GBU-39 Small Diameter Bomb

GBU-39 Small Diameter Bomb
SDB3.jpg
GBU-39 SDB agganciate ad un F-15
Descrizione
TipoBomba guidata
Impiegoaria-superficie
Sistema di guidaGPS, sistema di navigazione inerziale o laser semiattiva (SALH, Semi-Active Laser Homing)
CostruttoreBoeing Company
Impostazione2001
Primo lancio2005
In servizio2006
Costo40 000 $
Peso e dimensioni
Pesocirca 113 kg
Lunghezza1,5 m
Prestazioni
VettoriMcDonnell Douglas F-15E Strike Eagle, Rockwell B-1 Lancer, Lockheed Martin F-35 Lightning II, Lockheed Martin-Boeing F-22 Raptor, General Dynamics F-16 Fighting Falcon
Gittata74 km
voci di bombe presenti su Wikipedia

La GBU-39 Small Diameter Bomb (bomba a piccolo diametro), o SDB, è una classe di bombe guidate plananti di peso pari a circa 139 kg (285 libbre[1]) sviluppata allo scopo di consentire ai moderni F-22, F-35 e UCAV di imbarcare un numero maggiore di munizionamento non propulso nella stiva interna (nei casi dell F-22 e dell'F-35 ovviamente) e sotto le semiali dei droni da combattimento (caso UCAV) sacrificando il meno possibile in termini di letalità e precisione, questo sistema d'arma è altresì compatibile con gran parte degli aerei da combattimento USAF (e come vedremo poi non solo), grazie al sistema di trasporto e rilascio ad eiezione pneumatica BRU-61/A sviluppato dalla COBHAM è possibile agganciare quattro SDB come una sola unità con ingombri aggiuntivi minimi, sostituendo una bomba della classe delle 2000 libbre (907 kg).

BRU-61/A

SviluppoModifica

Il programma SBS (Small Bomb System) venne impostato nel 1998[2][3] dall'USAF a seguito di un dimostratore sviluppato tra il 1995-1996 col nome di MMTD (Miniaturized Munitions Technology Demonstration).[4][1][3]

Vennero selezionati due eventuali fornitori, ognuno con il suo progetto, per una gara di due anni, Boeing e Lockheed Martin. Entrambi gli eventuali fornitori avrebbero proceduto con due Fasi; nella Fase I avrebbero fornito un dimostratore efficace contro bersagli fissi o comunque non in movimento, con il vincitore impegnato a rendere operativa l'arma sul finire del 2006. La Fase II (SDB II or "SDB Increment II) "avrebbe visto i competitor proporre un sistema d'arma in grado di ingaggiare sia bersagli fermi che in movimento, grazie a un sistema di ricerca basato su più sensori e pianificato per entrare in produzione 3 anni dopo.

SDB Phase I SDB Phase II
Boeing GBU-39/B GBU-40/B
Lockheed Martin GBU-41/B GBU-42/B

La GBU-39/B della Boeing fece il suo primo volo di prova nel Febbraio 2003 e si aggiudicò la Fase I del programma nell'Ottobre dello stesso anno. Nell'Aprile 2005 Boeing ricevette il primo contratto di tipo LRIP (Low-Rate Initial Production - produzione iniziale a basso numero) contract. Nel 2006 la bomba venne provata in modo operativo (ovvero in una situazione di guerra reale) e quindi accettata in IOC (Initial Operational Capability - capacità operativa iniziale) nell'Ottobre dello stesso anno su F-15E[3][5][6]


StoriaModifica

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Dr Carlo Kopp, Boeing GBU-39/B Small Diameter Bomb I & Raytheon GBU-53/B Small Diameter Bomb II, su http://www.ausairpower.net. URL consultato il 27/01/2014.
  2. ^ La sigla SBS venne successivamente modificata in SSB (Small Smart Bomb) e infine con la sigla definitiva SDB. [sempre Andreas Parsch nella pagina http://www.designation-systems.net/dusrm/app5/sdb.html]
  3. ^ a b c (EN) Andreas Parsch, Boeing / Lockheed Martin SDB (Small Diameter Bomb) (GBU-39/B, GBU-40/B, GBU-41/B, GBU-42/B, GBU-53/B), su http://www.designation-systems.net/.
  4. ^ (EN) Miniaturized Munition Technology Demonstration Branch, su http://www.wlmn.eglin.af.mil (archiviato dall'url originale il 2 maggio 1997).
  5. ^ (EN) GBU-39 - SDB History, su https://www.globalsecurity.org/.
  6. ^ (EN) Department of Defense Office of Inspector General, English: Acquisition (PDF), 15 luglio 2005. URL consultato il 28 marzo 2020.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica