Apri il menu principale
Galleria della Guinza
StatoItalia Italia
LocalizzazioneUmbria Umbria
Marche Marche
Coordinate43°36′45.99″N 12°17′35.81″E / 43.612776°N 12.293281°E43.612776; 12.293281Coordinate: 43°36′45.99″N 12°17′35.81″E / 43.612776°N 12.293281°E43.612776; 12.293281
LineaStrada europea E78
PortaliMercatello sul Metauro - San Giustino
Lunghezza5,96 km
Altitudine581 m s.l.m.
N° di canne1
Annotazioni
In costruzione

La galleria della Guinza è un traforo stradale a canna unica, completato allo stato grezzo[1] ma non ancora aperto al traffico, situato politicamente nell'Appennino umbro-marchigiano, situata fra Bocca Trabaria a nord e Bocca Serriola a sud. La sua costruzione rientra nel più ampio progetto di realizzazione della strada europea E78, comunemente nota con il nome di superstrada Fano - Grosseto o Superstrada dei Due Mari, andando a creare un asse trasversale, oggi mancante, tra il versante adriatico e quello tirrenico di questa parte dell'Italia centrale.[2] L'E78 fa parte della rete stradale trans-europea [3].

Indice

Caratteristiche e ubicazioneModifica

La galleria ha inizio sul versante marchigiano nel territorio del comune di Mercatello sul Metauro (PU), dove il tracciato della costruenda E78, per ora solo impostato, lascia la valle del fiume Metauro per risalire lo stretto canalone del torrente Sant'Antonio, alla sommità del quale in località Guinza a circa 650 metri di quota è situato il portale d'ingresso. Dopo un percorso di 5.960 metri[4] il tunnel termina sul versante umbro ad ovest di località Parnacciano, nel comune di San Giustino (PG), da dove la strada dovrebbe ridiscendere verso la Val Tiberina. La sua lunghezza ne farebbe il sesto tunnel per estensione in territorio italiano.

Storia e progetti futuriModifica

Il progetto di un traforo a doppia canna attraverso l'Appennino come asse portante della nuova superstrada Fano - Grosseto risale agli anni ottanta. I lavori per lo scavo del primo tubo, costati circa 500 miliardi di lire, sono iniziati negli anni novanta e si sono conclusi nel 2004. Da allora i cantieri si sono interrotti a causa dei finanziamenti mancanti per la costruzione del secondo tubo e di indecisioni riguardo al tracciato di collegamento con la strada europea E45 sul versante umbro. Negli ultimi mesi del 2009 tuttavia il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Altero Matteoli ha promesso la ripresa dei lavori in tempi brevi. Una volta completata, l'opera assicurerà un collegamento veloce tra Marche e Toscana, prendendo il posto dell'attuale e meno agevole percorso culminante nel valico di Bocca Trabaria a 1.049 metri di quota, il quale presenta caratteristiche di strada di montagna.

I tratti realizzati sono rimasti inutilizzabili, per cui l'opera può essere considerata un'incompiuta.[5][6]

Nel 2018 la progettazione Anas si è concentrata in modo esclusivo sul tratto tra Parnacciano nel Comune di San Giustino e Mercatello sul Metauro; il progetto definitivo prevedeva l’apertura della galleria della Guinza e della restante parte dell’infrastruttura già realizzata in territorio marchigiano ad unica carreggiata con doppio senso di marcia e l'immissione temporanea del traffico nella viabilità ordinaria (nella strada comunale passante per Mercatello, via Ca’ Lillina),[7]. Il progetto è passato al vaglio del Consiglio superiore dei lavori pubblici[8] nel Novembre 2018 la cui indicazione è stata quella di riprendere il vecchio progetto a due carreggiate[9] che quindi prevede la realizzazione della seconda canna della galleria della Guinza.

Nel mese di Maggio 2018 il Ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli ha annunciato la nomina di un commissario straordinario per il completamento della Galleria della Guinza[10].

La galleria, essendo parte della rete stradale trans-europea, ricade in ambito di applicazione della direttiva europea 54/2004 riguardante i requisiti minimi di sicurezza per gallerie della rete stradale trans-europea con lunghezza superiore a 500m[11]. Ne consegue che qualsiasi progettazione finalizzata all'apertura al traffico della galleria dovra' seguire rigidi criteri atti a garantire il transito dei veicoli nella galleria con elevati criteri di sicurezza. Cio' aumenterà anche i tempi di realizzazione.

CuriositàModifica

  • La galleria è stata oggetto di una manifestazione di protesta durata per tre giorni e due notti con pernottamento in tenda, dal 24 ottobre 2010 al 26 ottobre 2010, da parte dei presidenti delle Province più direttamente coinvolti alla realizzazione dell'infrastruttura: presidente della Provincia di Pesaro e Urbino Matteo Ricci, presidente della Provincia di Perugia Marco Vinicio Guasticchi e presidente della Provincia di Arezzo Roberto Vasai, per protestare contro gli eterni ritardi nella realizzazione dell'opera.[12][13]
  • A fine marzo del 2012 la galleria è stata sgomberata poiché all'interno era stata installata una segheria di legname abusiva.[14][15]
  • Il Comitato intervalle "Apriamo la Guinza" composto da cittadini dell'Alta Valle del Tevere umbra e Toscana, dell'Alta valle del Metauro e della Valle del Foglia, ha raccolto oltre 3500 firme al fine di chiedere la messa in sicurezza, l'ammodernamento ed il collegamento alla viabilità ordinaria di fondo valle (ss73/bis e ss3/bis), con una moderna 2 corsie, della galleria e degli oltre 4 km di infrastruttura viaria a quattro corsie realizzati e abbandonati nel comune di Mercatello sul Metauro.
  • l'ex consigliere regionale dell'Umbria Gianluca Cirignoni (Lega Nord) ed ex commissario per il partito in Umbria ha organizzato, insieme ai militanti leghisti, svariati "Guinza Day" il primo dei quali nel 2008 con presidio diurno e notturno della galleria abbandonata; nel corso di questi eventi i militanti hanno percorso in auto ed a piedi in notturna il tratto di circa 12 km di strada sterrata che collega i due ingressi del tunnel, oltre che percorrere a piedi il tunnel stesso.[16]
  • l'ex consigliere regionale dell'Umbria Gianluca Cirignoni ha scritto un libro ambientato nei luoghi della Guinza e nella Galleria stessa intitolato "Tunnel di Paura" la cui trama gira intorno alla galleria abbandonata e alla sua costruzione.[17]

NoteModifica

  1. ^ Ecco la galleria fantasma: iniziata nel 1989 e regina delle incompiute, costata già almeno 150 milioni (se non il doppio), su Video Corriere. URL consultato il 6 maggio 2016.
  2. ^ Via dei due mari, utopia durata 40 anni Ma adesso qualcosa sembra muoversi dal sito web corriere.it, su corriere.it. URL consultato il 17 luglio 2011.
  3. ^ Trans-European Transport Network TENTEC - Maps - European Commission, su ec.europa.eu. URL consultato il 13 maggio 2019.
  4. ^ Galleria Guinza e riapertura “Bocca Trabaria”, Marchetti, Lega, interroga ministro Toninelli, Altotevere oggi, 23 ottobre 2018.
  5. ^ Galleria della Guinza simbolo della grande incompiuta E/78 dal sito web umbrialeft.it, su umbrialeft.it. URL consultato il 17 luglio 2011.
  6. ^ il 23 settembre nuova occupazione della galleria della Guinza dal sito web laprovinciamarche.it, su laprovinciamarche.it. URL consultato il 17 luglio 2011.
  7. ^ E78, finalmente un po’ di chiarezza, su siategentili.wordpress.com, 31 luglio 2018.
  8. ^ Patrizia Bartolucci, Fano Grosseto, galleria della Guinza agli atti finali, in Il Resto del Carlino, 29 ottobre 2018.
  9. ^ Redazione, Orsini (Articolo 1) : "Galleria della Guinza a doppia canna. Tutto è bene quel che finisce bene.", su Umbria notizie web. URL consultato il 9 dicembre 2018.
  10. ^ Fano-Grosseto, a breve nomina commissario per l'ultimazione della Guinza. Accoto (M5S): "Priorità per Governo", su www.viverefano.com. URL consultato il 13 maggio 2019.
  11. ^ Direttiva 2004/54/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2004, relativa ai requisiti minimi di sicurezza per le gallerie della Rete stradale transeuropea, OJ L, 32004L0054, 30 aprile 2004. URL consultato il 13 maggio 2019.
  12. ^ Da domani l'occupazione della galleria della Guinza dal sito web terninrete.it, su terninrete.it. URL consultato il 1º aprile 2012.
  13. ^ Fano-Grosseto, occuperemo la galleria della Guinza, in Il Resto del Carlino, 14 luglio 2010.
  14. ^ Alberto Pierini, Due Mari, galleria fantasma usata come segheria abusiva Lo scandalo della Guinza diventa la parabola della grande incompiuta, in La Nazione, 24 marzo 2012.
  15. ^ Alberto Pierini, Sgomberata la segheria abusiva nelle gallerie della Guinza, in Il Resto del Carlino, 15 marzo 2012.
  16. ^   Umbria regione autonoma, Guinzaday, su YouTube, 23 settembre 2009.
  17. ^ Cristina Belvedere, "Tunnel di paura", l’ex consigliere Cirignoni ora diventa scrittore, in La Nazione, 28 novembre 2015.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica