Apri il menu principale

Gary Lineker

allenatore di calcio, conduttore televisivo ed ex calciatore inglese
Gary Lineker
Gary Linekar.jpg
Lineker nel 2009
Nazionalità Inghilterra Inghilterra
Altezza 177 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Ritirato 1994 - giocatore
Carriera
Giovanili
1976-1978 Leicester City
Squadre di club1
1978-1985Leicester City194 (95)
1985-1986Everton41 (30)
1986-1989Barcellona103 (42)
1989-1992Tottenham105 (67)
1992-1994Nagoya Grampus23 (9)
Nazionale
1984-1992 Inghilterra Inghilterra 80 (48)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 31 dicembre 1995

Gary Winston Lineker (Leicester, 30 novembre 1960) è un allenatore, conduttore televisivo ed ex calciatore inglese, di ruolo attaccante.

Ritenuto uno dei migliori calciatori britannici della storia[1][2] e uno dei migliori attaccanti di tutti i tempi,[3][4][5] Gary Lineker iniziò la propria carriera agonistica con la squadra del suo paese natale, il Leicester City,[6] con il quale collezionò 194 presenze e 95 gol, affermandosi come uno dei maggiori talenti della sua generazione,[6][7][8] oltre a trascinare il club alla vittoria della Football League Championship nella stagione 1984-1985.[9] Dopo una breve parentesi con l'Everton (30 reti in 41 apparizioni),[10] Lineker legò il suo successo da professionista al periodo compreso tra la seconda metà degli anni 1980 e la prima metà degli anni 1990, nel quale vestì le maglie di club blasonati come il Barcellona e il Tottenham Hotspur.[11][12] Nel suo palmarès può vantare una Coppa di Spagna, una Coppa d'Inghilterra, due Charity Shield e una Coppa delle Coppe.[12]

Con 48 reti realizzate in 80 presenze è il terzo miglior marcatore di sempre della propria nazionale dietro a Wayne Rooney e Bobby Charlton;[13] al campionato del mondo 1986, svoltosi in Messico, si laureò capocannoniere del torneo con 6 gol,[14] vincendo inoltre la Scarpa d'oro, diventando il primo calciatore inglese a essere insignito di tale riconoscimento.[15][16] Sempre con la nazionale, con 10 reti realizzate, è il miglior marcatore di sempre della propria nazionale nelle Coppe del Mondo FIFA.[17] Tra nazionale inglese e squadre di club segnò da professionista 291 gol in 546 match ufficiali[18].

Nel marzo 2004 è stato inserito da Pelé all'interno della FIFA 100, la lista dei 125 migliori giocatori viventi redatta in occasione del centenario della FIFA, mentre il 25 maggio 2005 è entrato di diritto nella Hall of Fame del calcio inglese.[19]

Nel corso della sua carriera Lineker si è sempre distinto per correttezza e sportività, non venendo mai ammonito o espulso.[20][21] Per questo motivo nel 1990 gli è stato assegnato il FIFA Fair Play Award.[22]

Indice

BiografiaModifica

 
Lineker a Milano nel 1987

Nato a Leicester, nell'Inghilterra centrale, da Margaret Abbs e Barry Lineker,[23] i suoi genitori gli diedero il secondo nome di Winston in ragione della coincidenza del suo giorno di nascita, il 30 novembre, con quello dell'uomo politico britannico Winston Churchill.[24][25] Ha un fratello maggiore, Wayne, di due anni più grande, con il quale mosse i suoi primi passi nel mondo del calcio.[25]

Lineker frequentò la Caldecote Road School,[26] nel quartiere di Braunstone Park, a Leicester, nonostante risiedesse con i genitori nella periferia del centro; durante il liceo, invece, seguì gli studi presso il City of Leicester College, a Downing Drive, nel distretto di Evington. All'età di 16 anni s'iscrisse a diversi sport, tra cui rugby e cricket, giocando anche nella squadra della sua scuola;[27] solo successivamente decise di intraprendere la carriera calcistica.[28]

Nel 1976 Lineker venne ingaggiato dal Leicester City, squadra con la quale militò nelle giovanili.[27]

CarrieraModifica

ClubModifica

Con la formazione della città natale milita, a livello professionistico, dal 1978 al 1985 laureandosi capocannoniere della Premier League nell'ultima stagione (1984-85).[2][29] I 24 gol segnati attirano su di lui l'interesse dell'Everton, dove rimane per un solo anno ripetendo comunque l'impresa (stavolta con 30 reti).[29] Nell'estate 1986, passa così al Barcellona siglando un accordo valido fino al 1992.[30] In maglia catalana si aggiudica due trofei nazionali (Coppa del Re e Supercoppa di Spagna) ed inaugura il suo palmarès continentale, vincendo la Coppa delle Coppe nel 1989.[31] È inoltre ricordato dai tifosi blaugrana per una tripletta che, nel 1987, decise el Clásico con il Real Madrid (3-2).[29]

 
Lineker in azione al Barcellona, tra il difensore Rabat e il portiere Bats del PSG, in occasione della Coppa Super Clubs 1987.

Nel 1989 fece ritorno, anzitempo, in patria firmando per il Tottenham.[29] Con gli Spurs, dove si aggiudicò per la terza volta il riconoscimento di miglior marcatore (24 gol nella stagione 1989-90), vinse una coppa d'Inghilterra e due Supercoppe.[29][32] Terminò la propria carriera in Giappone, difendendo i colori del Nagoya Grampus dal 1993 al 1995.[29][33] Durante la sua carriera, malgrado l'alto numero di partite giocate, non ha mai ricevuto alcuna sanzione disciplinare.[1][29][34]

NazionaleModifica

In Nazionale conta 80 presenze e 48 gol, cifra che lo rende il terzo realizzatore di sempre dei Leoni dopo Rooney (50 centri) e Charlton (49 marcature).[29] Esordì il 26 maggio 1984, nell'amichevole pareggiata 1-1 contro la Scozia.[29]

 
Lineker in azione con l'Inghilterra al campionato del mondo 1990, nella sfida dei quarti di finale contro il Camerun, in cui siglò una decisiva doppietta su rigore per il successo inglese (3-2).

Ai Mondiali 1986, realizzò la tripletta contro la Polonia grazie a cui gli inglesi superarono il girone[35]; negli ottavi, fu ancora protagonista segnando una doppietta nel 3-0 al Paraguay.[36] L'ultimo gol della manifestazione venne messo a segno contro l'Argentina nei quarti, gara che sancì l'addio dei britannici al torneo.[37] Con 6 marcature, risultò il primo inglese a vincere il titolo di cannoniere dei Mondiali.[29] Nell'edizione successiva andò invece a bersaglio per 4 volte, distinguendosi per la doppietta rifilata al Camerun (sconfitto per 3-2) negli ottavi di finale.[38] Come ammesso da lui stesso anni dopo, nella partita con l'Irlanda valida per la fase a gruppi (incontro in cui segnò un gol), defecò in campo dopo aver subìto un fallo.[39] Le 10 reti realizzate nei due tornei lo rendono il giocatore inglese più prolifico nella fase finale dei Mondiali, nonché il settimo nella classifica generale.[29]

Con la rappresentativa del suo paese, ha inoltre segnato 5 triplette e 2 quaterne (unico a riuscire nell'impresa): in entrambi i casi, contribuì ad una vittoria esterna per 4-2 (con la Spagna nel 1987 e con la Malaysia nel 1991).[40][41] Con l'allenatore Graham Taylor trovò minor spazio, tanto da venire escluso dopo un periodo opaco in fatto di gol (non segnò per 5 partite consecutive).[29] Lasciò la Nazionale dopo l'Europeo 1992, terminato per i Leoni nella prima fase.[42]

Dopo il ritiroModifica

Lineker conduce su BBC One, Match Of The Day, dove, coadiuvato da Alan Hansen e Mark Lawrenson in qualità di opinionisti e analisti, presenta le sintesi delle partite di Premier League.

Il 28 maggio 2011 è stato l'ambasciatore della finale della UEFA Champions League allo stadio Wembley di Londra.[43]

StatisticheModifica

Tra club e nazionale maggiore, Lineker ha giocato globalmente 546 partite segnando 291 reti, con una media di 0,53 gol a partita.[44]

Presenze e reti nei clubModifica

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1978-1979   Leicester City SD 7 1 FACup+CdL - - - - - - - - 7 1
1979-1980 SD 19 3 FACup+CdL 1+0 0 - - - - - - 20 3
1980-1981 FD 9 2 FACup+CdL 1+0 1 - - - - - - 10 3
1981-1982 SD 39 17 FACup+CdL 5+3 2+0 - - - - - - 47 19
1982-1983 SD 40 26 FACup+CdL 1+2 0 - - - - - - 43 26
1983-1984 FD 39 22 FACup+CdL 1+1 0 - - - - - - 41 22
1984-1985 FD 41 24 FACup+CdL 4+3 3+2 - - - - - - 48 29
Totale Leicester City 194 95 22 8 - - - - 216 103
1985-1986   Everton FD 41 30 FACup+CdL 6+5 5+3 - - - - - - 52 38
1986-1987   Barcellona PD 41 20 CR 1 1 CU 8 0 - - - 50 21
1987-1988 PD 36 16 CR 5 2 CU 8 2 - - - 49 20
1988-1989 PD 26 6 CR 4 1 CdC 7 4 SS 1 0 38 11
Totale Barcellona 103 42 10 4 23 6 1 0 137 52
1989-1990   Tottenham FD 38 24 FACup+CdL 1+6 0+2 - - - - - - 45 26
1990-1991 FD 32 15 FACup+CdL 6+5 3+1 - - - - - - 43 19
1991-1992 FD 35 28 FACup+CdL 2+5 0+5 CdC 7 2 CS 1 0 50 35
Totale Tottenham 105 67 25 11 7 2 1 0 138 80
1993   Nagoya Grampus J1 7 1 CI+CdL 0+5 4 - - - - - - 12 5
1994 J1 11 3 CI+CdL 0+1 0 - - - - - - 12 3
Totale Nagoya Grampus 18 4 6 4 - - - - 24 8
Totale carriera 461 238 74 35 30 8 2 0 567 281

Cronologia presenze e reti in nazionaleModifica

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Inghilterra
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
26/05/1984 Glasgow Scozia   1 – 1   Inghilterra Amichevole -
26/03/1985 Londra Inghilterra   2 – 1   Irlanda Amichevole 1
1/05/1985 Bucarest Romania   0 – 0   Inghilterra Qual. Mondiali 1986 -
25/05/1985 Glasgow Scozia   1 – 0   Inghilterra Amichevole -
6/06/1985 Città del Messico Inghilterra   1 – 2   Italia Amichevole -
12/06/1985 Città del Messico Inghilterra   3 – 0   Germania Est Amichevole -
16/06/1985 Los Angeles Stati Uniti   0 – 5   Inghilterra Amichevole 2
11/09/1985 Londra Inghilterra   1 – 1   Romania Qual. Mondiali 1986 -
16/10/1985 Londra Inghilterra   5 – 0   Turchia Qual. Mondiali 1986 3
13/11/1985 Londra Inghilterra   0 – 0   Irlanda del Nord Qual. Mondiali 1986 -
29/01/1986 Il Cairo Egitto   0 – 4   Inghilterra Amichevole -
26/03/1986 Tbilisi Jugoslavia   0 – 1   Inghilterra Amichevole -
24/05/1986 Burnaby Canada   0 – 1   Inghilterra Amichevole -
3/06/1986 Monterrey Portogallo   1 – 0   Inghilterra Mondiali 1986 - 1º turno -
6/06/1986 Monterrey Inghilterra   0 – 0   Marocco Mondiali 1986 - 1º turno -
11/06/1986 San Nicolás de los Garza Inghilterra   3 – 0   Polonia Mondiali 1986 - 1º turno 3
18/06/1986 Città del Messico Inghilterra   3 – 0   Paraguay Mondiali 1986 - Ottavi di finale 2
22/06/1986 Città del Messico Argentina   2 – 1   Inghilterra Mondiali 1986 - Quarti di finale 1
15/10/1986 Londra Inghilterra   3 – 0   Irlanda del Nord Qual. Euro 1988 2
12/11/1986 Londra Inghilterra   2 – 0   Jugoslavia Qual. Euro 1988 -
18/02/1987 Madrid Spagna   2 – 4   Inghilterra Amichevole 4
1/04/1987 Belfast Irlanda del Nord   0 – 2   Inghilterra Qual. Euro 1988 -
29/04/1987 Smirne Turchia   0 – 0   Inghilterra Qual. Euro 1988 -
19/05/1987 Londra Inghilterra   1 – 1   Brasile Amichevole 1
9/09/1987 Düsseldorf Germania Ovest   3 – 1   Inghilterra Amichevole 1
14/10/1987 Londra Inghilterra   8 – 0   Turchia Qual. Euro 1988 3
11/11/1987 Belgrado Jugoslavia   1 – 4   Inghilterra Qual. Euro 1988 -
23/03/1988 Londra Inghilterra   2 – 2   Paesi Bassi Amichevole 1
27/04/1988 Budapest Ungheria   0 – 0   Inghilterra Amichevole -
21/05/1988 Londra Inghilterra   1 – 0   Scozia Amichevole -
24/05/1988 Londra Inghilterra   1 – 1   Colombia Amichevole 1
28/05/1988 Losanna Svizzera   0 – 1   Inghilterra Amichevole 1
12/06/1988 Stoccarda Inghilterra   0 – 1   Irlanda Euro 1988 - 1º turno -
15/06/1988 Düsseldorf Inghilterra   1 – 3   Paesi Bassi Euro 1988 - 1º turno -
18/06/1988 Francoforte Inghilterra   1 – 3   URSS Euro 1988 - 1º turno -
19/10/1988 Londra Inghilterra   0 – 0   Svezia Qual. Mondiali 1990 -
16/11/1988 Riyadh Arabia Saudita   1 – 1   Inghilterra Amichevole -
8/02/1989 Atene Grecia   1 – 2   Inghilterra Amichevole -
8/03/1989 Tirana Albania   0 – 2   Inghilterra Qual. Mondiali 1990 -
26/04/1989 Londra Inghilterra   5 – 0   Albania Qual. Mondiali 1990 1
3/06/1989 Londra Inghilterra   3 – 0   Polonia Qual. Mondiali 1990 1
7/06/1989 Copenaghen Danimarca   1 – 1   Inghilterra Amichevole 1
6/09/1989 Stoccolma Svezia   0 – 0   Inghilterra Qual. Mondiali 1990 -
11/10/1989 Cracovia Polonia   0 – 0   Inghilterra Qual. Mondiali 1990 -
15/11/1989 Londra Inghilterra   0 – 0   Italia Amichevole -
13/12/1989 Londra Inghilterra   2 – 1   Jugoslavia Amichevole -
28/03/1990 Londra Inghilterra   1 – 0   Brasile Amichevole 1
25/04/1990 Londra Inghilterra   4 – 2   Cecoslovacchia Amichevole -
15/05/1990 Londra Inghilterra   1 – 0   Danimarca Amichevole 1
22/05/1990 Londra Inghilterra   1 – 2   Uruguay Amichevole -
2/06/1990 Tunisi Tunisia   1 – 1   Inghilterra Amichevole -
11/06/1990 Cagliari Inghilterra   1 – 1   Irlanda Mondiali 1990 - 1º turno 1
16/06/1990 Cagliari Inghilterra   0 – 0   Paesi Bassi Mondiali 1990 - 1º turno -
21/06/1990 Cagliari Inghilterra   1 – 0   Egitto Mondiali 1990 - 1º turno -
26/06/1990 Bologna Inghilterra   1 – 0   Belgio Mondiali 1990 - Ottavi di finale -
1/07/1990 Napoli Inghilterra   3 – 2   Camerun Mondiali 1990 - Quarti di finale 2
4/07/1990 Torino Germania Ovest   1 – 1
(4 - 3 dcr)
  Inghilterra Mondiali 1990 - Semifinale 1
7/07/1990 Bari Italia   2 – 1   Inghilterra Mondiali 1990 - Finale 3º posto -
12/09/1990 Londra Inghilterra   1 – 0   Ungheria Amichevole 1 cap.
17/10/1990 Londra Inghilterra   2 – 0   Polonia Qual. Euro 1992 1 cap.
14/11/1990 Dublino Irlanda   1 – 1   Inghilterra Qual. Euro 1992 - cap.
6/02/1991 Londra Inghilterra   2 – 0   Camerun Amichevole 2
27/03/1991 Londra Inghilterra   1 – 1   Irlanda Qual. Euro 1992 -
1/05/1991 Smirne Turchia   0 – 1   Inghilterra Qual. Euro 1992 - cap.
25/05/1991 Londra Inghilterra   2 – 2   Argentina Amichevole 1 cap.
1/06/1991 Sydney Australia   0 – 1   Inghilterra Amichevole - cap.
3/06/1991 Auckland Nuova Zelanda   0 – 1   Inghilterra Amichevole 1 cap.
12/06/1991 Kuala Lumpur Malaysia   2 – 4   Inghilterra Amichevole 4 cap.
11/09/1991 Londra Inghilterra   0 – 1   Germania Amichevole - cap.
16/10/1991 Londra Inghilterra   1 – 0   Turchia Amichevole - cap.
13/11/1991 Poznań Polonia   1 – 1   Inghilterra Qual. Euro 1992 1 cap.
19/02/1992 Londra Inghilterra   2 – 0   Francia Amichevole 1
25/03/1992 Praga Cecoslovacchia   2 – 2   Inghilterra Amichevole -
29/04/1992 Mosca CSI   2 – 2   Inghilterra Amichevole 1 cap.
12/05/1992 Budapest Ungheria   0 – 1   Inghilterra Amichevole - cap.
17/05/1992 Londra Inghilterra   1 – 1   Brasile Amichevole - cap.
3/06/1992 Helsinki Finlandia   1 – 2   Inghilterra Amichevole - cap.
11/06/1992 Malmö Danimarca   0 – 0   Inghilterra Euro 1992 - 1º turno - cap.
14/06/1992 Malmö Inghilterra   0 – 0   Francia Euro 1992 - 1º turno - cap.
17/06/1992 Stoccolma Svezia   2 – 1   Inghilterra Euro 1992 - 1º turno - cap.
Totale Presenze 80 Reti (3º posto) 48

PalmarèsModifica

ClubModifica

Competizioni nazionaliModifica

Leicester: 1979-1980
Everton: 1985
Tottenham: 1991
Barcellona: 1987-1988
Tottenham: 1990-1991

Competizioni internazionaliModifica

Barcellona: 1988-1989

IndividualeModifica

1986, 1992
1986
1982-1983
Messico 1986 (6 gol)
1984-1985, 1985-1986, 1989-1990

Vita privataModifica

Si è sposato il 1º settembre 2009 con la modella Danielle Bux a Ravello, nella Costiera amalfitana.[45] La coppia si è separata nel 2016.

NoteModifica

  1. ^ a b Gary Lineker, gol a grappoli e zero cartellini gialli e rossi, su corrieredellosport.it (archiviato dall'url originale il 29 novembre 2014).
  2. ^ a b Gary Lineker, su enciclopedia-football.com (archiviato dall'url originale il 2 giugno 2015).
  3. ^ Gary Lineker – l'attaccante gentlemen, su calcioscout.com.
  4. ^ Lineker puts together an England XI of former teammates, in Mail Online. URL consultato il 18 marzo 2017.
  5. ^ (EN) Top 10 England goals of all time - in pictures, in Telegraph.co.uk. URL consultato il 18 marzo 2017.
  6. ^ a b Gary LINEKER - League appearances for The Foxes. - Leicester City FC, su Sporting Heroes. URL consultato il 18 marzo 2017.
  7. ^ (EN) Tim Jonze, Gary Lineker on being a Leicester City fan: ‘We’re all going through hell’, in The Guardian, 11 aprile 2016. URL consultato il 18 marzo 2017.
  8. ^ (EN) 26 March 1987: Alan Smith signs from Leicester for £750,000. « The History of Arsenal, su www.blog.woolwicharsenal.co.uk. URL consultato il 18 marzo 2017.
  9. ^ (EN) Leicester Premier League win: Gary Lineker's Foxes season, in BBC Sport, 3 maggio 2016. URL consultato il 18 marzo 2017.
  10. ^ Gary Lineker | Everton Football Club, su www.evertonfc.com. URL consultato il 18 marzo 2017.
  11. ^ The 80's looks of Harry Hill, Gary Lineker and Jessica Chastain, Episode 15, Series 16, The Graham Norton Show - BBC One, su BBC. URL consultato il 18 marzo 2017.
  12. ^ a b Gary Lineker, su IMDb. URL consultato il 18 marzo 2017.
  13. ^ Gary Lineker, su consultasportivasolbiateolona.blogspot.it. URL consultato il 18 marzo 2017.
  14. ^ Tottenham: Golden Boot For Gary Lineker 1986 World Cup, su Hotspur HQ, 23 giugno 2014. URL consultato il 18 marzo 2017.
  15. ^ Alla scoperta della Scarpa d'oro, il trofeo dei capocannonieri, da Eusebio a Cristiano Ronaldo, su Fox Sports, 13 aprile 2016. URL consultato il 18 marzo 2017.
  16. ^ Germán Aczel, Passione Mondiali 1930-2014: Storia illustrata dei Mondiali di calcio, DODICI EDIZIONI, 3 giugno 2014, ISBN 978-88-6895-110-8. URL consultato il 18 marzo 2017.
  17. ^ (EN) Jack Wilshere goal in England's top 10, says Gary Lineker, in BBC Sport, 14 giugno 2015. URL consultato il 18 marzo 2017.
  18. ^ BBC - Northern Ireland - Patrick Kielty, Almost Live, su bbc.co.uk, 14 dicembre 2003. URL consultato il 18 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 14 dicembre 2003).
  19. ^ (EN) Gary Lineker to enter Hall of Fame 25 May 2005 - News - tottenhamhotspur.com, su www.tottenhamhotspur.com. URL consultato il 18 marzo 2017.
  20. ^ Jan Alsos, Planet World Cup - Legends - Gary Lineker, su www.planetworldcup.com. URL consultato il 18 marzo 2017.
  21. ^ LINEKER, MAI AMMONITO!, su febbrea90magazine.blogspot.it. URL consultato il 18 marzo 2017.
  22. ^ Calcio, Fifa: premio Fair Play a Gary Lineker - Sport - Repubblica.it, su sport.repubblica.it. URL consultato il 18 marzo 2017.
  23. ^ TreeView | Start New Tree: TheGenealogist, su www.thegenealogist.co.uk. URL consultato il 18 marzo 2017.
  24. ^ Featured Articles: TheGenealogist, su www.thegenealogist.co.uk. URL consultato il 18 marzo 2017.
  25. ^ a b (EN) Euan Ferguson, He's still the golden shot, in The Guardian, 8 aprile 2007. URL consultato il 18 marzo 2017.
  26. ^ Komodo Marketing, http://www.caldecote.leicester.sch.uk/, su www.caldecote.leicester.sch.uk. URL consultato il 18 marzo 2017.
  27. ^ a b (EN) Passed/Failed: An education in the life of Gary Lineker, Match of the, in The Independent, 4 marzo 2010. URL consultato il 18 marzo 2017.
  28. ^ (EN) BBC NEWS | UK | England | Leicestershire | Grass-roots football gets £11m, su news.bbc.co.uk. URL consultato il 18 marzo 2017.
  29. ^ a b c d e f g h i j k l Salvatore Lo Presti, Lineker, Gary, su treccani.it. URL consultato il 3 marzo 2017.
  30. ^ Barcellona, ingaggiato Lineker per 6 anni, in la Repubblica, 2 luglio 1986, p. 37.
  31. ^ Vince il Barcellona 4-2 allo Sredets Sofia, in la Repubblica, 5 aprile 1989, p. 27.
  32. ^ Lineker al Torino?, in la Repubblica, 3 luglio 1990, p. 9.
  33. ^ Francesco Rasulo, Giappone, la dolce pensione, in la Repubblica, 2 giugno 1993, p. 34.
  34. ^ (EN) World Cup Legends: Gary Lineker, su planetworldcup.com. URL consultato il 24 dicembre 2010.
  35. ^ Lineker tre gol, Inghilterra salva, in la Repubblica, 12 giugno 1986, p. 18.
  36. ^ Lineker colpisce ancora, in la Repubblica, 19 giugno 1986, p. 19.
  37. ^ Bruno Perucca, Maradona trafigge gli inglesi, in La Stampa, 23 giugno 1986, p. 16.
  38. ^ Carlo Coscia, Inghilterra-thrilling, salvata da due rigori, in La Stampa, 2 luglio 1990, p. 10.
  39. ^ (EN) Tom Usher, Why won't people stop tormenting Gary Lineker about the time he shat himself?, su vice.com, 6 aprile 2016.
  40. ^ Uno show di Lineker, quattro gol alla Spagna, in la Repubblica, 19 febbraio 1987, p. 18.
  41. ^ (EN) Gary Lineker England caps, su englandcaps.co.uk. URL consultato il 24 dicembre 2010.
  42. ^ Licia Granello, Lo spettacolo è il grande assente, in la Repubblica, 12 giugno 1992, p. 25.
  43. ^ Londra riceverà la Champions League in una cerimonia ad hoc, tuttochampions.it, 12 aprile 2011.
  44. ^ Gary Lineker - Profilo giocatore | Transfermarkt. URL consultato il 18 marzo 2017.
  45. ^ (EN) Gary Lineker and Danielle Bux get married in Ravello, www.thesun.co.uk. URL consultato il 24 dicembre 2010.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN79407361 · ISNI (EN0000 0000 8281 0381 · LCCN (ENn93098346 · GND (DE119014041