Apri il menu principale
Foto di gruppo dei partecipanti

Il G20 del 2016 è stato l'undicesimo meeting del Gruppo dei Venti (G20). Si è tenuto il 4 e 5 settembre 2016 nella città di Hangzhou, in Cina. È stato il primo vertice del G20 ospitato dalla Cina e il secondo ospitato da una nazione asiatica, dopo quello del 2010 in Corea del Sud. La riunione è stata guidata dal Presidente cinese Xi Jinping.

AgendaModifica

 
Vladimir Putin e Barack Obama, il 5 settembre 2016.

Inquinamento in CinaModifica

Nei giorni precedenti il G20 di Hangzhou, solo alcuni tipi di veicoli furono autorizzati a circolare in città, tutti i cantieri furono bloccati, tutti gli abitanti ricevettero una settimana di interruzione del lavoro (e furono incoraggiati a lasciare la città) e le fabbriche della regione (tra cui più di duecento centri siderurgici) furono incoraggiati a fermare la produzione (per ridurre temporaneamente l'inquinamento dell'aria).[1][2][3]

Cambiamenti climaticiModifica

Il 3 settembre 2016, Barack Obama e Xi Jinping annunciarono la ratifica dell'Accordo di Parigi (della XXI Conferenza delle Parti dell'UNFCCC) da parte dei loro Paesi.[4] Questo ha portato a 26 il numero delle nazioni che hanno ratificato l'accordo;[5] gli Stati Uniti e la Cina rappresentano rispettivamente il 18 % e il 20 % delle emissioni globali di anidride carbonica (il maggior responsabile del riscaldamento globale).[6][7]

EconomiaModifica

Per quanto riguarda l'economia i temi principali del comunicato finale del summit sono stati:[8]

PartecipantiModifica

Leader invitatiModifica

Organizzazioni internazionaliModifica

NoteModifica

  1. ^ (FR) Frédéric Lelièvre, "La Chine championne du monde de la finance verte", Le Temps, 29 agosto 2016 (accesso il 2 settembre 2016).
  2. ^ Tom Phillips, "Ghost town: how China emptied Hangzhou to guarantee 'perfect' G20", The Guardian, 5 settembre 2016 (accesso il 5 settembre 2016).
  3. ^ "China's Hangzhou Turns Ghost Town as G20 Leaders Arrive", The New York Times, 3 settembre 2016 (accesso il 4 settembre 2016).
  4. ^ (FR) Étienne Dubuis, "L’accord de Paris pourrait entrer en vigueur d’ici à la fin de l’année", Le Temps, 1 settembre 2016 (accesso il 2 settembre 2016).
  5. ^ (FR) ""Le débat avec les climatosceptiques est terminé", selon Ban Ki-Moon", Radio télévision suisse, 4 settembre 2016 (accesso il 4 settembre 2016).
  6. ^ "Paris climate deal: US and China formally join pact", BBC News, 3 settembre 2016 (accesso il 4 settembre 2016).
  7. ^ Simon Roger and Brice Pedroletti, "La Chine et les États-Unis ratifient l’accord de Paris sur le climat", Le Monde, 3 settembre 2016 (accesso il 4 settembre 2016).
  8. ^ (FR) "Accord du G20 pour « s’opposer au protectionnisme » et lutter contre l’évasion fiscale", Le Monde, 5 settembre 2016 (accesso il 5 settembre 2016).
  9. ^ Invitato in quanto Presidente dell'Unione africana
  10. ^ Invitato in quanto Presidente dell'Associazione delle Nazioni del Sud-est asiatico
  11. ^ Invitato in quanto Presidente della New Partnership for Africa's Development

Altri progettiModifica