Apri il menu principale

Gabriella Belli (Trento, 26 agosto 1952) è una storica dell'arte italiana e, dal 2011, è direttrice della Fondazione Musei Civici di Venezia.[1]

Indice

Studi e carrieraModifica

Si è laureata al DAMS di Bologna presentando una tesi con Anna Ottavi Cavina in storia dell'arte sulla pittura di corte in Russia nel XVIII secolo e si è in seguito specializzata presso l'Università degli Studi di Parma. Nel 1981[2] a Trento è stata nominata curatrice presso il Museo del Castello del Buonconsiglio e nel 1982 ha realizzato la trasformazione di Palazzo delle Albere nella prima sede del Museo d'arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto.

Ha ricoperto l'incarico di commissaria presso la Biennale di Venezia nel 1995 e nel 2003 ed è stata membro nei comitati scientifici del Museo di arte contemporanea di Bolzano e della Galleria d'arte moderna di Bologna. Ha seguito dal 1989 il progetto del Mart sino ad arrivare nel 2002 ad inaugurare la nuova sede del Mart a Rovereto (opera dall’architetto Mario Botta e dell'ingegnere roveretano Giulio Andreolli) della quale è stata la prima direttrice. Sempre sotto la sua direzione, nel 2009, è stata riaperta la sede restaurata della Casa d'arte futurista Depero.

Nel 2011 è stata nominata direttrice della Fondazione Musei Civici di Venezia, l’ente che riunisce alcuni tra i più importanti musei di Venezia: Palazzo Ducale, Ca' Rezzonico, Museo Correr Ca' Pesaro, Palazzo Fortuny, Palazzo Mocenigo ed altri.[3]

RiconoscimentiModifica

Nel 2003 ha ricevuto, con Novello Finotti e Cesare Montecucco, il Premio internazionale Civiltà Veneta.[4]

Nel 2011 ha ricevuto dal Ministro della Cultura francese l’onorificenza di Cavaliere delle Arti e delle Lettere e il Premio ICOM Italia come migliore museologo dell'anno.[5]

NoteModifica

  1. ^ Danilo Curti, Paolo Ghezzi e Giuliano Tecilla, Chi è in Trentino. Atlante biografico dei personaggi dalla A alla Z. 8.000 nomi, i ruoli, gli incarichi, 1. edizione aggiornata al 31 luglio 2000, Trento, Società iniziative editoriali, 2001, p. 50.
  2. ^ Giornale dell'Arte.
  3. ^ MuVe.
  4. ^ Albo d’oro 2003 Premio Civiltà Veneta Gabriella Belli Novello Finotti Cesare Montecucco, su fondazionemasi.com, FondazioneMasi. URL consultato il 29 settembre 2016.
  5. ^ La Fondazione Brescia Musei sceglie il suo Comitato Scientifico, su artemagazine.it, ARTEMAGAZINE. URL consultato il 29 settembre 2016.

BibliografiaModifica

  • Gabriella Belli, Gustav Klimt. I capolavori, a cura di Fernando Orlandi, Gardolo, Reverdito, 1988, ISBN 88-342-4018-9.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0001 0823 3958 · LCCN (ENn80119105