Apri il menu principale
Chiesa di San Benedetto, Livorno

Gaspero Pampaloni (... – ...) è stato un architetto italiano.

Nato nella seconda metà del XVIII secolo, nei primi decenni dell'Ottocento fu particolarmente attivo a Livorno. Qui, nel 1806, sui terreni dell'ex Rivellino di San Marco, completò il sontuoso Teatro San Marco (semidistrutto durante la seconda guerra mondiale). Nei medesimi anni collaborò con Riccardo Calocchieri nella realizzazione del Cimitero comunale dei Lupi.

Successivamente, facendo ricorso ad un linguaggio neoclassico, edificò la chiesa di San Benedetto (1817-1819), un edificio a pianta centrale sormontato da una calotta e preceduto da un portico architravato d'ordine ionico.

Lavorò poi alla cattedrale, dove sostituì l'originario campanile a vela con una torre a pianta quadrata alta circa 50 metri (distrutta durante l'ultima guerra, è stata ricostruita con alcune modifiche).

In seno allo Scrittoio delle Regie Fabbriche, Pampaloni fu assistente di Luigi Bettarini per il piano urbanistico teso a favorire l'unione tra la vecchia città medicea e i sobborghi oltre il Fosso Reale.

BibliografiaModifica

  • C. Cresti, L. Zangheri, Architetti e ingegneri nella Toscana dell'Ottocento, Firenze 1978.
  • G. Piombanti, Guida storica ed artistica della città e dei dintorni di Livorno, Livorno 1903.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica