Apri il menu principale

Gabriella Labate (Roma, 14 ottobre 1964) è una showgirl, attrice e coreografa italiana.

Indice

BiografiaModifica

Ha frequentato una scuola di danza gestita da Renato Greco e Maria Teresa Del Medico, quindi viene notata da Pier Francesco Pingitore e Mario Castellacci che le propongono di lavorare al Bagaglino, programma in cui rimane per molti anni come primadonna partecipando a diverse trasmissioni televisive del gruppo come Creme Caramel, Bucce di banana, Mi consenta.[1] Nello stesso periodo è stata modella in servizi di fotografia glamour, apparendo integralmente nuda su diverse riviste fra le quali Excelsior[2], Playboy e Playmen[3].

Nell'estate del 1992 è stata una delle vallette del TG delle vacanze. Come soubrette e ballerina ha partecipato a più programmi, tra i quali Cocco, Stasera mi butto e Biberon. Sempre nello stesso anno ha presentato insieme ad Angela Melillo, Teo Teocoli e Gene Gnocchi la prima edizione di Scherzi a parte. Grazie alla popolarità ottenuta nei primi anni novanta, nel 1994 ha avuto una parte nel film S.P.Q.R. 2000 e ½ anni fa di Carlo Vanzina, che la riportò poi al cinema nel 2005 ne Il ritorno del Monnezza.[4]

Divenuta direttrice artistica della Angel's Gate Studio scuola di Danza, ha firmato come autrice i brani Metamorfosi e Ogni piccola cosa di te di Raf (suo marito dal 1996, dal quale ha avuto i figli Bianca nel 1996 e Samuele nel 2000), curando come direttore artistico il Metamorfosi Tour e DVD. Dal 2009 ha inoltre curato le coreografie della trasmissione Domenica Cinque.[5]

FilmografiaModifica

NoteModifica

  1. ^ Gianfranco Gramola, Gabriella Labate (attrice, cantante e ballerina), su Intervisteromane.net, 10 giugno 2011.
  2. ^ Excelsior n. 44, settembre 1989, Tivvù calda - Il nudo di Gabriella - la bella di "Cocco"
  3. ^ Gabriella Labate, su www.ilpaesedicuccagna.it. URL consultato l'11 febbraio 2017.
  4. ^ filmitalia.org - IL RITORNO DEL MONNEZZA - archive 2005
  5. ^ Domenica 5 - Canale 5 - Domenica Cinque - TV Mediaset.it Archiviato il 3 gennaio 2010 in Internet Archive.

Collegamenti esterniModifica