Apri il menu principale

Ganja Fiction (film)

film del 2012 diretto da Mirko Virgili
Ganja Fiction
Lingua originaleItaliano
Paese di produzioneItalia
Anno2013
Durata120 min versione integrale (versione YouTube del 2015 82 min)
Rapporto2,35:1
Generecommedia, azione
RegiaMirko Virgili
SoggettoMirko Virgili
SceneggiaturaGuido Ludovici
Produttore esecutivoSamuel Masi
Casa di produzioneSpoilt
FotografiaSamuel Masi
MontaggioMirko Virgili
MusicheVilla Ada Posse, Raina, Lion D, Radici nel Cemento, Quartiere Coffee, Noyz Narcos, Gast ft. Cole, Rastaciccio, PMK
Interpreti e personaggi

Ganja Fiction è un film del 2013 diretto da Mirko Virgili.

I temi del film sono essenzialmente la droga e il vizio del gioco, nonché la costante sempre più assidua necessità di fuggire da una società e una realtà sempre più asfissiante. Il tutto visto però, attraverso una frizzante e leggera commedia condita da inaspettate sfumature pulp. Protagonisti della storia sono una galleria composita di diversi personaggi, ognuno testimone della propria realtà, delle proprie ossessioni, in un giorno qualunque a Roma.

Il film, prodotto tra il 2012 e il 2013, dopo la presentazione ufficiale alla Casa del Cinema di Roma nel giugno del 2013 è stato distribuito in chiaro sulla piattaforma YouTube nel 6 aprile 2015 con l'aggiunta di alcune scene tagliate.

TramaModifica

Becchino, giovane romano, è alle prese con un amore non corrisposto nei confronti di Bianca, la bella titolare del negozio di pompe funebri dove lavora.

In suo aiuto interviene Sasà, amico e collega napoletano, incline a piccoli furtarelli e con un chiodo fisso, la marijuana. Sasà convince Becchino che per far breccia nel cuore di Bianca servono soprattutto i soldi. La soluzione veloce ai problemi, sembra essere una partita di Texas hold 'em truccata, una vincita apparentemente sicura, dove a farne le spese dovrebbe essere un fantomatico ricco chirurgo. Per partecipare però servono centomila euro ed una forte dose di coraggio. Convinti dell'affare, chiedono un prestito a 'O Varano, strozzino nonché camorrista di zona, che pretende la restituzione del denaro entro un solo giorno.

La partita truccata si rivela in realtà un bluff, non esiste nessun chirurgo ma soltanto una banda di abili imbroglioni che, in un'unica mano, si portano a casa l'intero malloppo. Costretti a dover restituire in brevissimo tempo i soldi a 'O Varano, Becchino è di nuovo succube delle decisioni del suo amico napoletano, ossia rubare un grosso quantitativo di marijuana dalla casa del suo spacciatore di fiducia, Mr. Nice.

Con l'aiuto di Spadino, scaltro scassinatore, mettono in atto il colpo, con tanto di maschere e pistole. Qualcosa va storto. Anziché trovare la marijuana, si ritrovano una casa svaligiata e Mr. Nice imbavagliato ed ammanettato sul letto. Qualcun altro ha avuto la loro stessa idea ed è stato più veloce. Quel qualcuno si chiama Mr. Grady, gay col vizio dei cavalli e protagonista di una delle storie parallele. Con l'acqua alla gola per via dei debiti con l'allibratore strozzino Er Conte, un uomo cinico e molto violento, si vede costretto a compiere il colpo della famosa erba fragola di Mr. Nice.

Tutto si complica quando entrano in scena tre giovani guardie, poco inclini alla divisa e molto inclini alla famosa erba al sapor di fragola. Tutte le storie finiscono per amalgamarsi e fondersi in un'unica strada, quella che porta ad Amsterdam, dove, tra coffeeshops e i canali della capitale olandese, si concluderanno le avventure e le fughe dei due protagonisti.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema