Apri il menu principale

Gaetano Grano (Messina, 21 novembre 1754Messina, 13 marzo 1828) è stato un latinista e letterato italiano. Fu inoltre storico, antiquario, studioso di numismatica e paleografia, di storia naturale, fisica, filosofia e legge.

Indice

BiografiaModifica

Terzultimo genito di una nobile casata siciliana, fu educato dai Gesuiti, fu precettore di retorica nella Reale Accademia Carolina, della quale, nel 1780, gli fu conferita la carica di bibliotecario, che mantenne fino alla morte nel 1828. Nel 1784 si laureò in medicina. Priore di S. Maria della Latina nel 1786. Nel 1789 è nominato Giudice ecclesiastico della Regia Udienza e nel 1791 divenne Giudice delegato della Regia Monarchia in Messina. Fu nel 1806 tra i fondatori del Museo Civico Peloritano. Nel 1814 venne fatto membro della commissione per la compilazione dei codici del Regno delle Due Sicilie. Fu più volte Presidente dell'Accademia Peloritana dei Pericolanti e Socio dell’Accademia degli Zelanti di Acireale. Giudice Interino del Regio Tribunale di Monarchia in Sicilia nel 1817 e sempre nello stesso anno divenne Abate-Regio Priore di S. Andrea di Piazza, fu inoltre Vescovo in Partibus della Santissima Basilica di Terra Santa, Consigliere del Re delle Due Sicilie Ferdinando IV di Borbone e nel 1821 Luogotenente Generale in Sicilia, (Viceré), carica da lui rifiutata. [1].

Attività letterariaModifica

Fu in corrispondenza con numerosi personaggi di rilievo della cultura del tempo come Domenico Scinà, il Landolina ed il Gregorio. In particolar modo collaborò con Jakob Philipp Hackert per la stesura delle “Memorie De' Pittori Messinesi 1792”, dove il Grano vi soppresse il proprio nome all'atto della pubblicazione e come riconobbe lo stesso Hackert, “le notizie per la stesura di un così corposo testo gli venivano dal Monsignor Gaetano Grano.” Collaborò anche con l'Abate Lazzaro Spallanzani contribuendo non poco allo svolgimento del testo “Viaggi alle due Sicilie e in alcune parti dell'Appennino”. [2]. Nella sua dimora, Palazzo Grano [3].era presente una delle più pregiate collezioni naturalistiche del meridione oltre ad una splendida pinacoteca dove tra gli altri spiccava una tela del Tintoretto. Collezione dispersa in seguito, dal pronipote il Cav. Giuseppe Grano-Castelli. Monsignor Grano pubblicò poco dei suoi lavori. Di lui si ricorda “L'Orazione per la morte di Carlo III di Borbone”, Napoli 1789; “Osservazioni sugli ultimi terremoti del Perù paragonati con quei di Sicilia e Calabria” 1797, che possono leggersi nell'ottantesimo volume del “Giornale letterario di Napoli”. Scrisse la “Guida alla Città di Messina” pubblicata nel 1826, anche per questa opera il Grano volontariamente vi soppresse il nome. Si ricordano Le Iscriptiones e i Carmina che furono raccolti da Giovanni Rosso e portati alla pubblicazione postumi nel 1829. Solo 180 anni dopo sono stati ripubblicati i testi: Memorie De' Pittori Messinesi e la Guida alla Città di Messina, con il suo nome.

OnoriModifica

Un busto in marmo, opera del Franzoni, discepolo del Canova e di Bertel Thorvaldsen, fu posto per volontà del senato cittadino nella sala del Museo Civico Peloritano, busto distrutto nel disastroso terremoto di Messina del 1908.

Anche l'Accademia Peloritana dei Pericolanti commissionò un ritratto di Monsignor Grano e ugualmente questa opera andrà persa nel terremoto del 1908.

Mentre il Monumento funebre in marmo sempre del Franzoni un tempo collocato nella chiesa di S. Nicolò dei Cistercenzi, si trova oggi presso il Museo Regionale di Messina.

La Città di Messina ha dedicato una Via al Grano, attuale Via Monsignor Gaetano Grano.

NoteModifica

  1. ^ Caio Domenico Gallo, Gli annali della città di Messina Vol. sesto. Continuazione per G. Oliva, Messina pagine 240-243, Tip. Filomena, 1893.
  2. ^ Lazzaro Spallanzani, Viaggi alle due Sicilie e in alcune parti dell’Appennino pp. 150-151, …Pavia IV, 1793.
    «ringraziamento a monsignor Grano: Colgo con vero piacere…per rendere dinanzi al pubblico la meritata giustizia …a questo…mio Amico, Nobile Messinese…volle accompagnarmi nelle diverse mie escursioni…la sua compagnia mi fu molto proficua…fornirmi diverse notizie locali…rendere più interessanti i miei racconti …».
  3. ^ V. Scarcella, Cenni biografici di mons. Gaetano Grano pagine 36, Il Maurolico, 1842.
    «…avreste chiamato il palazzo Grano il santuario delle lettere e della sapienza…».

BibliografiaModifica

  • Giuseppe Noto, Elogio del dotto prelato monsignore don Gaetano Grano, Firenze, co' tipi di G. Marenich, 1828.
  • Enrico Iachello, I Borbone in Sicilia (1734-1860) G. Maimone, 1998.
  • Alessio Narbone, Istoria della letteratura siciliana, Carini, 1857.
  • L. Lanzi, Storia pittorica della Italia dal risorgimento delle belle arti fin presso al fine del XVIII. Secolo, Volumi 5-6, N. Capurro, 1816.
  • Guida per la città di Messina, G. Fiumara, 1841.
  • Archivio storico messinese, Volumi 3-4, 1903.
  • Prospetto della storia letteraria di Sicilia nel secolo decimottavo, 1869.
  • Bibliografia Siciliana, Gran dizionario bibliografico, Giuseppe Maria Mira, G.B. Gaudiano, 1875.
  • Jacob Philipp Hackert: paesaggi del Regno, Philipp Hackert, Artemide, 1997.
  • Giovanni Melonia: Memoria dè Pittori Messinesi, F. Hackert – G. Grano, Edizioni di Nicolò Me, 2000.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN90328978 · ISNI (EN0000 0000 6273 0659 · SBN IT\ICCU\SBLV\094677 · BNF (FRcb10311304b (data) · BAV ADV10066816 · WorldCat Identities (EN90328978
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie