Apri il menu principale
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Galium lucidum
Galium lucidum 1.jpg
Galium lucidum
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Superordine Lamianae
Ordine Gentianales
Famiglia Rubiaceae
Genere Galium
Specie G. lucidum
Nomenclatura binomiale
Galium lucidum
All.
Nomi comuni
  • Caglio lucido (Italia)
  • Ciandelute (Friuli)
  • Ciandeluzze (Friuli)
  • Erba vedellina (Lombardia, Valtellina)

Galium lucidum All., detto comunemente caglio lucido, è una pianta appartenente alla famiglia delle Rubiacee.[1]

Indice

EtimologiaModifica

Dal greco γάλα gála latte: in quanto alcune specie appartenenti a questo genere venivano usate per cagliare il latte; lucidum: da lucidus lucido: per l'aspetto generale di parti della pianta.[2]

DescrizioneModifica

Si presenta come una pianta erbacea pianta perenne, eretta. Il frutto schizocarpico è un achenario, con 2 mericarpi di 1,2-2 mm, subreniformi o oblunghi, bruni o bruno-giallastri, o bruno nerastri, glabri o raramente con peli sparsi. Fiorisce da maggio a settembre.[3]

 
Fiori di "Galium lucidum"

Distribuzione e habitatModifica

É una specie a distribuzione eurimediterranea presente, con due sottospecie, in tutte le regioni d'Italia. Cresce nei prati aridi, su rupi e ghiaioni, su substrati calcarei ma anche marnoso arenacei, su suoli piuttosto superficiali, aridi d'estate, dal livello del mare alla fascia montana.[4]

SottospecieModifica

  • Galium lucidum subsp. cinereum (All.) O. Bolòs & Vigo
  • Galium lucidum subsp. lucidum
  • Galium lucidum subsp. venustum (Jord.) Arcang.

NoteModifica

Altri progettiModifica

  Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica