Gary (Indiana)

città degli Stati Uniti d'America nello stato dell'Indiana

Gary è una città della contea di Lake, Indiana, Stati Uniti, situata a 40 km dal centro di Chicago, Illinois. È adiacente al Parco Nazionale delle dune dell'Indiana e si affaccia sulla riva sud del lago Michigan.[1][2]

Gary
city
(EN) City of Gary
Gary – Stemma
Gary – Veduta
Gary – Veduta
Il municipio
Localizzazione
StatoBandiera degli Stati Uniti Stati Uniti
Stato federato Indiana
ConteaLake
Amministrazione
SindacoKaren M. Freeman-Wilson (D)
Territorio
Coordinate41°34′51″N 87°20′44″W
Altitudine184 m s.l.m.
Superficie128,85191 km²
Abitanti69 093 (01-04-2020)
Densità536,22 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale46401-46411
Prefisso219
Fuso orarioUTC-6
Cartografia
Mappa di localizzazione: Stati Uniti d'America
Gary
Gary
Gary – Mappa
Gary – Mappa
Sito istituzionale

A Gary all'inizio del Novecento furono costruite dalla United States Steel le acciaierie Gary Works, all'epoca il più grande centro siderurgico del mondo, che attualmente sono ancora il maggiore impianto per produzione di acciaio attivo negli Stati Uniti.

Oltre che per l'industria siderurgica che fu all'origine della sua stessa fondazione, negli ultimi decenni del XX secolo Gary divenne popolare anche in quanto città natale di The Jacksons – il gruppo musicale composto dai cinque fratelli Jackson tra cui Michael, futura popstar internazionale – e delle loro sorelle Rebbie, La Toya e Janet, anch'esse coinvolte a vario titolo nel mondo dello spettacolo.[3]

Geografia fisica

modifica

Secondo lo United States Census Bureau, ha un'area totale di 128,85191 km²

Gary fu fondata nel 1906 dalla United States Steel Corporation come sede del nuovo impianto, chiamato Gary Works. Fu intitolata all'avvocato Elbert H. Gary che della U.S. Steel fu il presidente fondatore. Fu una delle prime città statunitensi ad avere un sindaco nero, Richard G. Hatcher, eletto nel 1967.

Società

modifica

Evoluzione demografica

modifica

Fu città prospera dagli anni '20 alla metà degli anni '60 grazie al boom dell'industria siderurgica, ma la concorrenza dei prodotti realizzati oltreoceano e la ristrutturazione dell'industria stessa comportarono un declino e una conseguente perdita di posti di lavoro. L'analisi del declino economico di Gary non può essere separata dalla lunga storia di segregazione razziale della città. Inizialmente, molti nuovi arrivati in città erano immigrati bianchi europei. In seguito anche alcuni afroamericani emigrarono dal profondo sud per sfuggire alle leggi di Jim Crow, sebbene le cose non andassero molto meglio per loro a Gary. I lavoratori neri erano spesso emarginati e isolati a causa della discriminazione. Durante la seconda guerra mondiale, "era diventata una città completamente segregata con convinti elementi razzisti", anche dalle popolazioni che la abitavano, al punto che negli anni '80, i cittadini bianchi se ne andarono perché "iniziarono a vedere arrivare i neri", un fenomeno tipicamente noto come "white flight", letteralmente "fuga dei bianchi".[4]

Dalla fine degli anni 1960, Gary subì una drastica perdita di popolazione, scendendo del 55% dal picco di 178.320 abitanti nel 1960.[5] La città affronta le difficoltà di molte città della Rust Belt, tra cui disoccupazione, infrastrutture in decadenza e bassi livelli di alfabetizzazione e di istruzione. Si stima che quasi un terzo delle case della città siano sfitte o abbandonate. Fino agli anni '70 Gary era nota come "città del secolo"; negli anni '90 invece, si guadagnò il titolo di "capitale degli omicidi".[4]

Secondo il censimento del 2020[6], la popolazione era di 69.093 abitanti, il che la rende la nona città dell'Indiana per numero di abitanti; la composizione etnica della città era formata dal 10,62% di bianchi, l'80,25% di afroamericani, lo 0,39% di nativi americani, lo 0,19% di asiatici, lo 0,02% di oceaniani, il 3,31% di altre razze, e il 5,22% di due o più etnie.

Amministrazione

modifica

Gemellaggi

modifica

Voci correlate

modifica
  1. ^ Stephanie Smith e Steve Mark, Alice Gray, Dorothy Buell, and Naomi Svihla: Preservationists of Ogden Dunes, in The South Shore Journal, vol. 1, 2006, pp. 15–21, ISSN 1933-8163 (WC · ACNP). URL consultato il 21 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 13 settembre 2012).
  2. ^ Stephanie Smith, The Historical Roots of The Nature Conservancy in the Northwest Indiana/Chicagoland Region: From Science to Preservation, su southshorejournal.org, South Shore Journal. URL consultato il 21 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2016).
  3. ^ Brendan Donley, A Day at the Beach in, Yes, Gary, Indiana, in The New York Times, 22 agosto 2017. URL consultato il 21 ottobre 2018.
  4. ^ a b (EN) Natasha Ishak, Jaclyn Anglis, 33 Haunting Photos Of Gary, Indiana - ‘The Most Miserable City In America’, su allthatsinteresting.com, 16-18 dicembre 2019. URL consultato il 24 ottobre 2023.
  5. ^ (EN) Pamela Engel, Gary, Indiana Is Deteriorating So Much That It May Cut Off Services To Nearly Half Of Its Land, in Business Insider, 20 giugno 2013. URL consultato il 21 ottobre 2018.
  6. ^ American FactFinder, su data.census.gov, United States Census Bureau. URL consultato il 24 ottobre 2023.
  7. ^ Mayor Clay's Statement on Gary's 1st Trade Mission to China: Press Statement (PDF), su gary.in.us, 22 maggio 2008. URL consultato il 21 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 9 giugno 2009).
  8. ^ Gary Indiana (PDF), su US Sister Cities by State with Affiliated African Countries. URL consultato il 21 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 21 novembre 2015).
  9. ^ State, The Kokomo Tribune from Kokomo, Indiana, 25 novembre 1991, p. 21.

Altri progetti

modifica

Collegamenti esterni

modifica
Controllo di autoritàVIAF (EN140344971 · GND (DE4086676-2 · BNF (FRcb12426877s (data) · WorldCat Identities (ENviaf-140344971
  Portale Stati Uniti d'America: accedi alle voci di Wikipedia che parlano degli Stati Uniti d'America