica

Di seguito sono elencate le legature di hiragana. Soltanto due caratteri sono stati inclusi in Unicode.[10][14][15][18] Le legature di hiragana venivano utilizzate prevalentemente nella scrittura verticale, come si può anche evincere dalla loro forma.[19]

Carattere Pronuncia Aspetto Derivato da
N/A かしこ kashiko?   Unione tra 𛀚?, ? e ?
N/A かしこ kashiko? Unione tra 𛀚?, ? e ?
N/A こと koto?   Unione tra ? e ?
N/A ごと goto?   Unione tra ? e ?
N/A さま sama? Unione tra ? e 𛃅?
? より yori?   Unione tra ? e ?
N/A まゐらせさうらふ
参らせ候ふ
?[19]
mairasesōrō?
  Semplificazione grafica dei vari hiragana;
Alternativamente, una legatura tra i ryakuji dei kanji ? e ?.

Caratteri similiModifica

  • Il carattere ?, da leggersi ます masu?, viene impiegato come pittogramma per indicare l'unità di misura "masu" (?, oppure ?), utilizzata per quantificare il riso.[20] Un masu corrisponde a una cassa colma di chicchi di riso; il carattere ? ricalca le forme di tale cassa. In passato, il carattere veniva utilizzato anche come forma abbreviata delle sillabe ます masu?, cfr. 有り〼? al posto di 有ります、あります arimasu?.[21][22]
  • Esistono dei kanji abbreviati la cui componente fonetica viene resa con un kana. Tali forme si chiamano ryakuji e non sono da considerarsi come legature di kana.
    • Per esempio, ? può essere reso graficamente come  , ? come  , ? e ? come  .[23]
  • Più recentemente, nello slang di internet, sono comparsi esempi in cui un singolo kana viene impiegato per indicare due suoni diversi:
    • 托い?, utilizzato al posto di キモい kimoi? ("disgustoso"); in questo caso il kanji ? è da interpretarsi come l'unione tra i kana ? e ?.[24]
    • Un altro esempio è モルール?, la cui lettura è monorēru (cfr. モノレール?, "monorotaia") anziché "morūru". Il primo ? è da interpretarsi come l'unione tra ? e ?.[25]

NoteModifica

  1. ^ (JA) 変体仮名(へんたいがな)の一覧, su "Min'na no chishiki" chotto benri-chō («みんなの知識» ちょっと便利帳). URL consultato il 14 luglio 2021.
  2. ^ (JA) ごうりゃく - がな〔ガフリヤク - 〕【合略仮名】, su Weblio jisho (Weblio 辞書). URL consultato il 14 luglio 2021.
  3. ^ (EN) Horst Bunke e Patrick S. P. Wang, Handbook of Character Recognition and Document Image Analysis, Singapore, World Scientific Publishing, 2000 [1997], p. 299, ISBN 978-981-02-2270-3. URL consultato il 14 luglio 2021.
  4. ^ (DE) Alois Auer von Welsbach, Alfabete des gesammten Erdkreises, Vienna, k.k. Hof- und Staatsdruckerei, 1876. URL consultato il 14 luglio 2021.
  5. ^ (JA) 明治33年文部省令第14号 (14º decreto dell'anno 1900 del ministero dell'istruzione), su Wikisource, 21 agosto 1900. URL consultato il 14 luglio 2021.
  6. ^ (JA) JIS X 0213 コード表 (16ずつ折り畳み), su Hirosaki gakuin sei ai chūgaku kōtō gakkō (弘前学院聖愛中学高等学校). URL consultato il 14 luglio 2021.
  7. ^ (EN) Unicode Data 3.2 (TXT), su Unicode, 1º marzo 2002. URL consultato il 14 luglio 2021.
  8. ^ (EN) Unicode Block "CJK Unified Ideographs Extension C", su Compart Unicode Character Sets. URL consultato il 14 luglio 2021.
  9. ^ (EN) CJK Unified Ideographs Extension F, su Unicode Character Table, 1º giugno 2017. URL consultato il 14 luglio 2021.
  10. ^ a b c (JA) Ochiai Naobumi (落合直文), 日本大文典、第1編, Hakubunkan (博文館), 1897, DOI:10.11501/864050. URL consultato il 14 luglio 2021.
  11. ^ (JA) Fukui Kyūzō (福井久蔵), 國語學大系、第7卷, Minato, Tokyo, Kōsei kaku (厚生閣), 1938. URL consultato il 14 luglio 2021.
  12. ^ (JA) Ban Nobutomo (伴信友), 仮字本末, Sanshodō, 1850. URL consultato il 14 luglio 2021.
  13. ^ (JA) Fujī Otō (藤井乙男), 操觚便覧, Hamamoto Meishodo (浜本明昇堂), 1º dicembre 1899, DOI:10.11501/863176. URL consultato il 14 luglio 2021.
  14. ^ a b c (JA) Ochiai Naobumi (落合直文), 普通日本文典, Matsumura Kyūbei (松村九兵衛), 1º maggio 1893, DOI:10.11501/864164. URL consultato il 14 luglio 2021.
  15. ^ a b (JA) Ito Sakon (糸左近), 和漢の文典:雅俗対照, Kinsashi Horyudou (金刺芳流堂), 1º novembre 1902, DOI:10.11501/864212. URL consultato il 14 luglio 2021.
  16. ^ (JA) Igi Hisaichi (伊木寿一), 日本古文書学, Keiōgijuku daigaku shuppankai (慶應義塾大学出版会), 1981.
  17. ^ (JA) Ōishi Manabu (大石学), 古文書解読辞典, Tōkyōdō shuppan (東京堂出版), 2000.
  18. ^ (JA) Ochiai Naobumi (落合直文), ことばの泉:日本大辞典, Ōkura shoten (大倉書店), 1º gennaio 1904, DOI:10.11501/862876. URL consultato il 14 luglio 2021.
  19. ^ a b (JA) Murayama Jikyō (村山自彊), 国語学文典:普通教育, Ōkura shoten (大倉書店), 1º aprile 1894, DOI:10.11501/863770. URL consultato il 14 luglio 2021.
  20. ^ (EN) Understanding Japan: Bulletin of International Society for Educational Information, 21–25, Tokyo, The Society, 1969, p. 89. URL consultato il 15 luglio 2021.
  21. ^ (JA) 枡記号, su Weblio Jisho (Weblio 辞書). URL consultato il 15 luglio 2021.
  22. ^ (JA) Takatori Yū (鷹取ゆう), 「○○あり〼(ます=枡)」の斜線について, su Tsukuru, tsunagaru, todokeru (つくる、つながる、とどける), 25 marzo 2019. URL consultato il 15 luglio 2021.
  23. ^ (JA) 略字一覧, su Nukosuki Kōbō (ぬこすき工房). URL consultato il 15 luglio 2021.
  24. ^ (JA) 托い ← キモいに見える, su 5-chan neru (5 ちゃんねる), 3 luglio 2020. URL consultato il 15 luglio 2021.
  25. ^ (JA) 新☆略語「モルール」, su Monjirō (もんじろう). URL consultato il 15 luglio 2021.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica